24 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 14/01/2016, 00.00

    SRI LANKA

    Cattolici dello Sri Lanka: le promesse di Sirisena ai tamil “sono un inganno”

    Melani Manel Perera

    Il presidente ha detto che darà a 100mila profughi “delle terre”. Sacerdote singalese: “Ma non ha detto che gli ridarà le loro terre. La distinzione è rilevante”. Suora tamil: “Mentre Sirisena dice che l’esercito restituirà i terreni ai legittimi proprietari, i militari della Marina si preparano a occupare un altro terreno di 617 acri”.

    Colombo (AsiaNews) – Il presidente Maithripala Sirisena ha promesso a tutti i rifugiati tamil di dare delle terre su cui costruire le loro case. Ma le sue promesse “sono solo un inganno. I tamil sono stati ingannati in passato e lo sono tutt’ora”. Lo dicono ad AsiaNews alcuni sacerdoti e suore cattolici, commentando l’annuncio fatto da Sirisena nei giorni scorsi, in cui dichiarava di voler consegnare dei terreni agli sfollati della guerra civile. Il capo dello Stato ha anche detto che restituirà delle proprietà private occupate dall’esercito nelle zone di guerra. “Ma questo è falso – dice una suora – perché la Marina militare sta requisendo proprio in questi giorni un terreno di 617 acri nella provincia settentrionale per adibirlo a base navale”.

    Lo Sri Lanka è stato teatro di una sanguinosa guerra civile tra l’esercito regolare e i ribelli delle Tigri Tamil dal 1983 al 2009. Il conflitto ha provocato 40mila morti solo nelle ultime fasi e costretto 200mila persone a abbandonare le proprie case. Secondo gli ultimi dati, sono ancora 100mila gli sfollati interni.

    A questi il presidente Sirisena ha promesso di voler dare dei terreni entro sei mesi. La massima autorità statale si è detto anche “responsabile per non essersi reso conto delle condizioni di vita miserabili in cui vivono i tamil”. “Ma questo è ridicolo”, riferisce ad AsiaNews p. Terrance Fernando, sacerdote singalese e attivista. “È ridicolo sentire un commento simile da una persona che per 27 anni è stata membro del Parlamento e negli ultimi 17 anche ministro di governo. Egli dimostra di aver ignorato del tutto i problemi dei tamil”.

    Il sacerdote aggiunge che “i tamil non hanno bisogno di false illusioni, ma di gesti concreti e giustizia”. L’attivista fa notare inoltre che il presidente ha parlato in generale di dare delle “terre” e non “le terre che appartenevano di diritto alle popolazioni locali”. Una distinzione rilevante, sostiene, “che non favorisce le persone che vivevano nella parte orientale del Paese”.

    Suor Nichola Emmanuel, di origine tamil e attivista, aggiunge: “Sirisena ha detto che l’esercito ridarà delle terre occupate durante la guerra. Ma mentre lui fa queste dichiarazioni, a Mulaitivu [sulla costa nord-orientale – ndr] i militari della Marina vogliono costruire una base navale. I legittimi proprietari del terreno si sono opposti e hanno organizzato una manifestazione. Anche un altro centinaio di famiglie che vivono nella giungla di Sooriyapuram, vicino al loro villaggio di Keappaa-pulavu, hanno manifestato contro l’esercito regolare che occupa le loro case”.

    Suor Nichola riferisce che le forze armate occupano ancora vari distretti del nord, come quelli di Batti e Mannar, e rifiutano di abbandonare il territorio. Ci sono inoltre episodi di espropri di terre. “La mia impressione – conclude – è che per i tamil il futuro sarà tetro. I militari non lasciano le terre, la questione delle persone scomparse è irrisolta. Stessa sorte anche per i prigionieri politici. Tutto è fermo e in silenzio”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2016 12:30:00 SRI LANKA
    Presidente Sirisena: Ridare terre ai tamil, riconciliare il sud con il nord

    Il presidente ha riconsegnato 701 acri di terreni ai legittimi proprietari, cioè 650 famiglie tamil di Thelippalei e altre 50 di Kopai. Kopai diventa il primo villaggio in cui sono stati ridati tutti i terreni confiscati durante la guerra civile. A Thelippalei riconsegnata dopo 25 anni la scuola pubblica del villaggio; un progetto abitativo di 65mila case per accogliere gli sfollati.



    14/10/2015 SRI LANKA
    Profughi tamil pronti ad azioni massicce, se “Colombo non ci restituisce le nostre terre”
    Circa 30mila sfollati vivono nei campi profughi nel nord del Paese. Il presidente Sirisena ha promesso più volte di risolvere la questione degli insediamenti. Leader tamil: “Siamo forse cittadini di serie B? Perché dobbiamo stare a guardare l’esercito che occupa le nostre proprietà?”.

    13/07/2012 SRI LANKA
    Alto commissario britannico: Aiuteremo i profughi di Mullikulam
    John Rankin ha incontrato oltre 200 tamil cattolici, costretti a vivere in una giungla senza nulla. Per colpa della guerra civile, 20 anni fa sono stati cacciati dal loro villaggio. L’Alto commissario promette di discutere il caso con il governo dello Sri Lanka.

    29/12/2015 SRI LANKA
    Natale nella giungla per i cattolici tamil, fra zanzare ed elefanti (Foto)
    Gli abitanti del villaggio di Mullikulam vivono da 25 anni come sfollati nella giungla di Marichchikattu. Non ci sono case, servizi igienici, acqua corrente, elettricità. Anche partecipare alla messa di mezzanotte di Natale è “pericoloso, per la presenza di elefanti sulla strada”. L’esercito organizza il trasporto da e per il campo profughi, ma “i soldati semplici non possono fare niente per porre fine all’occupazione militare: la decisione deve venire dall’alto”.

    10/08/2006 SRI LANKA
    Sri Lanka: cattolici raccontano la loro fuga dall'inferno dell'est

    Anche dopo la riapertura del canale di Maavilaru, non si fermano le violenze tra esercito e ribelli, mentre aumentano gli sfollati. Una operatrice del Jesuit Refugee Service a Muthur racconta il suo viaggio "a piedi sotto i bombardamenti".





    In evidenza

    ASIA-GMG
    Card. Gracias: Alla Gmg di Cracovia i giovani asiatici portano i valori asiatici

    Nirmala Carvalho

    I nostri pellegrini asiatici non portano solo la grandezza, la vitalità e la bellezza dell’Asia, ma anche la diversità multi-culturale, il pluralismo e i valori asiatici dell'ospitalità, la famiglia e, naturalmente, la Chiesa dei giovani. Alla scoperta di Cracovia e del carisma di Giovanni Paolo II, iniziatore della Gmg.


    SIRIA
    Orrore ad Aleppo: gruppo ribelle “moderato” decapita un bambino palestinese



    Il movimento Nur Eddin Zanki ha sgozzato l’11enne Abdallah Issa al grido di “Allah Akhbar”. Il bambino è stato giustiziato per aver collaborato con l’esercito governativo. Prima di morire egli è stato vittima di torture. Il comando generale, prende una (timida) distanza dalla barbara uccisione. Il gruppo è sostenuto da Turchia, Usa, Qatar e Arabia saudita.

     


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®