17 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/12/2006, 00.00

    VATICANO

    Certo il ritrovamento del sarcofago di San Paolo



    Il grande manufatto è emerso durante gli scavi nella basilica, a livello dei reperti dell’edificio costantiniano. Sarà ora il Papa a decidere se aprirlo.
    Città del Vaticano (AsiaNews) – “E’ assoluta” la certezza del ritrovamento del sarcofago di San Paolo, sotto la basilica romana che ne porta il nome. La certezza degli archeologi vaticani è stata espressa oggi da Giorgio Filippi, il dirigente dei Musei Vaticani che ha seguito gli scavi compiuti all’interno della chiesa, nel corso di una conferenza stampa che ha presentato i risultati dei lavori di scavo compiuti dal 2002 ad oggi. Dal canto suo, il cardinale Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, arciprete della Basilica, ha definito “un dato incontrovertibile nella tradizione storica” il fatto che la basilica fosse sorta sulla tomba dell'Apostolo. “La cronaca del Monastero - ha aggiunto - parla di un grande sarcofago marmoreo rinvenuto durante i lavori di ricostruzione della basilica dopo l'incendio del 1823, nell'area della Confessione, sotto le due lastre iscritte ‘Paulo Apostolo Mart(yri)’, di cui però non esiste traccia nella documentazione di scavo, a differenza degli altri sarcofagi che furono scoperti e rilevati nella stessa occasione”. Ora, le indagini archeologiche compiute nell'area tradizionalmente considerata il luogo di sepoltura dell'apostolo sono iniziate nel 2002 e terminate il 22 settembre 2006 ed hanno permesso di riportare alla luce “un importante contesto stratificato, formato dall'abside della basilica costantiniana, inglobata nel transetto dell'edificio cosiddetto dei Tre Imperatori: sul pavimento di quest'ultimo, sotto l'altare papale, è stato riscoperto quel grande sarcofago del quale si erano perse le tracce e che veniva considerato fin dall'epoca teodosiana la Tomba di S. Paolo”. È stato possibile, inoltre, rilevare le dimensioni del sarcofago: cassa lunga circa m. 2,55, larga circa m. 1,25 e alta m. 0,97; coperchio alto circa m. 0,30 e spesso nel bordo anteriore m. 0,12. La porzione dell'abside scoperta costituisce l'unica testimonianza visibile della Basilica attribuita comunemente a Costantino. Il sarcofago non è stato spostato dalla sua sede né sono ancora state esaminate tutte le sue pareti che sono ancora in parte murate e potrebbero nascondere altre iscrizioni. Se, è stato infine riferito, è allo studio la possibile visita del sarcofago da parte del pubblico, spetta al Papa la decisione se aprire il sarcofago, che potrebbe anche essere un cenotafio, cioè vuoto.  
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/04/2005 VATICANO
    Papa: funerali venerdì alle 10.00, sarà sepolto in S. Pietro

    Questa mattina si è sciolta la prima Congregazione generale dei cardinali, che ha deciso la data dei funerali ed il luogo di sepoltura di Giovanni Paolo II.



    25/01/2011 VATICANO
    Papa: l’unità, un imperativo morale per tutti i cristiani
    Il cammino ecumenico, sottolinea Benedetto XVI durante la celebrazine conclusiva della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani ha fatto significativi passi avanti, ma non si può avere come obiettivo solo un riconoscimento delle reciproche differenze e il conseguimento di una pacifica convivenza”.

    29/06/2004 Vaticano
    Festa di San Pietro e Paolo nel segno dell'ecumenismo

    Nel pomeriggio il Papa imporrà il pallio a 44 arcivescovi metropoliti (6 provenienti dall'Asia)



    31/03/2006 giovanni paolo ii - vaticano
    Benedetto XVI ed il mondo intero ricordano la morte di Giovanni Paolo II

    Riti religiosi e iniziative commemorative in Vaticano e nel mondo. In Asia, a Seoul una mostra ed un film ne ricordano i viaggi in Corea, a New Delhi un incontro interreligioso, a Manila torneranno a riunirsi i giovani.



    25/01/2007 VATICANO-VIETNAM
    Santa Sede e Hanoi: storia di un rapporto sofferto
    Dalla fine della guerra si è passati dalla persecuzione all’ostilità, alla ricerca di collaborazione, anche se ancora ci sono forme e luoghi di repressione. Il “no” del 1998 a Giovanni Paolo II.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®