20/02/2014, 00.00
LAOS
Invia ad un amico

Censure, sequestri e abusi: Vientiane è il regime “più repressivo” del Sud-est asiatico

Attivisti denunciano: "nel Paese vi è un governo dittatoriale e repressivo in tema di libertà individuali e diritti civili". La sparizione di Sombath Somphone un monito per tutti gli attivisti e oppositori al regime. Un laotiano conferma: non si può discutere di politica o criticare il partito comunista al potere. Anche la religione sotto lo stretto controllo dello Stato.

Vientiane (AsiaNews) - Il partito unico comunista al potere a Vientiane perpetra "gravi" violazioni ai diritti umani, che il più delle volte passano sotto silenzio a causa del controllo strettissimo del governo sulla stampa e le associazioni attiviste. È quanto denunciano gruppi pro-diritti umani all'indomani della pubblicazione di un rapporto secondo cui il Laos è "lo Stato più repressivo" di tutta la regione del Sud-est asiatico. Fin dalla scomparsa dell'attivista e figura di primo piano della società civile Sombath Somphone, fermato il 15 dicembre 2012 a un check-point della polizia, il Paese è finito nel mirino dei movimenti internazionali che si battono per i diritti umani. Una sparizione dietro la quale vi sarebbero agenzie governative o membri legati ai poteri dello Stato. 

In un'intervista a Radio Free Asia (Rfa) Phil Robertson, vice-direttore per l'Asia di Human Rights Watch (Hrw), sottolinea che "la situazione in Laos è molto seria", perché il governo di Vientiane "usa il suo potere [...] per controllare le posizioni politiche nel Paese, in un modo che viola chiaramente diversi trattati internazionali sui diritti umani". Egli parla di esecutivo "dittatoriale" e "repressivo" in tema di libertà individuali e civili.  

In tema di economia, il controllo dello Stato è pressoché assoluto, pur ipotizzando una possibile accelerazione nelle attività individuali in seguito all'ingresso - lo scorso anno - nell'Organizzazione mondiale del commercio (Wto). Sarah Cook, ricercatrice di Freedom House per l'Asia dell'est, riporta gli esempi di Cina e Vietnam, in cui i governi "si comportano in modo più aggressivo" dopo aver ospitato eventi internazionali che sembravano testimoniare "una parziale perdita del controllo". "Per questo in Laos - aggiunge la ricercatrice - bisognerà aspettare il prossimo anno per vedere cosa succederà". 

Tutti i giornali del Paese sono controllati dal partito, continua Phil Robertson, per questo "non è facile conoscere i casi di abuso che si susseguono. Molti sono gli eventi che restano nascosti". I cittadini sono "molto impauriti" per la scomparsa di Sombath, perché "se a sparire è un leader di primissimo piano" significa che "il governo può prelevare chiunque". Un cittadino laotiano, dietro anonimato, conferma che "non si può parlare o discutere di politica" e qualsiasi legge governativa "non è passibile di confronto o di critica". Se qualcosa "non ci piace", aggiunge la fonte, "non possiamo certo protestare. E per chi organizza conferenze senza permesso, c'è l'arresto". La stessa cosa per quanti indicano manifestazioni, passibili di fermo e condanna per istigazione alla "rivolta civile". 

Dalle ultime statistiche emerge che il Laos ha superato il Myanmar, sino al 2011 retto da una dittatura militare e ora guidato da un governo semi-civile, quale "[regime] più repressivo nella regione". Tuttavia, conclude il vice-direttore di Hrw, non è importante stabilire quale sia il Paese più repressivo, ma ciò che conta è denunciare e punire "ogni singola violazione ai diritti umani".

Le repressioni, peraltro, colpiscono anche i fedeli e le religioni, in particolare quella cristiana: dall'ascesa al potere dei comunisti nel 1975, con la conseguente espulsione dei missionari stranieri, la minoranza è soggetta a controlli serrati e vi sono limiti evidenti alla pratica del culto. La maggior parte della popolazione (il 67%) è buddista; su un totale di sei milioni di abitanti, i cristiani sono il 2% circa, di cui lo 0,7% cattolici. I casi più frequenti di persecuzioni a sfondo religioso avvengono ai danni della comunità cristiana protestante: nel recente passato AsiaNews ha documentato i casi di contadini privati del cibo per la loro fede o di pastori arrestati dalle autorità. Le maglie si sono strette ancor più dall'aprile 2011, in occasione di una violenta repressione della protesta promossa da alcuni gruppi appartenenti alla minoranza etnica Hmong. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Thailandia, inizia oggi il rimpatrio forzato dei hmong in Laos
28/12/2009
Pakistan: nel 2004 ogni giorno 3 abusi su minori
13/06/2005
Celebravano il Natale: arrestati 11 cristiani laotiani, 3 restano in carcere
12/01/2011
L'Ue contro Vientiane: reticente sulla sparizione di Sombath Somphone
02/09/2013
Laos, famiglie cristiane in fuga dal loro villaggio: hanno rifiutato di convertirsi al buddismo
28/03/2014