17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/01/2016, 00.00

    SRI LANKA

    Cattolici dello Sri Lanka: le promesse di Sirisena ai tamil “sono un inganno”

    Melani Manel Perera

    Il presidente ha detto che darà a 100mila profughi “delle terre”. Sacerdote singalese: “Ma non ha detto che gli ridarà le loro terre. La distinzione è rilevante”. Suora tamil: “Mentre Sirisena dice che l’esercito restituirà i terreni ai legittimi proprietari, i militari della Marina si preparano a occupare un altro terreno di 617 acri”.

    Colombo (AsiaNews) – Il presidente Maithripala Sirisena ha promesso a tutti i rifugiati tamil di dare delle terre su cui costruire le loro case. Ma le sue promesse “sono solo un inganno. I tamil sono stati ingannati in passato e lo sono tutt’ora”. Lo dicono ad AsiaNews alcuni sacerdoti e suore cattolici, commentando l’annuncio fatto da Sirisena nei giorni scorsi, in cui dichiarava di voler consegnare dei terreni agli sfollati della guerra civile. Il capo dello Stato ha anche detto che restituirà delle proprietà private occupate dall’esercito nelle zone di guerra. “Ma questo è falso – dice una suora – perché la Marina militare sta requisendo proprio in questi giorni un terreno di 617 acri nella provincia settentrionale per adibirlo a base navale”.

    Lo Sri Lanka è stato teatro di una sanguinosa guerra civile tra l’esercito regolare e i ribelli delle Tigri Tamil dal 1983 al 2009. Il conflitto ha provocato 40mila morti solo nelle ultime fasi e costretto 200mila persone a abbandonare le proprie case. Secondo gli ultimi dati, sono ancora 100mila gli sfollati interni.

    A questi il presidente Sirisena ha promesso di voler dare dei terreni entro sei mesi. La massima autorità statale si è detto anche “responsabile per non essersi reso conto delle condizioni di vita miserabili in cui vivono i tamil”. “Ma questo è ridicolo”, riferisce ad AsiaNews p. Terrance Fernando, sacerdote singalese e attivista. “È ridicolo sentire un commento simile da una persona che per 27 anni è stata membro del Parlamento e negli ultimi 17 anche ministro di governo. Egli dimostra di aver ignorato del tutto i problemi dei tamil”.

    Il sacerdote aggiunge che “i tamil non hanno bisogno di false illusioni, ma di gesti concreti e giustizia”. L’attivista fa notare inoltre che il presidente ha parlato in generale di dare delle “terre” e non “le terre che appartenevano di diritto alle popolazioni locali”. Una distinzione rilevante, sostiene, “che non favorisce le persone che vivevano nella parte orientale del Paese”.

    Suor Nichola Emmanuel, di origine tamil e attivista, aggiunge: “Sirisena ha detto che l’esercito ridarà delle terre occupate durante la guerra. Ma mentre lui fa queste dichiarazioni, a Mulaitivu [sulla costa nord-orientale – ndr] i militari della Marina vogliono costruire una base navale. I legittimi proprietari del terreno si sono opposti e hanno organizzato una manifestazione. Anche un altro centinaio di famiglie che vivono nella giungla di Sooriyapuram, vicino al loro villaggio di Keappaa-pulavu, hanno manifestato contro l’esercito regolare che occupa le loro case”.

    Suor Nichola riferisce che le forze armate occupano ancora vari distretti del nord, come quelli di Batti e Mannar, e rifiutano di abbandonare il territorio. Ci sono inoltre episodi di espropri di terre. “La mia impressione – conclude – è che per i tamil il futuro sarà tetro. I militari non lasciano le terre, la questione delle persone scomparse è irrisolta. Stessa sorte anche per i prigionieri politici. Tutto è fermo e in silenzio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/05/2017 12:25:00 SRI LANKA
    Mullikulam, sfollati tamil cattolici: 'traditi e ingannati' da tutti (Foto)

    La vicenda delle famiglie tamil risale al 1990, quando la Marina ha espropriato i terreni. Nel 2012 un accordo temporaneo, poi il trasferimento forzato nella giungla. Due settimane fa il via libera: “Potete ricostruire il villaggio”. Ad oggi, ancora nessun progresso.



    14/03/2016 12:30:00 SRI LANKA
    Presidente Sirisena: Ridare terre ai tamil, riconciliare il sud con il nord

    Il presidente ha riconsegnato 701 acri di terreni ai legittimi proprietari, cioè 650 famiglie tamil di Thelippalei e altre 50 di Kopai. Kopai diventa il primo villaggio in cui sono stati ridati tutti i terreni confiscati durante la guerra civile. A Thelippalei riconsegnata dopo 25 anni la scuola pubblica del villaggio; un progetto abitativo di 65mila case per accogliere gli sfollati.



    24/02/2017 15:50:00 SRI LANKA
    Jaffna, sfollati tamil: Ridateci le nostre terre espropriate dai militari o per turismo (Foto)

    In migliaia hanno partecipato ad una manifestazione. L’evento è stato organizzato dalla People’s Alliance for Right to Land e dal National Fisheries Solidarity Movement. Le proprietà sono state requisite durante i 30 anni di guerra civile. Tuttora sono in mano dell’esercito o di aziende che le sfruttano per turismo o agricoltura.



    23/08/2016 11:50:00 SRI LANKA
    Jaffna, l’esercito non riconsegna le terre a 9mila sfollati della guerra civile

    I profughi  vivono in 43 campi profughi, in condizioni precarie. I vertici militari giustificano la decisione per motivi di sicurezza nazionale. Gli sfollati denunciano che l’esercito costruisce templi buddisti sui loro terreni, mentre la maggior parte di essi è di religione indù e cattolica. I numeri  ufficiali del governo non coincidono con quelli degli attivisti.



    14/10/2015 SRI LANKA
    Profughi tamil pronti ad azioni massicce, se “Colombo non ci restituisce le nostre terre”
    Circa 30mila sfollati vivono nei campi profughi nel nord del Paese. Il presidente Sirisena ha promesso più volte di risolvere la questione degli insediamenti. Leader tamil: “Siamo forse cittadini di serie B? Perché dobbiamo stare a guardare l’esercito che occupa le nostre proprietà?”.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®