24 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/02/2011, 00.00

    BANGLADESH

    Bangladesh in rivolta per il caro prezzi, timori per le minoranze etniche e religiose

    Nirmala Carvalho

    In migliaia per le strade delle principali città del Paese chiedono le dimissioni del governo, accusato di opprimere la popolazione. Oltre 40 feriti negli scontri con la polizia. Vescovo di Dinajpur sottolinea il rischio di una strumentalizzazione degli estremisti islamici. Educazione e dialogo interreligioso testimoniati dalla Chiesa i due elementi fondamentali per dare più diritti alle minoranza e portare il Paese verso il cambiamento.

    Dhaka (AsiaNews) – Nelle principali città del Bangladesh, migliaia di persone sono scese in strada ieri,  per protestare contro il caro prezzi e chiedere le dimissioni del governo accusato di opprimere la popolazione e imprigionare dissidenti e attivisti. Al momento il bilancio delle rivolte è di oltre 40 feriti e 43 arresti. Nuove proteste e scioperi sono previsti nei prossimi giorni.    

    Intervistato da AsiaNews, mons. Moses M. Costa, vescovo di Dinajpur (Bangladesh settentrionale), afferma che la crisi economica e politica potrebbe dare spazio agli estremisti islamici, con un grave pericolo per le minoranze etniche e religiose. Per il prelato la libera educazione e il lavoro di dialogo interreligioso testimoniati dalla Chiesa sono i due elementi fondamentali per dare più diritti alle minoranze e portare il Paese verso la piena democrazia.

    Mons. Costa è stato ordinato vescovo di Dinajpur nel 1996. La diocesi ha circa 50mila fedeli cattolici, soprattutto tribali. Nel distretto di Dinajpur vivono oltre 2 milioni di persone e i musulmani sono la maggioranza,        

    Come  vede la situazione del Bangladesh alla luce delle rivolte avvenute in Medio Oriente?

    Siamo preoccupati per gli avvenimenti che stanno colpendo i Paesei arabi. Ho affrontato questo problema con alcuni fedeli della mia diocesi e stiamo cercando di capire quale tipo di impatto potrebbero avere nel nostro Paese. La pressione degli estremisti islamici è in crescita e negli ultimi cinque anni l’Arabia Saudita ha finanziato oltre 34mila nuove madrasse. Per avere una vera democrazia ci vorrà ancora molto tempo. Al momento i due partiti principali, il Bangladesh Nationalist Party e la Bangladesh Awami League, sono guidati da due donne che continuano a scontrarsi per il potere e questo causa malcontento tra i musulmani. Io però sono fiducioso che in futuro qualcosa cambierà. Io ho diversi contatti con i gruppi islamici moderati che hanno posizioni più liberali, ma non escono con dichiarazioni pubbliche per paura dei fondamentalisti.

    Qual è la testimonianza della Chiesa cattolica in Bangladesh?

    La testimonianza principale della Chiesa è nell’istruzione aperta a tutti. In Bangladesh noi cristiani siamo meno dell’1% su una popolazione di 129 milioni e solo nella nostra diocesi abbiamo una scuola superiore e molte scuole elementari. L’istituto più importante ha circa tremila studenti. Di questi solo 200 sono cattolici, gli altri sono tutti musulmani o tribali. Grazie a questa apertura la gente manda volentieri i propri figli nelle nostre scuole e usufruisce del nostro servizi di assistenza dei poveri e dei malati.

    Un altro tipo di testimonianza sono le suore di Madre Teresa. Nella diocesi di Dinajpur vi è solo un convento delle Missionarie della carità. Nonostante il numero esiguo le suore stanno facendo un lavoro meraviglioso. Esse assistono i malati di tutte le fedi e visitano i villaggi più sperduti, portando speranza alla gente. Proprio perché siamo una minoranza sparuta tutti beneficiano del nostro lavoro.

