16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/01/2017, 13.24

    INDIA

    Card. Gracias: L’anima non-violenta dell’Asia e il Messaggio del Papa per la pace

    card. Oswald Gracias*

    Il porporato indiano commenta gli esempi di Madre Teresa e del Mahatma Gandhi, due icone della non violenza. “I conflitti e le differenze di opinione sono sempre esistiti, ma è importante realizzare che la non violenza implica la presenza della giustizia, che deriva dalla presenza della pace”.

    Mumbai (AsiaNews) – “L’essenza dell’anima asiatica è la non violenza”. Lo dice ad AsiaNews il card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai e presidente della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Fabc). Commentando il messaggio di papa Francesco per la 50ma Giornata mondiale della pace, che si è svolta ieri, il porporato afferma che in Asia ci sono molte icone della non violenza. Parlando dell’India in particolare, ricorda le figure del Mahatma Gandhi e di Madre Teresa. “Il suo ministero senza precedenti – sostiene -  testimonia l’amore di Cristo che trascende le barriere religiose e culturali”. Di seguito il messaggio del card. Gracias (traduzione a cura di AsiaNews).

    L’India accoglie con particolare gioia il messaggio su “La non violenza: stile di una politica per la pace”. L’essenza dell’anima asiatica è la non violenza e oggi abbiamo molti asiatici come icone della non violenza. Il Santo Padre ha fatto riferimento a esempi di non violenza e pace con il Mahatma Gandhi, Khan Abdul Ghaffar Khan [politico musulmano sostenitore del pacifismo e della non violenza, denominato anche il “Gandhi di frontiera” – ndr] e Madre Teresa.

    Papa Francesco ha parlato del Mahatma Gandhi, il Padre della nostra nazione, considerato come “l’apostolo della non violenza”. Nel 20mo secolo il Mahatma è diventato il più potente simbolo al mondo per la non violenza, è stato discepolo di pace e armonia. Egli possedeva una forza interiore che, insieme ad altre virtù, lo hanno aiutato a raggiungere i suoi obiettivi. Egli aveva un enorme seguito perché persone di ogni fede, casta o credo erano testimoni della sua forza spirituale, e non solo della sua azione politica.

    Oggi è urgente e fondamentale ritornare fino al messaggio di Gesù. Per sua stessa ammissione, Gandhi ha detto che il Discorso della Montagna gli “è arrivato dritto al cuore”. Poi ha aggiunto: “I sermoni di Cristo sulla montagna continuano a riempirmi di felicità. I suoi dolci versi hanno il potere di spegnere l’agonia della mia anima”.

    La non violenza non è solo assenza di violenza, ma è uno spirito di pace, perdono, comprensione, tolleranza. Tutti questi valori conducono alla pace e sono i principi essenziali dello spirito della non violenza. Esso non è solo la fine [di tutto], ma impone di creare una società dove siano rispettati giustizia, pace e diritti umani di tutti, anche dei più emarginati.

    Oggi più che mai il messaggio della non violenza di Gandhi è importante per l’India e per il mondo. Nei nostri giorni alcuni strati della società sono caduti sotto l’influsso della globalizzazione e stanno guidando il Paese lontano dai principi di base di pace, armonia e co-esistenza reciproca per i quali Gandhi ha tanto lottato e sui quali è stata costruita la nostra amata nazione.

    Papa Francesco ha fatto riferimento anche ad un’altra indiana, Santa Madre Teresa, che è “un simbolo, una icona del nostro tempo”. Il ministero senza precedenti di Madre Teresa testimonia l’amore di Cristo che trascende le barriere religiose e culturali e supera le differenze linguistiche e regionali. Spegnendo la sete di Cristo, Santa Madre Teresa ispira e sfida il mondo a fare qualcosa in favore di coloro che vivono ai margini, in modo da creare una società umana fraterna.

    I conflitti e le differenze di opinione sono sempre esistiti, ma è importante realizzare che la non violenza implica anche la presenza della giustizia, che deriva dalla presenza della pace.

    Perciò io confido che questo spirito della non violenza possa creare la disponibilità a risolvere i conflitti attraverso una soluzione pacifica. D’altro canto, dato che le nazioni nel mondo continuano a confrontarsi con la minaccia del conflitto, del terrorismo e della violenza, questa non violenza non deve essere spinta ai margini dei conflitti, dove le persone hanno altri mezzi per risolvere le dispute e anche mezzi violenti per giungere allo scopo. Mentre non abbandono la speranza, sono consapevole che questo è un processo difficile.

    * arcivescovo di Mumbai e presidente della Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche (Fabc)

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/12/2016 14:55:00 VATICANO-PACE
    I piccoli passi della nonviolenza contro i grandi disegni di guerra

    Nel Messaggio per la Giornata mondiale della Pace 2017, papa Francesco oppone alle violenze degli armamenti, della finanza e del fondamentalismo l’educazione in famiglia e il divenire testimoni e operatori di pace. I leader del mondo invitati ad assumere le beatitudini come “manuale” per attuare le loro politiche. In un mondo dalla “guerra a pezzi”, occorre ricucire la collaborazione con tutte le religioni e gli uomini di buona volontà. La fine della “guerra giusta” e degli “interventi militari umanitari”. Un appello all’islam (e alle religioni): la violenza non è da Dio.



    12/12/2016 11:36:00 VATICANO-PACE
    Il Papa pubblica il Messaggio per la Pace 2017: La non violenza, stile di una politica per la pace

    Nel Messaggio per la 50ma Giornata mondiale della pace, papa Francesco afferma che la nonviolenza è la scelta più ragionevole; la violenza è invece illusoria. Il vangelo dell’amare i nemici è “la magna charta della nonviolenza cristiana”. Le testimonianze di Madre Teresa, Gandhi, Martin Luther King, Giovanni Paolo II. “Nessuna religione è terrorista”. “Le politiche di nonviolenza devono cominciare tra le mura di casa per poi diffondersi all’intera famiglia umana”. Le otto beatitudini, manuale di nonviolenza per leader politici e religiosi, imprenditori, dirigenti e media. Il nuovo Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale aperto alla collaborazione di tutti.



    07/03/2004 india - giornata mondiale della donna
    Sr Nirmala testimone di Cristo fra gli indù del suo paese natale


    01/01/2005 vaticano - asia - giornata mondiale della pace
    Papa: Promuovere la pace con le armi dell'amore

    Un saluto speciale per gli ambasciatori dei paesi colpiti dallo tsunami in Asia.



    01/01/2017 10:39:00 VATICANO
    Papa: Celebrare la Santa Madre di Dio ci ricorda che abbiamo la Madre; non siamo orfani

    Alla messa della solennità di Maria Madre di Dio e nella Giornata mondiale della pace, papa Francesco indica nella “maternità di Maria” il correttivo alla “orfanezza spirituale” che distrugge il senso di appartenenza a una famiglia, a un popolo. “Le madri sono l’antidoto più forte contro le nostre tendenze individualistiche ed egoistiche, contro le nostre chiusure e apatie”. “Quello sguardo che ci libera dall’orfanezza… ci ricorda che siamo fratelli: che io ti appartengo, che tu mi appartieni, che siamo della stessa carne”.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®