21 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/12/2006
VATICANO
Certo il ritrovamento del sarcofago di San Paolo
Il grande manufatto è emerso durante gli scavi nella basilica, a livello dei reperti dell’edificio costantiniano. Sarà ora il Papa a decidere se aprirlo.

Città del Vaticano (AsiaNews) – “E’ assoluta” la certezza del ritrovamento del sarcofago di San Paolo, sotto la basilica romana che ne porta il nome. La certezza degli archeologi vaticani è stata espressa oggi da Giorgio Filippi, il dirigente dei Musei Vaticani che ha seguito gli scavi compiuti all’interno della chiesa, nel corso di una conferenza stampa che ha presentato i risultati dei lavori di scavo compiuti dal 2002 ad oggi. Dal canto suo, il cardinale Andrea Cordero Lanza di Montezemolo, arciprete della Basilica, ha definito “un dato incontrovertibile nella tradizione storica” il fatto che la basilica fosse sorta sulla tomba dell'Apostolo. “La cronaca del Monastero - ha aggiunto - parla di un grande sarcofago marmoreo rinvenuto durante i lavori di ricostruzione della basilica dopo l'incendio del 1823, nell'area della Confessione, sotto le due lastre iscritte ‘Paulo Apostolo Mart(yri)’, di cui però non esiste traccia nella documentazione di scavo, a differenza degli altri sarcofagi che furono scoperti e rilevati nella stessa occasione”. Ora, le indagini archeologiche compiute nell'area tradizionalmente considerata il luogo di sepoltura dell'apostolo sono iniziate nel 2002 e terminate il 22 settembre 2006 ed hanno permesso di riportare alla luce “un importante contesto stratificato, formato dall'abside della basilica costantiniana, inglobata nel transetto dell'edificio cosiddetto dei Tre Imperatori: sul pavimento di quest'ultimo, sotto l'altare papale, è stato riscoperto quel grande sarcofago del quale si erano perse le tracce e che veniva considerato fin dall'epoca teodosiana la Tomba di S. Paolo”. È stato possibile, inoltre, rilevare le dimensioni del sarcofago: cassa lunga circa m. 2,55, larga circa m. 1,25 e alta m. 0,97; coperchio alto circa m. 0,30 e spesso nel bordo anteriore m. 0,12. La porzione dell'abside scoperta costituisce l'unica testimonianza visibile della Basilica attribuita comunemente a Costantino. Il sarcofago non è stato spostato dalla sua sede né sono ancora state esaminate tutte le sue pareti che sono ancora in parte murate e potrebbero nascondere altre iscrizioni. Se, è stato infine riferito, è allo studio la possibile visita del sarcofago da parte del pubblico, spetta al Papa la decisione se aprire il sarcofago, che potrebbe anche essere un cenotafio, cioè vuoto.  
invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
04/04/2005 VATICANO
Papa: funerali venerdì alle 10.00, sarà sepolto in S. Pietro
25/01/2011 VATICANO
Papa: l’unità, un imperativo morale per tutti i cristiani
29/06/2004 Vaticano
Festa di San Pietro e Paolo nel segno dell'ecumenismo
17/04/2006 vaticano
Papa: Maria ci guida alla gioia per la risurrezione di Gesù
31/03/2006 giovanni paolo ii - vaticano
Benedetto XVI ed il mondo intero ricordano la morte di Giovanni Paolo II

In evidenza
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate