24 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/01/2018, 12.36

    ISRAELE - PALESTINA

    Betlemme, Teofilo III celebra il Natale ortodosso. Proteste dei palestinesi cristiani



    Il convoglio di Teofilo III attaccato all’arrivo in piazza della Mangiatoia. I palestinesi accusano la Chiesa greco-ortodossa di vendere terreni ad alcuni gruppi ebraici. Gli accordi risalgono al predecessore di Teofilo III. Alla messa hanno preso parte autorità palestinesi e giordane. 

    Betlemme (AsiaNews/Agenzie) – La basilica della Natività è il cuore, la protezione e lo scudo della città santa di Betlemme. È quanto ha detto il patriarca greco-ortodosso Teofilo III durante la messa per le celebrazioni del Natale ortodosso, tenutesi nella notte fra il 6 e il 7 gennaio.

    Teofilo III ha guidato la processione della vigilia da Gerusalemme fino a Betlemme. Alla messa hanno partecipato varie personalità, fra cui il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Mahmoud Abbas e il ministro giordano degli interni, Ghaleb Zu’bi.

    Durante la cerimonia, il patriarca ha pregato per la pace in Medio Oriente e ribadito la vicinanza della Chiesa ortodossa alla popolazione palestinese. Un’espressione di solidarietà che giunge in un momento difficile per il patriarcato: in piazza della Mangiatoia, Teofilo III è stato accolto da una protesta di palestinesi cristiani che accusano la Chiesa greco-ortodossa di aver venduto proprietà e terreni a gruppi ebraici. Gruppi di manifestanti hanno attaccato il convoglio di Teofilo III con sassi, bottiglie d’acqua e uova all’urlo di “traditore, traditore”.

    Issa Musleh, portavoce della Chiesa ortodossa, nega le accuse, affermando: “Questi sono vecchi accordi che il patriarca vuole rettificare e chiarificare, perché tutti questi vecchi contratti sono nocivi ai diritti del patriarcato e della sua congregazione”.

    La controversia risale al 2004, quando tre società connesse con l'organizzazione ebraica Ateret Cohanim avevano acquistato, in virtù di un contratto di locazione a lungo termine, tre edifici della Chiesa greco-ortodossa: il Petra Hotel, l'Hotel Imperiale e un edificio residenziale nella Città Vecchia di Gerusalemme, nel quartiere vicino alla porta di Jaffa. Tale acquisizione aveva provocato le ire dei palestinesi e portato alla destituzione nel 2005 del patriarca Ireneos, predecessore di Teofilo III. Con l’attuale patriarca, la Chiesa greco-ortodossa ha avviato una battaglia legale contro l’accordo, definendolo “illegale” e “non autorizzato”. Lo scorso 1 agosto, una corte distrettuale ha respinto la posizione del Patriarcato, ora intenzionato a far ricorso alla Corte suprema israeliana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/08/2017 12:57:00 TERRA SANTA
    Teofilo III contro la giustizia israeliana: proprietà greco-ortodosse trafugate in modo ‘illegale’

    Nel 2004 il precedente patriarca aveva venduto proprietà della Chiesa nella Città Vecchia a un’organizzazione di coloni ebraici. Il Patriarcato si era opposto alla vendita autorizzata, avviando una battaglia legale. Il 1 agosto, la corte israeliana ha confermato l’accordo di vendita. Teofilo III annuncia ricorso alla Corte suprema condannando la decisione “politica”. Essa avrà “il più negativo degli effetti sulla presenza cristiana in Terra Santa”.



    22/08/2005 TERRA SANTA
    Gerusalemme, il Sinodo greco-ortodosso nomina Teofilo nuovo patriarca

    Eletto all'unanimità il nuovo patriarca greco-ortodosso "aiuterà il patriarcato ad affrontare e superare la crisi creata da Ireneos I". Ancora sconosciuta la reazione di Giordania ed Israele.



    11/11/2005 israele - terra santa
    Israele "obietta" ufficialmente all'intronizzazione di Teofilo III

    Il governo israeliano si oppone alla cerimonia, intesa come un invalidamento della rimozione del patriarca Ireneo I. Replica del patriarcato: "Interferenza diretta ed inappropriata, mina l'autonomia della Chiesa e la libertà religiosa".



    28/11/2005 Terra santa
    Israele accusa: l'insediamento di Teofilo III è "un grave errore"

    Contestata la cerimonia di giovedì scorso, celebrata nonostante le obiezioni ufficiali. Per il patriarca Israele si comporta "come l'impero Ottomano".



    14/07/2005 TERRA SANTA - PALESTINA - ISRAELE
    L'Autorità palestinese riconosce la rimozione di Ireneos I




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Il Vaticano domanda ai vescovi legittimi di farsi da parte per lasciare spazio a quelli illegittimi

    John Baptist Lin

    Lo scorso dicembre mons. Pietro Zhuang Jianjian di Shantou (Guangdong) è stato obbligato ad andare a Pechino dove “un prelato straniero” del Vaticano gli ha chiesto di lasciare la cattedra al vescovo illecito Giuseppe Huang Bingzhang. La stessa richiesta gli è stata fatta lo scorso ottobre. Mons. Giuseppe Guo Xijin, vescovo ordinario di Mindong dovrebbe diventare l’ausiliare o il coadiutore del vescovo illecito Vincenzo Zhan Silu. Sinicizzare la Chiesa cinese: sostenere il principio dell’indipendenza e seguire la leadership del Partito comunista.


    VATICANO – PERU'
    Papa in Perù: Giovani, il cuore non si può ‘fotoshoppare’, perché è lì che si gioca l’amore vero



    All’Angelus nella Plaza de Armas, papa Francesco ai giovani di seguire Gesù con tutto se stessi, senza scoraggiarsi, su esempio di san Martino di Porres, il santo meticcio. La preghiera silenziosa per la pace nella Repubblica del Congo. Ai vescovi, l’esempio di san Toribio di Mogrovejo, un infaticabile evangelizzatore: “Oggi lo chiameremmo un vescovo ‘di strada’”. Alle religiose contemplative l’invito a pregare per l’unità della Chiesa peruviana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®