Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/01/2007, 00.00

    INDIA

    Chiesa indiana: invece di far adorare il sole, il governo pensasse a problemi più seri

    Nirmala Carvalho

    L’arcivescovo di Bhopal commenta ad AsiaNews la proposta governativa di organizzare un’adorazione del sole di massa, e sottolinea che vi sono altre priorità a cui dare spazio. La comunità musulmana protesta per la proposta anti-islamica ed incostituzionale.
    Bhopal (AsiaNews) – La proposta del governo dello Stato centrale del Madhya Pradesh di adorare il sole nelle scuole pubbliche “disturba le comunità non indù, perché ‘adorare’ è un termine forte ed improprio, ma soprattutto perché vi sono questioni più importanti ed attuali su cui il governo dovrebbe intervenire”.
     
    E’ questo il commento rilasciato ad AsiaNews dall’arcivescovo di Bhopal, mons. Pascal Topno, in merito alla proposta governativa di organizzare in tutte le scuole pubbliche dello Stato un Surya Namaskar [Saluto al Sole ndr] di massa per il 25 gennaio prossimo. Con questa mossa, i politici sperano di convincere la popolazione dei benefici dello yoga.
     
    Il Surya Namaskar è una forma moderna di adorazione del sole, uno dei primi insegnamenti dello yoga. La parola deriva dal sanscrito e significa letteralmente “prostrarsi davanti al disco luminoso”.
     
    Il governo ha deciso di far seguire alla cerimonia un programma di yoga ed ha chiesto a tutti gli studenti di seguire gli insegnamenti del guru Baba Ramdev. Per questo scopo, si stanno preparando dei collegamenti audio e video che metteranno in comunicazione le varie strutture. Inoltre, i diversi distretti locali hanno preparato dei punti di incontro alternativi, dove alcuni volontari effettueranno il Surya Namaskar e guideranno gli studenti che intendono seguirli.
     
    Secondo Indranil Dani, segretario statale per l’Educazione, il programma “è obbligatorio solo per le scuole pubbliche, anche se il governo incoraggia le private che vogliano partecipare”. Gli fa eco L. S. Baghel, commissario per l’istruzione, che spiega: “Non obblighiamo nessuno: vogliamo solo far conoscere i benefici dello yoga”.
     
    L’arcivescovo commenta: “Noi non abbiamo alcun problema con lo yoga: nelle nostre scuole, esso viene insegnato. La questione è la parola ‘adorazione’, un termine molto forte, e l’importanza che gli viene attribuita quando vi sono questioni più importanti che il governo dovrebbe prendere in considerazione”.
     
    La celebrazione, inoltre, “si tiene il giorno prima della Festa della Repubblica: siamo orgogliosi di essere indiani e siamo fieri della nostra Costituzione, che ci garantisce libertà di parola e di scelta, ma disturba il fatto che invece di concentrarci su questo, tutto debba essere polarizzato da una questione del genere”.
     
    La comunità musulmana dello Stato ha invece reagito in maniera diversa: un’organizzazione della capitale, la Jamiat Ulma Hind, ha presentato una querela presso l’Alta Corte di Jabalpur dopo che il primo ministro statale non ha accettato di ascoltare le loro ragioni. Secondo un rappresentante del gruppo, “costringere i ragazzi musulmani ad adorare il sole è contrario alla Costituzione ed all’islam”.
     
    Molti musulmani, inoltre, hanno annunciato che non manderanno i figli a scuola se il programma non viene fermato dalle autorità.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/07/2010 INDIA
    Estremisti indù prendono di mira studenti dell’Orissa
    Bloccati e interrogati su un autobus 40 studenti nel distretto di Indore mentre si recavano a scuola. Arcivescovo di Bhopal: “In Madhya Pradesh gli attivisti indù contro i cristiani sono tanti, ma il governo ci aiuta”.

    11/03/2010 INDIA
    Madhya Pradesh: la religione indù forse materia obbligatoria nelle scuole
    Il Capo ministro dello Stato parla di introdurre il libro sacro indù Bhagavad Gita come testo obbligatorio nelle scuole. Vescovo del Madhya Pradesh: occorre invece studiare i valori di tutte le religioni, anche per educare alla tolleranza e al pluralismo.

    10/02/2011 INDIA
    Chiese vigilate e scuole chiuse per il Khumb indù del Madhya Pradesh
    Chiese cattoliche e protestanti sotto la protezione della polizia nel timore di scontri. Ogni cinque minuti arriva un autobus pieno di fedeli e sadhu. Il raduno indù vuole eliminare il lavoro dei missionari cristiani accusati di conversioni forzate.

    16/11/2006 CINA
    Chiudono 300 scuole per figli di migranti nel Guangdong

    Secondo i funzionari locali, le strutture non rispondono agli standard di sicurezza previsti dalla legge. Un educatore definisce l'ordinanza comunale una barriera tecnica per limitare le scuole private, che Pechino non riesce a concepire.



    09/02/2011 INDIA
    Timori di violenze al raduno di 2 milioni di estremisti indù in Madhya Pradesh
    Il Narmada Samajik Kumbh, preceduto da una campagna contro le pretese conversioni forzate al cristianesimo. L'arrivo di militanti armati. L’arcivescovo di Bhopal: Nella propaganda indù contro i cristiani vi sono interessi politici e personali.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®