21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/07/2012
INDIA
Card. Gracias: Preghiamo per il nuovo presidente dell’India
di Card. Oswald Gracias
Il presidente della Conferenza episcopale indiana saluta “con piacere” l’elezione di Pranab Mukherjee, politico dalle impressionanti “qualità di leader” e con un grande “interesse” per il bene del Paese. Il prelato invita a rinnovare la collaborazione tra Chiesa cattolica e governo, nella missione tra i più poveri e gli emarginati.

Mumbai (AsiaNews) - Per il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza episcopale indiana, l'elezione di Pranab Mukherjee a nuovo presidente dell'India è l'occasione per riaffermare "i valori di cultura della vita, di pace e armonia, di dialogo e di integrità nella vita pubblica" propri del Paese. In una lettera di saluto al 13mo presidente dell'India, il porporato illustra i punti chiavi della missione della Chiesa cattolica nel Paese, e rinnova l'invito "a una continua collaborazione tra Chiesa e governo nella costruzione della nazione".

Accogliamo con piacere l'elezione di Pranab Mukherjee a nuovo presidente dell'India e a nome della Chiesa offriamo lui le più sincere congratulazioni. Chiediamo a Dio ogni benedizione per il nuovo presidente e per il nostro amato Paese.

Ho avuto modo di conoscere di persona Pranab Mukherjee in alcune occasioni, e sono rimasto impressionato dalle sue qualità di leader e dal suo interesse per il Paese. Preghiamo che come presidente sia un uomo di Stato.

Vorrei rassicurare il presidente sull'impegno della Chiesa cattolica in India nella costruzione della nazione, e attendiamo con impazienza di ristabilire la continua collaborazione con il governo in questa missione.

La Chiesa cattolica in India ha sempre affrontato le cause della povertà, in tutto il Paese. Il nostro instancabile apostolato dell'educazione si è rivolto in particolare alle zone più rurali e abbandonate, dove sorgono il 60% delle scuole cattoliche. In particolare, ci siamo dedicati soprattutto ai bisogni delle bambine: infatti, nei villaggi di queste aree la percentuale di scolarizzazione femminile è molto alta.

Anche in campo sanitario - come per l'istruzione -, la missione della Chiesa è rivolta soprattutto alle zone rurali e tribali, e solo in minima parte ai centri urbani. La varietà dei servizi che offriamo è molto vasta, grazie a 788 ospedali, dispensari, centri per la salute mentale, lebbrosari; per tubercolotici; malati di Hiv/Aids o terminali. Tali strutture accolgono e servono chiunque, senza discriminazione, né distinzione di credo o casta. Questo riflette il vero senso della vita e della missione cristiana: essere al servizio degli ultimi e degli abbandonati.

Ora che Pranab Mukherjee è il nuovo presidente, la Chiesa spera di continuare a collaborare con il governo nella missione tra i più poveri e gli emarginati.

La Chiesa in India pone l'accento sulla dignità e la sacralità della persona, il cuore della dottrina sociale della Chiesa, e preghiamo affinché la nostra amata patria promuova una cultura della vita: dove il male sociale del feticidio e dell'infanticidio femminile abbia fine; dove la dignità del non nato e delle bambine sia protetto e celebrato.

È ben noto anche l'impegno della Chiesa nel campo dello sviluppo e nei progetti sociali del Paese, dalla raccolta d'acqua, ai centri di aiuto e responsabilizzazione, e così via. La Chiesa si è occupata anche del problema della corruzione: speriamo e preghiamo che, sotto la presidenza Mukherjee, questo male sia affrontato e sradicato una volta per tutte.

Diverse iniziative hanno mostrato l'impegno della Chiesa nel dialogo interreligioso, a qualunque livello, dalla base ai piani "alti" della società.

La Chiesa cattolica prega che con il nuovo presidente Pranab Mukherjee, l'India rafforzi quei valori di cultura della vita, di pace e armonia, di dialogo e di integrità nella vita pubblica.

Dio benedica il nostro nuovo presidente

Dio benedica la nostra amata India 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/07/2013 INDIA
Imprenditore cattolico: Con l’informatica aiuto i ragazzi indiani a crearsi un futuro
di Nirmala Carvalho
23/05/2012 INDIA
Kerala, sacerdoti cattolici costruiscono nuovi appartamenti per i poveri di Changanassery
di Nirmala Carvalho
01/03/2010 INDIA
Festa per i 4 anni di Dimension, network di imprenditori cristiani in India
di Nirmala Carvalho
26/07/2008 VIETNAM
La Chiesa vietnamita cura i lebbrosi fra l’indifferenza del Governo e della gente
di J.B. VU
18/10/2011 INDIA
India: dottrina sociale della Chiesa, il “miglior segreto” contro il deserto morale di oggi
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate