18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/06/2017, 11.29

    PAKISTAN – VATICANO

    Chiede aiuto al Papa un cattolico pakistano profugo in Grecia



    In una lettera si racconta che Kamran Iqbal Maseh è dovuto fuggire dal suo Paese a causa della sua fede. Ora è in Grecia, ma rischia di essere rimandato in Turchia e da lì in Pakistan, dove rischia la vita.

    Lesvos (AsiaNews) – Una richiesta d’aiuto è stata inviata a papa Francesco perché intervenga a favore di un cattolico pakistano profugo in Grecia, che incontrò il Papa in occasione della sua visita all’isola di Lesvos nell’aprile 2016. L’uomo rischia di essere respinto in Turchia e di lì deportato nel suo Paese da dove è fuggito temendo di essere ucciso a causa della sua fede.

    Kamran Iqbal Maseh, si legge nella lettera inviata a Francesco, “è un cattolico del Pakistan che è stato discriminato, perseguitato, torturato e costretto a fuggire dal suo Paese a causa delle sue convinzioni religiose”.

    “Kamran Iqbal Maseh non ha avuto accesso ad una educazione adeguata e è stato trattato come uno schiavo in Pakistan a causa della sua religione. I suoi coraggiosi sforzi per creare una chiesa cattolica nella sua comunità lo hanno portato vicino alla morte quando è stato attaccato e gravemente ferito. Ha deciso allora di fuggire dal suo Paese. Dove la sua vita era in pericolo e ha rischiato di morire per arrivare a un luogo sicuro. E’ arrivato a Lesvos dopo l'accordo UE-Turchia e, anche se la sua persecuzione e il suo trauma erano evidenti, è stato trattenuto per molto tempo in condizioni pessime”.

    La sua domanda di asilo, prosegue la lettera, è stata respinta due volte. “Ora rischia di essere rimandato in Turchia, da dove può essere inviato direttamente in Pakistan, in qualsiasi momento. In Pakistan è molto alto il rischio che sia ucciso”. I suoi appelli non hanno un effetto sospensivo nei tribunali greci e quindi si trova ad affrontare un imminente rischio di deportazione in Turchia.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/11/2006 VATICANO - TURCHIA
    Papa: il dialogo tra cristiani e musulmani è una "necessità vitale"

    Nel primo giorno del viaggio in Turchia, Benedetto XVI esprime stima per l'islam e chiede il rispetto per la libertà di religione. Un bene il dialogo tra Turchia ed Europa. La comunità internazionale si impegni per fermare il conflitto in Medio Oriente. Dal nostro inviato.



    06/04/2016 15:47:00 ORTODOSSI-VATICANO
    Francesco, Bartolomeo, Hieronymus: l’unità dei cristiani a favore dei profughi e l’impaccio dell’Europa

    Il card. Parolin ha ricevuto la lettera ufficiale di invito per papa Francesco. Il 15 aprile il pontefice, insieme con il patriarca ecumenico di Costantinopoli e l’arcivescovo ortodosso di Atene saranno a Lesbo a incontrare i profughi approdati sull’isola. “L’Europa è divenuta insignificante nei fenomeni mondiali perché ha mercificato il cristianesimo”. Il valore del cammino ecumenico per la missione comune dei cristiani nel mondo contemporaneo.



    13/07/2015 VATICANO
    Papa: “tutto quello che ho detto è dottrina sociale della Chiesa”
    Grecia, libertà religiosa, crisi della famiglia, sostegno ai movimenti popolari “che non significa per la Chiesa seguire una strada anarchica”, nuovo colonialismo e “mediazione” tra Cuba e Stati Uniti, gli argomenti sui quali papa Francesco ha risposto alle domande postegli per un’ora dai giornalisti durante il volo che da Asuncion lo ha riportato a Roma.

    16/04/2016 13:23:00 VATICANO – GRECIA
    Papa: L’Europa sia terra di accoglienza, i migranti non sono numeri ma volti

    Incontrando la popolazione di Lesbo, Francesco esprime “ammirazione” per il popolo greco che – nonostante le difficoltà – accoglie chi soffre: “Dio saprà ricompensare questa generosità, come quella di altre nazioni circostanti, che fin dai primi momenti hanno accolto con grande disponibilità moltissimi migranti forzati”. Le preoccupazioni della gente “sono legittime”, ma non bisogna mai dimenticare che davanti a noi abbiamo persone che soffrono. La preghiera comune.



    16/04/2016 12:00:00 VATICANO – GRECIA – ORTODOSSI
    La crisi dei migranti, la “peggiore emergenza umanitaria dalla II Guerra mondiale”

    Francesco, Bartolomeo e Ieronimo firmano una lunga dichiarazione congiunta sulla situazione dei profughi. “L’opinione mondiale non può ignorare la colossale crisi umanitaria, che ha avuto origine a causa della diffusione della violenza e del conflitto armato, della persecuzione e del dislocamento di minoranze religiose ed etniche, e dallo sradicamento di famiglie dalle proprie case, in violazione della dignità umana, dei diritti e delle libertà fondamentali dell’uomo”. Rinnovato impegno all’unità dei cristiani, un appello per la fine della guerra in Medio Oriente. Il testo integrale della dichiarazione.

     

     





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®