17/10/2017, 13.35
INDIA
Invia ad un amico

Card. Gracias: le risposte di Amoris Laetitia alle sfide della famiglia indiana

Il simposio nazionale con delegati di 41 diocesi. “Una crescente crisi culturale, ideologica, sociale e spirituale” fa sentire a molti la famiglia come “un peso”. “Una spirale di atrocità e violenza contro le donne”, traffici e sfruttamento di donne e bambini. Le situazioni di crisi di coppia “richiedono una risposta costruttiva”, perché  “la strada della Chiesa è quella di non condannare eternamente nessuno”.

Mumbai (AsiaNews) – La famiglia ha un ruolo fondamentale da svolgere nell'evangelizzazione in quanto è il primo luogo nel quale si apprendono la fede e la cultura. Per questo si deve dare priorità pastorale all'evangelizzazione del matrimonio e della famiglia secondo l'insegnamento cattolico, da ultimo evidenziato in Amoris Laetitia, all’interno di una società, come è anche quella indiana, nella quale essa deve fronteggiare numerose e decisive sfide.

E’ il problema affrontato da delegati provenienti da 41 diocesi dell'India nel corso del Simposio nazionale di tre giorni su "Comprendere Amoris Laetitia nella Situazione Indiana" tenutosi a St. Pio X College di Mumbai dal 13 al 15 ottobre.

Intervenendo ai lavori, il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza episcopale e della Federazione degli episcopati asiatici, ha rilevato che se “ogni famiglia deve essere vista come un dono di Dio e l'ambiente privilegiato in cui i bambini possono nascere con dignità e crescere e sviluppare in modo integrale”, oggi essa deve affrontare “una crescente crisi culturale, ideologica, sociale e spirituale” causata “dall'influenza negativa dei mass media, della cultura edonistica, del relativismo, del materialismo, dell'individualismo, del laicismo, delle ideologie ateistiche e da una liberalizzazione eccessiva ed egoista della morale”. “Il drastico declino dei valori spirituali e morali nella società e la rapida crescita della secolarizzazione minacciano costantemente l'esistenza e la sopravvivenza della famiglia e della stessa civiltà”.

Tutti dovrebbero avere il necessario per la vita

E anche in India, “è triste” sapere che tante famiglie sono considerate un peso.  Molte vivono nelle periferie e lottano per sopravvivere. “Molte di loro appartengono a gruppi vulnerabili. Ad esempio, è triste rilevare che lo sfruttamento e l'oppressione dei dalit persistono ancora nel nostro Paese. Abbiamo un dovere di solidarietà per assisterli tutti affinché possano avere accesso almeno agli elementi fondamentali della vita. La famiglia, dice Amoris Laetitia, deve avere una casa, un'occupazione e un riconoscimento giusto dell'attività domestica dei genitori, la possibilità di mandare a scuola i bambini e di dare assistenza sanitaria di base a tutti. Quando la società e la politica pubblica non sono impegnati ad aiutare le famiglie in questi settori, si privano di una risorsa essenziale al servizio della pace . L'India è in una spirale di atrocità e violenza contro le donne, di assassini d’onore, uccisioni per la dote, attacchi di acido, feticide femminile, discriminazione di genere, traffico e sfruttamento di donne e bambini. Inoltre, i bambini di strada in India non sono curati e sostenuti dalle loro famiglie e dai loro cari, soprattutto a causa della loro difficile situazione economica; non hanno cibo e acqua sufficienti per sopravvivere. Molti di loro sono abusati sessualmente, fisicamente e mentalmente dai loro genitori, e vivere per strada li rende vulnerabili per ulteriore sfruttamento per  lavoro minorile e prostituzione. L'abuso sessuale del bambino come osserva Amoris Laettia è tanto più scandaloso quando si verifica in luoghi dove dovrebbero essere più sicuri, soprattutto nelle famiglie, nelle scuole, nelle comunità e nelle istituzioni cristiane".

Il card. Gracias ha poi ricordato che la Chiesa ha sempre condannato la distruzione volontaria di una vita nascente.  Nel ricordare che per la Chiesa uomini e donne hanno uguale dignità, “dal momento che il genio femminile è necessario in tutte le espressioni della vita della società, la presenza delle donne deve essere garantita anche sul posto di lavoro". In tal senso, ad esempio, vanno “le linee guida della CBCI recentemente promulgate per affrontare le molestie sessuali sul posto di lavoro”, quelle per la protezione dei bambini, per i dalit. “Amoris Laetitia chiede la promozione dei diritti delle donne e si esprime  fortemente contro il vergognoso maltrattamento al quale le donne sono talvolta sottoposte, le varie forme di schiavitù e di violenza domestica, e di violenza verbale, fisica e sessuale che le donne sopportano nei matrimoni”.

La Chiesa non condanna eternamente nessuno

Una nuova sfida per la famiglie viene poi dalle nuove tecnologie riproduttive artificiali, che “presentano anche gravi problemi etici. Molte coppie senza figli che desiderano avere un bambino a ricorrere alla fecondazione in vitro che spesso coinvolge la distruzione deliberata di embrioni umani. I mezzi artificiali di procreazione sono scelti anche dalle coppie per la selezione genetica”, anche in questo caso, con distruzione di embrioni, “che è la distruzione della vita umana e pertanto inaccettabile. Amoris Laetitia afferma molto chiaramente che ‘la rivoluzione tecnologica nel campo della procreazione umana ha introdotto la capacità di manipolare l'atto riproduttivo, rendendolo indipendente dalla relazione sessuale tra un uomo e una donna. In questo modo, la vita umana e la genitorialità sono diventati realtà modulari e separabili, soggette principalmente ai desideri di individui o coppie’”.

Oggi, poi, si moltiplicano situazioni di convivenza, di matrimoni tra divorziati, di sofferenza di tante persone sposate che vivono situazioni molto difficili. “Amoris Laetitia sottolinea chiaramente che ‘tutte queste situazioni richiedono una risposta costruttiva, cercando di trasformarle in opportunità che possano portare alla piena realtà del matrimonio e della famiglia in conformità con il Vangelo. Queste coppie devono essere accolte e guidate con pazienza e discrezione ". Inoltre, gli sforzi pastorali per rafforzare i matrimoni sono oggi più importanti che in passato. A questo proposito dobbiamo prendere in considerazione i programmi di preparazione al matrimonio e di arricchimento dei matrimoni nelle nostre diocesi e vedere come possono essere applicati alla luce delle situazioni matrimoniali impegnative di oggi. Papa Francesco afferma che ‘La strada della Chiesa è quella di non condannare eternamente nessuno; di effondere la misericordia di Dio a tutte le persone che la chiedono con cuore sincero’”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Papa: la famiglia, “gioia dell’amore”, luogo di crescita, espressione di misericordia
08/04/2016 13:10
Amoris laetitia: non solo sentimento e morale, ma anche impegno sociale
08/04/2016 13:59
Boom dell'economia cinese, tutto a svantaggio delle donne
08/03/2004
Diocesi di Sindhudurg: consigli ai suoceri su come trattare i figli sposati
14/12/2019 09:00
India, i vescovi di rito latino pubblicano la traduzione in hindi dell’Amoris Laetitia
01/10/2016 09:03