13/02/2017, 09.05
INDIA
Invia ad un amico

Cattolici indiani a Modi: Usi la sua influenza per il rilascio di p. Tom, rapito in Yemen

di Santosh Digal

La All India Catholic Union è la più grande associazione di laici cattolici. Una lettera al premier affinchè utilizzi i suoi canali diplomatici in Medio Oriente. A dicembre il salesiano originario del Kerala è apparso in un video, visibilmente provato, affermando il bisogno di cure urgenti.

New Delhi (AsiaNews) – Il premier indiano Narendra Modi usi la sua influenza e quella del suo governo per negoziare con i Paesi del Medio Oriente la liberazione di p. Tom Uzhunnalil, rapito in Yemen il 4 marzo 2016. È l’appello lanciato dalla All India Catholic Union (Aicu), la più grande associazione di laici cattolici in India. Nella lettera, firmata dal presidente Lancy Da Cunha, i cattolici esprimono l’angoscia della comunità cristiana per i lunghi mesi di prigionia cui è sottoposto il sacerdote salesiano, nelle mani di militanti jihadisti riconducibili allo Stato islamico. Cunha afferma: “Chiediamo il suo personale intervento e assistenza per garantire che egli ritorni il prima possibile nella madrepatria e in condizioni in piena sicurezza. Speriamo e preghiamo che lei ci voglia sostenere”.

Dallo scorso marzo p. Tom, originario del Kerala, è nelle mani di un gruppo islamico che ha assaltato una casa di riposo per malati e anziani delle missionarie della Carità ad Aden, nel sud dello Yemen. Nell’attacco sono state massacrate quattro suore di Madre Teresa e altre 12 persone, presenti all’interno della struttura. Dopo mesi di silenzio, a fine dicembre è emerso un video in cui il sacerdote declina le proprie generalità e afferma di “aver bisogno urgente di cure mediche in ospedale”.

L’associazione di laici riconosce che “le circostante sono molto più complesse rispetto ad altri casi di rapimento di indiani in Afghanistan. Apprezziamo gli sforzi compiuti dal governo dell’India e da altri per il rilascio del gesuita p. Alexis Premkumar, sequestrato in Afghanistan e liberato otto mesi dopo. Anche Judith D’Souza, cooperante cattolica indiana rapita nello stesso Paese, è stata rilasciata qualche tempo dopo”.

Secondo i cattolici, “data la difficile situazione nella regione, crediamo che il governo dell’India, con le sue enormi capacità di influenza e buoni rapporti in molti Paesi del Medio Oriente, sia nella migliore posizione per garantire un effettivo intervento per il rilascio di p. Tom dalla sua cattività”.

“Lanciamo un appello – dice il presidente in conclusione – a lei e ai suoi colleghi del Ministero per gli Affari esteri di adottare tutte le misure necessarie per assicurare la sua salvezza e libertà”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
P. Tom, rapito in Yemen, "è ancora vivo"
12/07/2017 12:34
Mumbai, consegnato a p. Tom Uzhunnalil il premio Madre Teresa 2017
11/12/2017 11:51
Premio Madre Teresa 2017 a p. Tom Uzhunnalil, ‘esempio di compassione’
02/10/2017 08:44
La maggioranza dei palestinesi vuole la liberazione del militare israeliano rapito
17/07/2006
Mons. Frigeni: Non privare della gioia del Vangelo i popoli dell’Amazzonia
25/10/2019 14:43