20 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/01/2005, 00.00

    INDIA - GIORNATA MONDIALE DEI MALATI DI LEBBRA

    Chiesa in India oltre i pregiudizi per sconfiggere la lebbra



    P. Torriani, missionario Pime in India: "i lebbrosi ci testimoniano l'esistenza del regno di Dio. La situazione in India migliora, debellare la malattia è possibile, bisogna concentrarsi su educazione e ricerca scientifica".

    Roma (AsiaNews) – "Il lebbroso non è un mendicante che chiede l'elemosina o un ammalato che ha bisogno di servizi sanitari, ma quasi un profeta che ci parla del nostro futuro: la morte. E ce ne parla in nome di Dio, perché ci ricorda che, come la lebbra non è stata la fine per lui, la morte non è la nostra fine, ma solo una porta verso il regno dei cieli". Alla vigilia della 52esima Giornata mondiale dei malati di lebbra (Gml) indetta dall'Aifo* (Associazione italiana amici di Raoul Follereau) per il 30 gennaio, p. Carlo Torriani, sociologo e missionario PIME, ha spiegato con queste parole ad AsiaNews il suo impegno a favore dei lebbrosi in India, il paese al mondo più colpito dalla malattia.

    Padre Torriani è da 36 anni in India, che da sola ha il 70% dei malati mondiali di lebbra, con un tasso di 2,5 malati ogni 100 mila abitanti.  Il 2005 è il termine dato dall'Oms per sconfiggere la malattia; una volta arrivati a un tasso di 1 malato su 100 mila, la lebbra sparirà naturalmente.

    "Ci sono stati grandi miglioramenti in India e la prospettiva di arrivare a debellare completamente la malattia è realistica". Secondo il missionario,  le carte vincenti per sconfiggere questo male sono la "ricerca scientifica per ottenere un vaccino e un'efficace educazione sanitaria". "Il fenomeno –spiega p. Torriani - si è molto ridimensionato negli anni, grazie all'impegno dei missionari, i primi a rapportarsi al problema e a quello del governo, che ora fornisce gratuitamente le cure e accoglie i malati nelle strutture pubbliche senza relegarli ai margini". In India nel 1991 il tasso di malati era 25,9 mentre dieci anni prima di 57,6.

    Il missionario è stato responsabile dell'organizzazione per il controllo della lebbra Lok Seva Sangam (Associazione per il servizio del popolo) nel quartiere di Chembur Kurla, Mumbai, e ora dirige un piccolo centro fuori città dove vive con una trentina di malati guariti. P. Torriani ci ha raccontato di queste 2 realtà, la prima gestita secondo i criteri statali e l'altra diretta da lui stesso con un impegno che va oltre le cure sanitarie.

    "Al Lok Seva Sangam da 28 anni, per incarico del municipio di Mumbai, monitoriamo la malattia: da qualche anno abbiamo iniziato a curare tutte le malattie della pelle in modo da poter riconoscere prima la lebbra e poter evitare malformazioni. Il lavoro si è ridimensionato grazie ai progressi medici e all'opera di sensibilizzazione del governo. Ora nel centro lavorano 36 persone tra personale medico e infermieristico, ma negli anni 80 eravamo più di 60".

    Da qualche anno p. Torriani ha scelto di trasferirsi a 40km fuori Mumbai, a Taloja, unico villaggio musulmano in un'area a maggioranza indù. Qui ha fondato un ashram (luogo di ritiro nella tradizione indiana) dove vive con una trentina di anziani guariti dalla lebbra ma rimasti deformi e 10 bambini figli di lebbrosi. Il centro, chiamato "La porta dei cieli", è la testimonianza che l'impegno cristiano in questo particolare campo si distingue per la totale "condivisone" della vita quotidiana con i malati e l' "attenzione all'aspetto spirituale". P. Torriani racconta che i malati di lebbra guariti sono un segno quasi profetico dell'esistenza del regno di Dio: del fatto che la morte non è la nostra fine ma la porta verso il regno dei cieli". Per riuscire a "curare anche la spiritualità di questa gente, in un contesto dove è completamente assente la presenza cristiana, p. Torriani ha inventato una cappella ecumenica, con i simboli di tutte le religioni; "la domenica quando preghiamo con i cristiani e diciamo la messa vengono persone di ogni credo, dai familiari dei malati a persone dei villaggi vicini in quanto ci troviamo in una zona isolata e non ci sono altre parrocchie o chiese". Il centro cerca anche di rispondere ad esigenze di altro tipo: "Con le donazioni che ci arrivano cerchiamo di aiutare anche la popolazione vicina, ora ad esempio, stiamo ricostruendo la scuola di un villaggio indù vicino". (MA)

     

    * La Gml è la principale ricorrenza promossa dall'Aifo. Fu istituita nel gennaio 1954 da Raoul Follereau, giornalista e scrittore francese per dare voce a coloro che più di altri al mondo soffrivano per le conseguenze della malattia e per quelle, non meno dolorose, dell'emarginazione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/01/2005 ASIA - GIORNATA MONDIALE PER I MALATI DI LEBBRA
    Giornata della lebbra, l'Asia il continente più colpito (Scheda)
    L'impegno della Chiesa per assistere e curare i malati in 823 lebbrosari nel mondo.

    30/01/2005 vaticano
    Papa: bambini e giovani costruttori di pace

    Ricordata anche la Giornata Mondiale dei malati di lebbra.



    30/01/2010 ASIA
    La diffusione della lebbra nel mondo (scheda)
    Ogni anno circa 700mila casi registrati in Asia, Africa e Sud America. Oltre 160mila solo in Asia nel 2008. In India il 70% della popolazione mondiale affetta da lebbra.

    30/01/2016 13:07:00 INDIA
    India, tra i lebbrosi dello Swarga Dwar: Sorridere è possibile

    Nel 2015 l’India è ancora il primo Paese al mondo per nuove infezioni di lebbra. Domani si celebra la 63ma Giornata mondiale dei malati di lebbra. In India l’anno scorso ci sono stati 125.785 nuovi casi di contagio. Insieme a Brasile e Indonesia, il Paese dell’Asia meridionale raccoglie l’81% dei malati totali. Il missionario Pime p. Bala Swamy Thota gestisce a Taloja un dispensario fondato da p. Torriani. Mahesh “malato ma felice, perché qui ha trovato degli amici”.



    01/12/2004 giornata mondiale dell'aids - india
    Camilliani tra i malati terminali di Aids, "come una madre verso i suoi figli"
    I religiosi del centro Snehadaan considerano "un privilegio" poter servire i malati sieropositivi.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®