    I cristiani come sono inseriti all’interno della società?

    In generale abbiamo un buon rapporto con il governo e con la maggioranza dei musulmani. Ma i nostri problemi passano inosservati perché non abbiamo voce a sufficienza per farci sentire. Spesso subiamo discriminazioni. La gente comune non è contro di noi, ma è indifferente ai nostri problemi. I nostri bambini non vogliono andare nelle scuole pubbliche, dove vengono maltrattati solo perché parlano una lingua diversa dalla lingua nazionale. Per questa ragione i tribali hanno bisogno di piccole scuole per poter essere in grado di imparare il bangla, la lingua nazionale, necessaria per poter andare alle scuole superiori e superare il complesso di inferiorità che li allontana dalla società. 

    Lo Stato come tratta le minoranze?

    Le minoranze non sono nominate nella Costituzione e non godono di nessuna garanzia. Ecco perché la nostra gente non ha possibilità di sviluppo ed emancipazione. Tribali ed altre minoranze devono competere con la maggioranza musulmana in ogni aspetto della vita e non hanno l’adeguata formazione per poter affrontare una simile difficoltà. Essi sono poveri anche dal punto di vista religioso, perché non approfondiscono il significato di ciò in cui credono. Noi ad esempio abbiamo  conversioni e vocazioni, ma chi chiede di diventare sacerdote ha spesso un background culturale troppo basso, per poter dire messa e dare i sacramenti. Le minoranze hanno bisogno di opportunità, soprattutto nella formazione professionale, in modo da poter sfruttare i settori più competitivi. Senza formazione ed educazione la nostra gente ha poche possibilità di sviluppo. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/09/2010 BANGLADESH
    Missionario bangladeshi: il miglior luogo per comprendere la vocazione è la famiglia
    Fratel Nirmol Francis Gomes, dei missionari della Santa Croce, racconta la genesi della sua vocazione avvenuta grazie all’esempio di fede dei genitori, nonostante le difficoltà economiche. Nominato di recente vice rettore di una scuola di Chittagong, il missionario cerca di trasmettere ai giovani senza famiglia l’amore e l’educazione cristiana vissuta durante la sua infanzia.

    19/04/2013 BANGLADESH
    Vescovo di Dinajpur: Papa Francesco sostiene i cristiani del Bangladesh
    Mons. Sebastian Tudu racconta ad AsiaNews la reazione dei cattolici e della Chiesa locale all'elezione del nuovo pontefice. Nell'Anno della fede, il prelato ha lanciato tanti progetti per la diocesi: due nuove parrocchie, due centri pastorali e un programma vocazionale per suore e sacerdoti. La sfida di essere una minoranza dello 0,1% in un Paese islamico.

    06/07/2010 BANGLADESH
    Sacerdote del Bangladesh: spesso i matrimoni misti finiscono male, ma vi sono coppie felici
    Nel Paese a maggioranza islamica problemi finanziari e differenze religiose fanno fallire i matrimoni. Dal 2005 p. Shorot Francis Gomes, membro del Worldwide Marriage Encounter, aiuta le coppie a comprendere il sacramento e il mistero della chiamata di Gesù all’interno della loro unione.

    07/10/2010 BANGLADESH
    La missione di padre Speziale: trasformare le vite dei poveri emarginati
    Il sacerdote del Pime conduce una scuola e case per ragazzi, per dare un’istruzione ai poveri. Ora questi ragazzi hanno un sogno: studiare e avere una professione. Intervista esclusiva ad AsiaNews.

    22/06/2010 PAKISTAN
    Islamabad “usa il terrorismo contro le minoranze”
    Lo dice ad AsiaNews Peter Jacob, il segretario generale della Commissione episcopale pakistana giustizia e pace, in visita in Europa: “Con la scusa dell’identità islamica e della guerra al terrore, il governo mantiene in vigore le leggi di discriminazione religiosa”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®