26/01/2010, 00.00
FILIPPINE
Invia ad un amico

Call-center: fonte di lavoro per i filippini, ma un rischio per salute, famiglia e spirito

di Santosh Digal
Con 900mila impiegati nel settore e miliardi di euro di fatturato i call- center sono tra le imprese chiave del Paese. Lavoro notturno e turni massacranti provocano stress e ansia nei lavoratori, che non vedono mai i familiari e non riescono nemmeno ad andare a messa la domenica.

Manila (AsiaNews) – Con 900mila impiegati e un giro d’affari di oltre 7 miliardi di euro le Filippine sono un Paese chiave per le imprese di call-center (Business Process Outsourcing) in lingua inglese di Usa e Europa. Lo stipendio medio per ciascun impiegato è di circa 600 euro al mese. Tale cifra rende ancora più appetibile questo impiego tra i filippini colpiti da un alto tasso di povertà e disoccupazione. Nonostante ciò il lavoro notturno necessario per coprire i Paesi occidentali e i turni massacranti sono per i lavoratori causa di stress, problemi familiari e spirituali.

“Per tenermi sveglia durante la notte fumato molto in questi ultimi 5 anni – racconta Christine Gaga, impiegata di 25 anni presso un call-center medico statunitense – a causa di ciò ho avuto molti problemi di salute”.

Christine è di religione cattolica e ha studiato come infermiera presso l’Università di Manila. “Quando ritorno dal lavoro all’alba – dice – i miei genitori e i miei 6 fratelli sono già usciti per andare al lavoro o a scuola. Quando alla sera loro ritornano a casa io sono già uscita”. La ragazza dice che questo modello di vita l’ha di fatto privata del rapporto con i suoi familiari. “Prima di lavorare nel call-center – continua – la domenica andavamo tutti insieme a messa e ogni sera recitavo il rosario prima di andare a dormire. Ora tutto questo è per me impossibile”. Tutto ciò ha provocato in Christine un grave stato di ansietà e di stress e i suoi genitori le hanno proposto di cercare un altro lavoro, anche se meno redditizio.

“Le ragioni economiche non sono tutto nella vita – afferma – la cosa più importante nella vita è la fede in Dio, il rapporto con i familiari e la serenità”.

Nonostante la crisi economica globale nelle Filippine la diffusione dei call-center è in continua crescita. L’arcipelago ospita circa il 10% dell’industria mondiale di settore e nel 2012 raggiungerà quota un milione di impiegati. Ciò grazie soprattutto agli incentivi fiscali per le imprese di call-center promossi dal governo. I centri sono distribuiti su tutto il territorio, compresa la regione a maggioranza musulmana di Mindanao. Secondo  l’International Data Corporation (Idc) nel 2008 Manila è stato il secondo partner asiatico per il settore mondiale. Nel 2007 la United Kingdom National Outsourcing Association ha nominato  le Filippine “Destinazione offshore dell’anno”. 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giornata mondiale dei migranti: per la Chiesa filippina l’emigrazione distrugge le famiglie
18/12/2009
Migranti filippini, la fede per affrontare la crisi economica
15/03/2010
Asia: 17 milioni di nuovi poveri a causa della crisi globale
18/02/2010
Il coronavirus minaccia 4 milioni di lavoratori indiani nell’outsourcing
01/04/2020 13:51
Quando perdere il lavoro aiuta a guadagnare la fede
17/09/2009