23/05/2013, 00.00
SIRIA - GIORDANIA
Invia ad un amico

Cattolici di Giordania marciano in silenzio per il rilascio dei vescovi ortodossi siriani

In duemila ad Amman lo scorso 21 maggio. All'iniziativa hanno partecipato centinaia di persone. La marcia è un messaggio di solidarietà al Patriarcato di Antiochia dei Greco-ortodossi e alla Chiesa siro-ortodossa. Il sequestro di mons. Yohanna Ibrahim e mons. Boulos Yaziji affligge non solo i cristiani, ma anche laici e musulmani.

Amman (AsiaNews) - Con una fiaccolata silenziosa oltre 2mila persone fra vescovi, responsabili delle Chiese cristiane di Giordania e laici cattolici hanno condannato il rapimento di mons. Yohanna Ibrahim e mons. Boulos Yaziji, da un mese nelle mani dei sequestratori, e ricordato p. Michel Kayyal (armeno-cattolico) e p. Maher Mahfouz (greco-ortodosso), i due sacerdoti sequestrati in febbraio. 

In un comunicato, i leader religiosi sostengono che "la permanenza dei due prelati nelle mani dei rapitori fino a questa data è un fatto inaccettabile non solo perché è un attentato alla loro vita, ma soprattutto per lo sgomento e il dolore suscitato fra i fedeli di cui essi erano guide".

Per i rappresentanti delle Chiese giordane entrambi sono "persone di grande capacità intellettuale che amano il proprio Paese e che svolgono la loro missione spirituale con spirito moderato". In questi i due vescovi non si sono limitati a guidare le loro diocesi, ma hanno anche scritto libri dove credenti e intellettuali hanno trovato nutrimento spirituale e stimolo al pensiero. "La loro permanenza nelle mani dei rapitori  - continua il comunicato - arresta anche l'attività di due delle più importanti personalità arabe-cristiane dei nostri giorni".

Per i vescovi la marcia è un messaggio di solidarietà al Patriarcato di Antiochia dei greco-ortodossi, rappresentato dal patriarca Yohanna X Yazij, e alla Chiesa siro-ortodossa, rappresentata dal patriarca Ignatius Zakka I Iwas, espresso nell'invito alla preghiera per queste due Chiese sorelle e per le Chiese nel mondo che con i propri responsabili  non cessano di presentare suppliche e preghiere per la liberazione dei due vescovi. (S.C.)

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
I due vescovi di Aleppo ancora nella mani dei rapitori. La "dittatura della falsa informazione"
25/04/2013
Papa: "Prego per la liberazione di mons. Ibrahim e mons. Boulos al-Yaziji"
23/04/2013
Attentato a Damasco: L'obiettivo non era la cattedrale greco-ortodossa
28/06/2013
Al Cairo, le divisioni dell'opposizione siriana
03/07/2012
Prima visita ufficiale in Libano di Ignazio Efrem II, patriarca siro-ortodosso
09/11/2015