27 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/07/2009, 00.00

    PAKISTAN

    Centinaia di musulmani assaltano le case di 100 cristiani nel Punjab

    Qaiser Felix

    La folla ha appiccato il fuoco a numerose abitazioni, bruciato veicoli per strada e distrutto la rete elettrica. All’origine delle violenze una zuffa tra un cristiano ed un musulmano degenerata in un attacco con molotov, bastoni e acido.
    Kasur (AsiaNews) - Una folla di circa 600 mussulmani ha preso d’assalto un centinaio di case di cristiani a Bahmani, villaggio del distretto di Kasur nella provincia del Punjab. Lo riferisce la Commissione nazionale di giustizia e pace (Ncjp), organismo della Chiesa cattolica pakistana, affermando che gli attacchi hanno causato gravi danni alle abitazioni dei cristiani da cui sono stati anche rubati oggetti di valore e soldi.
     
    Gli incidenti sono avvenuti il 30 giugno. Il clero della moschea locale ha incitato alla violenza gli abitanti musulmani del villaggio accusando i cristiani di blasfemia. L’Ncjp riferisce che dietro gli attacchi dovrebbe invece esserci una vicenda di pochi giorni prima.
     
    Irfan Barkat, membro della Commissione, spiega ad AsiaNews che i disordini sono iniziati lunedì 29 giugno dopo una zuffa tra un ragazzo cristiano ed uno musulmano. Quest’ultimo, Muhammad Riaz, viaggiava a bordo di una bicicletta quando ha incontrato Sardar Mashi, 38 enne cristiano alla guida di un trattore. Riaz ha intralciato il percorso al mezzo di Mashi il quale ha chiesto strada suscitando la reazione risentita del giovane musulmano. La zuffa scoppiata tra i due è diventata ragione dei primi disordini dopo che Riaz, a quanto rifersicono fonti locali, si è rivolto a un religioso islamico del villaggio che gli avrebbe suggerito di accusare Mashi di blasfemia.
     
    Nella notte del 30 giugno i fedeli musulmani hanno preso d’assalto la zona del villaggio in cui vivono i cristiani. Nell’attacco hanno preso di mira un centinaio di abitazioni appiccandovi il fuoco con il lancio di bombe molotov. La folla composta da circa 600 persone ha inoltre assalito i cristiani con bastoni ed acido, bruciato macchine e moto e distrutto la rete elettrica.
     
    Irfan Barkat afferma che il 1° luglio un comitato composto da sei cristiani e sei musulmani della zona si è incontrato per affrontare la vicenda e negoziare la rappacificazione tra le due comunità, proponendosi di trovare una soluzione entro quattro giorni.
     
    Fatti come quello di Bahmani sono molto frequenti nella provincia del Punjab. I musulmani motivano le violenze ricollegandosi quasi sempre all’accusa di blasfemia che, secondo il Ncjp, dal 1986 ad oggi ha colpito 892 persone. Il Codice penale pakistano, sotto la sezione 295 B, prevede l'ergastolo ed anche la pena di morte per chi offende Maometto, l’islam o dissacra il Corano.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/11/2011 PAKISTAN
    Faisalabad, cristiani e musulmani per la pace e l’armonia interreligiosa
    Ncjp ha organizzato un incontro cui hanno partecipato leader cattolici, musulmani e politici. Nella città teatro di violenze interreligiose nel 2010, gli attivisti chiedono la revisione di norme che fomentano odio, come le leggi sulla blasfemia. Esponente musulmano: rispettare la fede altrui.

    10/11/2009 PAKISTAN
    Legge sulla blasfemia e discriminazione religiosa: attentato al futuro del Pakistan
    La testimonianza di p. Emmanuel Y. Mani alla conferenza stampa promossa da AsiaNews dal titolo “Salvate i cristiani e il Pakistan dalla legge sulla blasfemia”. La comunità internazionale prema sul nostro governo “per fermare le discriminazioni e le violenze contro le minoranze religiose”. Nel Paese serve “una cultura di armonia tra le religioni e di pace”.

    18/09/2009 PAKISTAN
    Governatore del Punjab: la legge sulla blasfemia va abolita
    Salman Taseer: è “sfruttata” dagli estremisti per colpire le minoranze religiose, che vanno invece “protette”. Leader cristiani: “dichiarazioni importanti”. La cancellazione della norma spetta al governo centrale, che deve “informare” i cittadini delle violenze. L’elenco delle persecuzioni anti-cristiane nel Punjab.

    17/09/2009 PAKISTAN
    Ong pakistana: collusione fra polizia ed estremisti all'origine degli omicidi in carcere
    Un comitato per i diritti umani denuncia “violenze in continua crescita” contro le minoranze religiose. I fanatici agiscono impuniti, grazie alla connivenza delle guardie carcerarie. Sotto accusa il governo, che non ha mai punito gli autori dei crimini. La polizia non apre il fascicolo di indagine sull’omicidio in carcere del 20enne cristiano a Sialkot.

    16/09/2009 PAKISTAN
    Sialkot: la polizia carica la folla ai funerali del giovane ucciso in carcere per blasfemia
    Alle esequie del 20enne cristiano la polizia ha attaccato i fedeli. Testimoni confermano il lancio di gas lacrimogeni, arresti e numerosi feriti. Gli agenti schierati per “prevenire ulteriori disordini”. Leader cattolici rinnovano l’appello: “abrogare la legge sulla blasfemia”.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®