03/09/2014, 00.00
IRAQ - ONU
Invia ad un amico

Ban Ki-moon: "Tutti oltraggiati" per la decapitazione di Steven Sotloff

Diffuso ieri il video "Un secondo messaggio all'America" in cui si condannano i raid Usa contro l'Esercito islamico e si procede all'esecuzione del giornalista. La madre di Sotloff aveva inviato un messaggio chiedendo a Abu Bakra al-Baghdadi di salvare la vita del figlio. Minacce per una nuova decapitazione. Per gli analisti, ricorrere a questa "guerra mediatica" è segno di debolezza.

Beirut (AsiaNews/Agenzie) - "Siamo tutti oltraggiati per le notizie dall'Iraq sulle brutali uccisioni di civili da parte dell'Isis (Esercito islamico, EI), compresa quella giunta ieri sulla brutale decapitazione di un altro giornalista": è il commento di Ban Ki-moon, segretario generale dell'Onu, dopo la diffusione di un video su internet che mostra l'esecuzione del giornalista americano Steven Sotloff.

Le immagini sono molto simili a quelle del mese scorso in cui un militante dell'EI decapitava un altro giornalista Usa, James Foley.

Nel video diffuso ieri, dal titolo "Un secondo messaggio all'America", Sotloff, guardando la camera, dice di essere vittima della decisione del presidente Barack Obama di lanciare raid aerei in Iraq contro i jihadisti.

Sotloff indossa una tuta arancione, da prigioniero; un miliziano col volto coperto e con un accento britannico - forse lo stesso che ha ucciso Foley - accusa Obama e la sua "arrogante politica" contro l'EI, tagliando poi con un coltello la testa del giornalista. Alla fine del video, il miliziano, vestito di nero, minaccia di uccidere un terzo prigioniero, un britannico di nome David Cathorne Haines

Sotloff, 31 anni, era un freelance e aveva lavorato per Time, Foreign Policy, World Affairs Journal e il Christian Science Monitor. Aveva vissuto in Yemen diversi anni e conosceva bene l'arabo. Era stato rapito il 4 agosto 2013 nella zona nord della Siria, vicino ad Aleppo. La sua famiglia ha ammesso pubblicamente il suo rapimento solo il mese scorso, avendo sperato di liberarlo con un riscatto e col silenzio dei media.

Dopo l'esecuzione di Foley, la madre di Sotloff aveva rilasciato un video in cui supplicava il "califfo" Abu Bakr al- Baghdadi di salvare la vita del figlio.

Il Dipartimento di Stato Usa sta lavorando per verificare l'autenticità del video, filmato con strumenti di alta qualità tecnica e si dice "nauseato" se esso fosse vero.

Il premier britannico David Cameron afferma che la decapitazione che appare nel video è "un atto spregevole, assolutamente disgustoso".

Per alcuni analisti, il ricorrere a questa guerra mediatica con gesti sanguinari ed eclatanti è segno che l'EI è frustrata per le perdite che sta subendo nell'Iraq del nord, dopo le battaglie contro irakeni, curdi e sciiti uniti e i raid americani. La minaccia di uccidere un prossimo ostaggio britannico, mostra che l'EI non fa differenze fra aiuti militari e umanitari: la Gran Bretagna, infatti, ha finora soltanto deciso di inviare solo cibo e aiuti d'emergenza ai profughi irakeni.

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Arcivescovo di Mosul: Le decapitazioni islamiste, barbarie e paura per le sconfitte militari
03/09/2014
Stati Uniti: Stato islamico, la "più grande minaccia" per gli Usa. Da combattere anche in Siria
22/08/2014
James Foley, un giornalista che cercava "un senso" nella guerra
21/08/2014
Lo Stato islamico decapita Peter Kassig, operatore umanitario, e 18 soldati siriani
17/11/2014
Patriarca di Baghdad: Il cuore "sanguina" per gli innocenti in lraq, Siria e Gaza. Ed è "triste" per la timidezza del mondo civilizzato
26/07/2014