21 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/01/2007
INDIA
Chiesa indiana: invece di far adorare il sole, il governo pensasse a problemi più seri
di Nirmala Carvalho
L’arcivescovo di Bhopal commenta ad AsiaNews la proposta governativa di organizzare un’adorazione del sole di massa, e sottolinea che vi sono altre priorità a cui dare spazio. La comunità musulmana protesta per la proposta anti-islamica ed incostituzionale.

Bhopal (AsiaNews) – La proposta del governo dello Stato centrale del Madhya Pradesh di adorare il sole nelle scuole pubbliche “disturba le comunità non indù, perché ‘adorare’ è un termine forte ed improprio, ma soprattutto perché vi sono questioni più importanti ed attuali su cui il governo dovrebbe intervenire”.
 
E’ questo il commento rilasciato ad AsiaNews dall’arcivescovo di Bhopal, mons. Pascal Topno, in merito alla proposta governativa di organizzare in tutte le scuole pubbliche dello Stato un Surya Namaskar [Saluto al Sole ndr] di massa per il 25 gennaio prossimo. Con questa mossa, i politici sperano di convincere la popolazione dei benefici dello yoga.
 
Il Surya Namaskar è una forma moderna di adorazione del sole, uno dei primi insegnamenti dello yoga. La parola deriva dal sanscrito e significa letteralmente “prostrarsi davanti al disco luminoso”.
 
Il governo ha deciso di far seguire alla cerimonia un programma di yoga ed ha chiesto a tutti gli studenti di seguire gli insegnamenti del guru Baba Ramdev. Per questo scopo, si stanno preparando dei collegamenti audio e video che metteranno in comunicazione le varie strutture. Inoltre, i diversi distretti locali hanno preparato dei punti di incontro alternativi, dove alcuni volontari effettueranno il Surya Namaskar e guideranno gli studenti che intendono seguirli.
 
Secondo Indranil Dani, segretario statale per l’Educazione, il programma “è obbligatorio solo per le scuole pubbliche, anche se il governo incoraggia le private che vogliano partecipare”. Gli fa eco L. S. Baghel, commissario per l’istruzione, che spiega: “Non obblighiamo nessuno: vogliamo solo far conoscere i benefici dello yoga”.
 
L’arcivescovo commenta: “Noi non abbiamo alcun problema con lo yoga: nelle nostre scuole, esso viene insegnato. La questione è la parola ‘adorazione’, un termine molto forte, e l’importanza che gli viene attribuita quando vi sono questioni più importanti che il governo dovrebbe prendere in considerazione”.
 
La celebrazione, inoltre, “si tiene il giorno prima della Festa della Repubblica: siamo orgogliosi di essere indiani e siamo fieri della nostra Costituzione, che ci garantisce libertà di parola e di scelta, ma disturba il fatto che invece di concentrarci su questo, tutto debba essere polarizzato da una questione del genere”.
 
La comunità musulmana dello Stato ha invece reagito in maniera diversa: un’organizzazione della capitale, la Jamiat Ulma Hind, ha presentato una querela presso l’Alta Corte di Jabalpur dopo che il primo ministro statale non ha accettato di ascoltare le loro ragioni. Secondo un rappresentante del gruppo, “costringere i ragazzi musulmani ad adorare il sole è contrario alla Costituzione ed all’islam”.
 
Molti musulmani, inoltre, hanno annunciato che non manderanno i figli a scuola se il programma non viene fermato dalle autorità.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/07/2010 INDIA
Estremisti indù prendono di mira studenti dell’Orissa
di Nirmala Carvalho
11/03/2010 INDIA
Madhya Pradesh: la religione indù forse materia obbligatoria nelle scuole
di Nirmala Carvalho
10/02/2011 INDIA
Chiese vigilate e scuole chiuse per il Khumb indù del Madhya Pradesh
di Nirmala Carvalho
16/11/2006 CINA
Chiudono 300 scuole per figli di migranti nel Guangdong
09/02/2011 INDIA
Timori di violenze al raduno di 2 milioni di estremisti indù in Madhya Pradesh
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate