06/03/2017, 11.22
INDIA
Invia ad un amico

Card. Toppo: No alla legge che priva i tribali delle terre

di Nirmala Carvalho

L’arcivescovo di Ranchi ha guidato una delegazione di cristiani dalla governatrice del Jharkhand. Il suo governo ha approvato degli emendamenti sull’uso delle terre. Eliminata la restrizione che impediva a Stato e individui di comprare i terreni. In caso di difficoltà economiche, i tribali venderebbero le proprietà al miglior offerente.

Ranchi (AsiaNews) – I cristiani del Jharkhand si oppongono alla modifica di due leggi sulla proprietà terriera che rischiano di privare i tribali dell’uso delle terre. Il card. Telesphore Toppo, arcivescovo di Ranchi, ha guidato una delegazione cristiana in visita alla governatrice dello Stato indiano, composto in maggioranza da contadini tribali. Di fronte a Draupadi Murmu, essi hanno espresso tutta la loro preoccupazione per le nuove norme che solo all’apparenza favorirebbero i contadini. Ad AsiaNews l’arcivescovo afferma: “Gli emendamenti non portano beneficio al nostro popolo. Le norme condurranno ad un esproprio delle terre”.

La diatriba ruota attorno agli emendamenti a due leggi approvati dal governo statale, guidato dal partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party (Bjp). Il 23 novembre 2016 i parlamentari hanno dato il consenso alla modifica del Chotanagpur Tenancy Act e del Santhal Paragana Tenancy Act. Le modifiche annullano un precedente divieto ad acquisire le terre dei tribali imposto sia allo Stato che agli individui. Tale bando tutelava e proteggeva le proprietà terriere dei tribali, in maggioranza persone senza istruzione le cui terre sono la unica fonte di reddito che garantisce loro la sopravvivenza.

Sulla carta, gli emendamenti consentirebbero ai tribali l’utilizzo delle terre per scopi non agricoli, senza perderne il possesso. I cristiani però lamentano che con questo espediente si dà il via libera allo sfruttamento indiscriminato del territorio. Infatti nel caso in cui i tribali si trovassero in condizioni di difficoltà economiche, sarebbero portati a vendere i terreni al miglior offerente.

Secondo i cristiani, nessuno – e tantomeno la legge in questione – garantisce che le proprietà dei tribali non saranno utilizzate per massimizzare i profitti di attività industriali o turistiche. Le popolazioni che da secoli abitano queste regioni, dice il comunicato della delegazione cristiana, “rimarrebbero senza terre”. Poi rivolgendosi direttamente alla governatrice, cui spetta la decisione finale, aggiungono: “Chiediamo di fermare la legislazione”.

Il card. Toppo continua: “La vita delle nostre popolazioni è collegata in modo inestricabile con la foresta, la terra e le risorse naturali che le hanno sostenute per generazioni. Ora è in pericolo la loro stessa esistenza. Il nostro popolo tribale e povero rischia di perdere le sue piccole proprietà a discapito di progetti industriali, commerciali e governativi. Gli emendamenti mettono a repentaglio la loro vita e i mezzi di sostentamento, distruggendo il futuro della popolazione del Jharkhand”.

Secondo il porporato, “la modifica delle leggi porterà conseguenze devastanti: sfollamento di massa, migrazione dei tribali, gravi pericoli alla vita di comunità e alla sopravvivenza”. “La Chiesa – conclude – non può rimanere in silenzio di fronte a tutto questo. Noi siamo sempre dalla parte dei poveri”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ranchi: in 5mila manifestano contro la legge anti-conversione e per le terre
25/09/2017 08:58
Nuovo vescovo di Ranchi: Lavorerò per rafforzare la fede di tutti e sostenere chi è nel bisogno
25/06/2018 12:13
India, minacce di morte al card. Toppo: “Non ho paura, la mia missione va avanti”
11/06/2015
Jharkhand, nuova legge anti-conversione. Card. Toppo: Non esistono conversioni forzate
02/08/2017 11:55
Il Jharkhand chiede aiuto alla Chiesa per l’emergenza siccità. Estremisti indù insorgono
02/09/2009