08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/05/2015, 00.00

    SRI LANKA

    Sri Lanka, per la prima volta i tamil ricordano le vittime della guerra civile

    Melani Manel Perera

    Il governo non ha bloccato le celebrazioni nel nordest dell’isola in occasione della “Giornata della memoria”, che festeggia la fine del conflitto contro le Tigri Tamil. A Mullivaikkal un raduno interreligioso è stata un’occasione di “consolazione e conforto”, anche se “c’è bisogno di una soluzione politica ai problemi dei tamil”.

    Colombo (AsiaNews) – Anche se con qualche restrizione, per la prima volta i tamil dello Sri Lanka hanno potuto ricordare i loro cari morti durante la guerra civile. In occasione della “Giornata della memoria” (18 maggio), la festa nazionale che celebra la fine del conflitto contro le Tigri Tamil (Liberation Tigers of Tamil Eelam, Ltte), il presidente Maithripala Sirisena ha concesso anche alle comunità del nord e dell’est del Paese di ricordare i loro morti. “Una consolazione”, spiegano alcune vedove di guerra ad AsiaNews, “che lenisce almeno un poco il dolore per una riconciliazione ancora difficile”. Sul terreno della chiesa di Mullivaikkal (distretto di Mullathivu) si è tenuto un evento interreligioso, a cui è seguita la celebrazione di una messa.

    Il 18 maggio 2009 Velupillai Prabhakaran, fondatore e leader dei ribelli Ltte, venne ucciso da un nucleo speciale delle Forze armate. La sua morte sancì la fine immediata e definitiva del trentennale conflitto etnico. A pagare il prezzo più alto fu la comunità civile tamil nel nordest del Paese, che ancora oggi lamenta discriminazioni da parte delle autorità e l’assenza di un vero processo di riconciliazione.

    Sotto il governo dell’ex presidente Mahinda Rajapaksa si è sempre impedito ai tamil di commemorare i propri defunti, con la scusa di dover evitare ogni apologia dei terroristi. La festa inoltre era celebrata come “Giornata della vittoria”, che il nuovo esecutivo ha cambiato in “Giornata della memoria” in segno di vicinanza alle vittime di tutte le etnie.

    Saravanamuttu Manimekala, 30enne cattolica e madre di tre bambini di 10, 8 e 7 anni, racconta ad AsiaNews: “Per la prima volta abbiamo avuto la possibilità di piangere in libertà i nostri cari e questo ci ha reso felici. Ma il nostro dolore non può ancora placarsi. C’è bisogno di una soluzione politica ai problemi dei tamil: solo quando verrà trovata potremo ricominciare davvero, anche se la sofferenza non sparirà mai”.

    Il marito di Manimekala è morto davanti ai suoi occhi, ucciso da un attentato esplosivo avvenuto nella loro chiesa di Walayamadam. Nell’attacco la donna ha perso anche i suoi genitori. Oggi è costretta a fare lavori saltuari per mantenere i suoi figli e mandarli a scuola. “Tante volte ho pensato al suicidio – ammette Manimekala – ma il pensiero dei miei figli mi ha tenuta in vita. Voglio andare avanti per loro, per renderli dei bravi esseri umani”.

    Per Suharthi Krishnagopal, vedova di 50 anni, la giornata è stata “un momento di grande consolazione e conforto. Sappiamo che i nostri cari non torneranno più, ma poterli ricordare è importante”. La donna ha perso il marito proprio nelle fasi finali del conflitto ed è rimasta sola con i suoi due figli. Per vivere ha un piccolo negozio, che gestisce nella stessa casa in cui vive.

    All’evento il cattolico Chandrasekaran ha ricordato sua moglie e i suoi due figli. “Avevamo una bella vita – racconta ad AsiaNews – e poi abbiamo sperimentato una distruzione terribile. Continuo a chiedermi perché Dio abbia salvato solo me, e cerco di capire quale sia il mio posto nel mondo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/06/2016 11:35:00 SRI LANKA
    Sri Lanka, l’esercito ammette vi sia una lista di ribelli tamil arresi e scomparsi

    I nomi – alcune centinaia - non sono stati resi noti ancora, ma un alto funzionario ha ammesso che la lista esiste. Nelle fasi finali della guerra civile migliaia di giovani tamil hanno consegnato le armi. Di molti di loro si è persa ogni traccia e si teme siano stati uccisi in omicidi extra-giudiziali.



    03/02/2015 SRI LANKA
    Sri Lanka, il neo-presidente: Eletto grazie al sostegno di tutte le etnie
    Maithripala Sirisena tiene la sua prima intervista televisiva e parla del nuovo corso che prenderà il Paese. Si presenta come una "persona comune" e chiede di non essere chiamato con titoli onorifici. Dismessi una serie di benefici propri della sua figura. Fondamentale per la vittoria il voto di tutta la popolazione.

    23/07/2010 SRI LANKA
    Commemorare il “Luglio nero” per riconciliare il popolo dello Sri Lanka
    Nel luglio 1983 durante la guerra civile i singalesi hanno ucciso 3mila tamil e distrutto 18mila case. Oggi Ong e comunità cattoliche commemorano il 27mo anniversario del tragico avvenimento. Capo dell’Associazione avvocati e società: “Il luglio nero del 1983 può essere usato per fare dei passi verso la riconciliazione e la giustizia”. Ma per p. Sarath Iddamalgoda “i fanatici singalesi sono solo interessati a controllare le aree tamil”.

    13/01/2015 SRI LANKA - VATICANO
    Papa in Sri Lanka: Una visita per riconciliare le discordie
    Papa Francesco è arrivato a Colombo, accolto da danze, elefanti e cori di bambini, insieme agli onori militari. Un Paese ancora segnato dalle conseguenze della guerra civile, che ha fatto oltre 60mila morti. "Perseguire la verità" sugli orrori della guerra non "per aprire vecchie ferite", ma "per la loro guarigione". Accoglienza e impegno comune fra i membri delle diverse religioni. Uno sviluppo economico che abbia a cuore la dignità umana, senza escludere nessuno. Il nuovo presidente Maithripala Sirisena vuole lavorare per "la pace e la riconciliazione" del suo popolo.

    04/03/2015 SRI LANKA
    Sri Lanka, il presidente visita il nord dilaniato dalla guerra civile
    Sanità, agricoltura, istruzione, terreni e pesca sono stati i temi principali dell'incontro con l'amministrazione della provincia. "Per riunificare la popolazione non basta lo sviluppo fisico, servono amicizia e comprensione".



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®