27 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/02/2016, 11.17

    PAKISTAN

    Cattolici del Pakistan: Con l’impiccagione di Qadri, la volontà politica di affrontare il terrorismo

    Kamran Chaudhry

    I radicali islamici stanno protestando nelle strade di tutto il Paese. L’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer è stato impiccato questa mattina. La scelta del presidente Hussain di non concedere la grazia è “coraggiosa. Giustizia è stata fatta nonostante la pressione dei fondamentalisti”. Direttore Commissione giustizia e pace: “Taseer è stato ucciso perché ha difeso Asia Bibi, che langue ancora in carcere”.

    Lahore (AsiaNews) – I fondamentalisti islamici sono scesi nelle strade di tutto il Pakistan per protestare contro l’impiccagione di Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer, avvenuta questa mattina. “Le emittenti televisive hanno smesso di mandare in onda la notizia della sua esecuzione. Ma la comunità internazionale ha acceso i riflettori su questo caso”, dice ad AsiaNews p. Morris Jalal, fondatore di una tv cattolica di Lahore. Egli aggiunge: “Giustizia è stata fatta nonostante la pressione dei fondamentalisti. Apprezziamo la decisione del governo, che ha dimostrato molto coraggio. Anche il presidente si trova sotto minaccia”.

    La tensione è alta nel Paese, dove i sostenitori di Qadri hanno bloccato diverse città. Nei giorni scorsi essi hanno minacciato ritorsioni nel caso in cui il presidente Mamnoon Hussain avesse rigettato l’appello di grazia presentato dai legali. Le minacce hanno costretto la famiglia di Hussain a rifugiarsi nel palazzo presidenziale, controllati dalle guardie di sicurezza. Inoltre due giorni fa la polizia ha arrestato due autisti del convoglio presidenziale, insospettiti dal fatto che essi avessero un’andatura più lenta del previsto.

    L’impiccagione di Qadri, sostiene p. Jalal, “è una scelta davvero coraggiosa, soprattutto per le minoranze. Questo significa che in futuro saranno scoraggiati i falsi casi di blasfemia. È un messaggio chiaro ai terroristi di ravvedersi. Nessuno è al di sopra della legge e il governo è determinato a sradicare i problemi presenti nel Paese”.

    Qadri è stato impiccato questa mattina nel carcere di Adiala a Rawalpindi, vicino la capitale Islamabad. Egli era una delle guardie del corpo di Taseer e il 4 gennaio 2011 ha ucciso il governatore all’uscita da un ristorante di Islamabad, per le sue posizioni contrarie alla legge sulla blasfemia. La legge prevede il carcere a vita o la condanna a morte per quanti profanano il Corano o dissacrano il nome del profeta Maometto. L’uomo ha sempre rivendicato la paternità dell'omicidio compiuto per punire il governatore, che si era espresso in favore di Asia Bibi, la madre cristiana detenuta con l’accusa di aver offeso il Profeta.

    Subito dopo l’omicidio di Taseer, Qadri è stato esaltato dai fondamentalisti come “eroe nazionale”. La sua immagine campeggia ovunque in Pakistan, nei tuck tuck [i caratteristici taxi a due ruote, ndr] come sui manifesti elettorali.

    Secondo p. Emmanuel Yousaf Mani, direttore nazionale della Commissione giustizia e pace della Conferenza episcopale pakistana, “la morte dell’omicida mostra che le leadership civile e militare sono sullo stesso piano”. “Il merito – aggiunge – va anche ai nostri tribunali, che non si sono sottomessi alla pressione dei gruppi religiosi. Finalmente c’è la volontà politica di affrontare il terrorismo. Potremmo avere una reazione violenta, ma le autorità non devono avere paura”.

    Il sacerdote conclude: “Taseer ha avuto il coraggio di prendere posizione per una donna povera appartenente ad una comunità di minoranza. Asia Bibi langue ancora in carcere. Chiediamo il suo immediato rilascio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/02/2016 08:46:00 PAKISTAN
    Pakistan, impiccato l’assassino di Salman Taseer. Si temono nuove violenze

    La condanna a morte di Mumtaz Qadri è stata eseguita nelle prime ore di oggi. Il detenuto ha incontrato i familiari poco prima dell’esecuzione. I suoi funerali previsti per oggi pomeriggio. Ci si aspetta la partecipazione in massa dei radicali islamici, che hanno già bloccato le strade di Rawalpindi, Lahore e Karachi. Qadri è considerato “eroe nazionale” per aver ucciso l’ex govenatore del Punjab, critico delle leggi sulla blasfemia.



    01/03/2016 12:37:00 PAKISTAN
    Attivisti: Siamo contro la pena di morte, ma l’impiccagione di Qadri ha reso giustizia

    La morte dell’assassino dell’ex governatore Salman Taseer ha sollevato un ampio dibattito tra gli islamisti e coloro che condannano le esecuzioni capitali, ma ritengono che in certi casi siano giustificate. L’impiccagione di Qadri è “da accettare in quanto funzionale a salvare vite innocenti in futuro”. Essa dimostra che le istituzioni sono “pronte a sfidare in modo serio la mentalità estremista”.



    01/03/2016 08:49:00 PAKISTAN
    Massima allerta per i funerali di Mumtaz Qadri. Si teme per la vita di Asia Bibi

    I funerali si terranno nelle prossime ore a Rawalpindi. Si sono già radunati milioni di fanatici islamici e altrettanti sono attesi a Lahore, Karachi e Peshawar per altre cerimonie funebri in contemporanea. Innalzate le misure di sicurezza attorno ad Asia Bibi, che era stata difesa dal governatore Salman Taseer. La famiglia della donna si è nascosta in una località segreta.



    23/02/2016 13:44:00 PAKISTAN
    Pakistan, massima tensione per la sentenza di grazia per l’assassino di Salman Taseer

    La decisione del presidente Mamnoon Hussain è attesa nei prossimi giorni. Egli deve decidere se accogliere o rigettare l’appello alla grazia presentato dai legali di Mumtaz Qadri. La famiglia presidenziale teme ritorsioni e si rifugia nella residenza ufficiale. Uno dei tre figli scampato di recente ad un attentato. La polizia pronta a elevare il livello di allerta nel Paese e rivedere l’intero sistema di sicurezza a Islamabad.



    12/04/2016 11:14:00 PAKISTAN
    Troppe violenze: Islamabad vieta le manifestazioni islamiche

    La decisione è stata presa ieri. Il governo vuole porre un freno alle violenze degli estremisti musulmani, che nelle scorse settimane hanno bloccato la capitale. Le proteste sono nate in seguito all’impiccagione di Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®