27 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/12/2016, 11.54

    MYANMAR

    Card. Bo: il primo gennaio digiuno e preghiera per la pace



    Nel messaggio di fine anno l’arcivescovo di Yangon si appella a tutte le religioni: “Affolliamo monasteri, chiese, templi e moschee portando manifesti e bandiere con scritto ‘Stop a tutte le guerre!’”.

    Yangon (AsiaNews) – Facciamo appello a tutte le religioni “affinché il primo gennaio 2017 osservino una giornata di preghiera e digiuno per la pace. Affolliamo monasteri, chiese, templi e moschee portando manifesti e bandiere con scritto ‘Stop a tutte le guerre!’. Trascorriamo la giornata in preghiera e digiuno per cambiare il cuore di tutte le persone”. È l’appello contenuto nel messaggio di fine anno del card. Charles Maung Bo, arcivescovo di Yangon.

    Il documento, indirizzato a tutti i “fratelli e sorelle del Myanmar”, prende le mosse dalle violenze che si sono scatenate da tre mesi in varie zone del Paese. Nelle ultime settimane sono aumentati gli scontri fra il Tatmadaw (esercito governativo) e quello che i soldati definiscono “un gruppo militante di musulmani Rohingya” nello Stato Rakhine (sud-ovest del Myanmar). Dall’inizio di ottobre, il bilancio parla di almeno 90 persone uccise e circa 30mila sfollati. Il Tatmadaw continua a passare di villaggio in villaggio ripulendo il territorio dagli elementi ribelli.

    In contemporanea è ripresa anche la guerra civile nello Stato Kachin (nord-est). Le truppe di Naypyiadaw utilizzano attacchi aerei e terrestri per colpire le postazioni delle milizie etniche del Kia (Kachin Independence Army), causando un numero indefinito di morti e danneggiando anche la comunità cristiana.

    In queste parti del Myanmar, scrive il card. Bo, “non c’è felicità. La guerra prosegue e più di 200mila sfollati vivono nei campi profughi. Per loro non sarà un buon anno”. Mentre la Cambogia e il Vietnam hanno risolto i loro conflitti, continua il presule, “noi rimaniamo coinvolti in una guerra che non si può vincere. L’unico risultato è l’agonia e il dislocamento della popolazione”.

    Dopo 60 anni di conflitti intestini, recita il messaggio, “è giunto il momento di unirsi – tutte le religioni e i gruppi etnici – per fare in modo che il 2017 sia davvero un buon anno. La pace è possibile con la giustizia. La pace è possibile con la negoziazione. La risposta armata ha fallito”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/10/2016 11:32:00 MYANMAR
    Card. Bo: la ripresa dei conflitti interni “è inaccettabile. Ritorniamo al dialogo”

    L’arcivescovo di Yangon lancia un appello a tutta la nazione dopo le violenze riesplose negli Stati Kachin e Karen. La guerra “non è mai giusta e non può mai servire per raggiungere la pace”. La conferenza di Panglong “non sia una falsa rinascita. Coinvolgiamo le religioni nel cammino di pace”.



    13/09/2013 MYANMAR
    Naypyidaw ottimista sul cessate il fuoco coi ribelli, ma fra i Kachin la pace è “illusione”
    Entro il mese di ottobre il governo birmano conta di siglare un accordo congiunto su scala nazionale. Cruciali i colloqui della settimana prossima con i leader Kachin. Intanto continuano le schermaglie fra militari e milizie. Violenze e abusi della polizia sulla popolazione civile.

    03/09/2013 MYANMAR
    Kachin: Chiesa e Caritas in aiuto dei profughi, vittime di nuovi scontri etnici
    Resta alto il numero degli sfollati nello Stato settentrionale, al centro di un conflitto fra birmani e minoranza etnica. Le diocesi dell’area assistono migliaia di persone; oltre ai generi di prima necessità, i volontari cattolici garantiscono l’istruzione ai più piccoli. La zona teatro del conflitto ha raggiunto la Shwe Gas Pipeline.

    16/11/2016 12:14:00 MYANMAR
    Scontri e violenze contro i Rohingya. Card. Bo: Fermate la guerra

    Da ottobre sono almeno 60 i musulmani uccisi dall’esercito nello Stato. Impedita l’entrata di aiuti umanitari e osservatori indipendenti. Arcivescovo di Yangon: “L’unica religione di cui il Myanmar ha bisogno ora è la pace”.



    15/06/2016 13:03:00 MYANMAR
    Card. Bo: Basta violenze, lavoriamo insieme per la pace nello Stato Kachin

    L’arcivescovo di Yangon rivolge un appello al governo, ai ribelli e alla comunità internazionale per la cessazione del conflitto. Più di 150mila persone vivono in capi profughi in mezzo a campi minati. La conferenza di pace di luglio “un’occasione da non perdere”. I leader religiosi, cattolici e protestanti, “stanno fallendo nel lavorare a fianco del popolo per la pace”.

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®