18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 18/01/2008, 00.00

    SIRIA - IRAQ

    Caritas per le giovani irachene: a scuola per fuggire lo sfruttamento

    Marta Allevato

    A Damasco la Caritas siriana inaugura un nuovo programma che offrirà istruzione gratuita ad oltre 450 ragazze, senza distinzione di fede. Spesso, per difficoltà economiche e la mancanza di posti nelle scuole pubbliche, molte giovani profughe sono costrette a lavorare in condizione di sfruttamento, fino alla prostituzione. L’impegno per la crisi umanitaria degli iracheni in Siria.
    Damasco (AsiaNews) – Le giovani irachene rifugiate a Damasco avranno presto una possibilità in più per ottenere un’adeguata istruzione, una speranza in più di salvarsi dalla facile trappola dello sfruttamento. La prossima settimana la Caritas siriana darà il via ad un nuovo programma indirizzato a tutte le ragazze, tra i 10 e i 18 anni, fuggite dall’Iraq. Si tratta degli “Education courses” che offrono lezioni di informatica, inglese e ripetizioni delle materie scolastiche ad oltre 450 studentesse, cristiane e musulmane.
     
    I profughi iracheni in Siria superano probabilmente gli 1,4 milioni registrati dall’Alto commissariato Onu per le Nazioni Unite (Unhcr). Di questi l’80 per cento è concentrato nella capitale. Il sovraffollamento rende serio e urgente il problema dell’istruzione: gli ultimi arrivati non trovano posto nelle scuole pubbliche, dove ci sono classi di oltre 40 bambini; altri hanno difficoltà di apprendimento a causa del diversa pronuncia della lingua araba in Siria. “Per tutti la soluzione sarebbero insegnanti privati – raccontano alcuni genitori - ma i costi sono proibitivi per famiglie che riescono a malapena a pagare l’affitto”. Difficoltà economiche e impossibilità di accedere all’istruzione condannano molte ragazze a doversi guadagnare da vivere per contribuire all’economia familiare; il più delle volte, però, rischiando lo sfruttamento fino alla prostituzione.
     
    Gli “Education courses” - spiega il coordinatore, Bassam al-Chahil, un siriano impegnato da anni per i profughi iracheni - "sono realizzati con il sostegno dell’Unicef e vedono le studentesse divise in due categorie: quelle che vanno a scuola, ma hanno problemi in alcune materie; e quelle che non possono permettersi un’istruzione”. Il programma si articola in cicli di sei settimane e in tutto l’anno le studentesse saranno oltre 450.  Per le lezioni la Caritas ha affittato alcune stanze nella cattedrale siro-cattolica nel quartiere di Bab Sharki, nella città vecchia.
     
    Con il costo di 50mila dollari ogni sei mesi, gli “Education Courses” sono solo l’ultima delle iniziative della Caritas a Damasco per affrontare la crisi umanitaria che colpisce i profughi iracheni. La Caritas lavora sul territorio utilizzando i finanziamenti dell’Unhcr, a cui presenta regolarmente proposte e rapporti sulle necessità più urgenti. Dal 2004 è in piedi il programma per la distribuzione di aiuti che ogni anno riesce a fornire cibo, coperte vestiti e materiale igienico a oltre 150mila famiglie. L’altro programma fondamentale è quello medico-sanitario, per il quale la Caritas ha stipulato contratti con strutture private per la fornitura di assistenza gratuita agli iracheni registrati presso i suoi uffici. A Damasco finora hanno aderito un ospedale e due farmacie.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/09/2013 LIBANO-SIRIA-ONU
    Onu, da ottobre niente più aiuti alimentari per 200mila rifugiati siriani in Libano
    I fondi del 2013 non sono sufficienti, mentre cresce il flusso di profughi. Rischio di crisi umanitaria in caso di un attacco militare. Dopo le minacce di un attacco Usa, ogni giorno arrivano in Libano 12mila profughi siriani.

    08/08/2007 GIORDANIA - IRAQ
    La Giordania apre le scuole a 50mila bambini iracheni
    Finora il governo non garantiva istruzione ai figli di rifugiati dall’Iraq, perché illegali nel Paese. Ambasciatore iracheno ad Amman auspica che l’iniziativa possa risolvere “uno dei principali problemi della comunità”. Al momento sono 750mila i profughi iracheni in Giordania.

    22/10/2009 SRI LANKA
    Viaggio nei campi profughi dello Sri Lanka, dove si lotta per sopravvivere
    Il racconto di un volontario indiano, impegnato da agosto a settembre tra le Internally displaced persons (IDPs) del distretto di Vanni. Le drammatiche condizioni di vita nei campi e negli ospedali. Le sofferenze di donne, bambini, anziani e disabili. Il desiderio dei profughi di tornare presto a casa.

    19/12/2006 IRAQ - MEDIO ORIENTE
    Profughi iracheni, un dramma che non si ferma in Siria
    Dopo l'appello del Papa, da Siria, Giordania e Turchia AsiaNews ha raccolto testimonianze sulla vita di rifugiati dall’Iraq e delle difficoltà della diaspora cristiana. Vescovo caldeo di Aleppo:”Solitudine e povertà, i dolori maggiori. Ma nella chiesa i profughi trovano sicurezza e consolazione”.

    17/04/2007 ONU - IRAQ
    L’Onu chiede aiuto per 4 milioni di profughi iracheni
    Si apre oggi al Palais des Nations la Conferenza dell’Unhcr sulla crisi umanitaria dei rifugiati interni ed esterni dall’Iraq. Portavoce Onu: “Non cerchiamo solo fondi, ma una collaborazione più ampia da parte della comunità internazionale”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®