20/04/2018, 09.41
CINA-VATICANO
Invia ad un amico

Chiese demolite, tombe divelte, asili chiusi: la persecuzione nella Chiesa dell’Henan (VIDEO)

di Bernardo Cervellera

La chiesa del villaggio di Hutuo è ridotta a un cumulo di rovine; la tomba del vescovo di Luoyang, non riconosciuto dal governo, è stata dissacrata; ai bambini è vietato entrare nelle chiese; minacce contro genitori e anziani cattolici: se continuano a credere non riceveranno sussidi dal governo e pensione.

Roma (AsiaNews) – “La Chiesa cattolica della provincia dell’Henan, nella Cina centrale, è violentemente perseguitata! Pregate per loro!”: è l’appello che ci è giunto ieri da diverse parti della Cina, insieme a una lista di violenze avvenute in queste settimane e che pubblichiamo sotto. L’ultima è di ieri: la lapide e la tomba di mons. Li Hongye, sono state dissacrate e distrutte (v. foto 1). Mons Li (1920-2011) è stato vescovo di Luoyang, riconosciuto dalla Santa Sede, ma non dal governo. Ha passato decine di anni nei campi di lavoro forzato e altre decine agli arresti domiciliari. I fedeli pensano che la foga contro la tomba sia dovuta al fatto che sulla lapide vi erano i segni della sua carica episcopale.

Ieri, sempre nella diocesi di Luoyang è stata anche distrutta in modo completo una chiesa nel villaggio di Hutuo (Xicun, Gongyi) (v. foto 2 e video).

La violenza più squallida è avvenuta a Zhengzhou: il giorno di Pasqua, lo scorso 1° aprile, durante la messa, rappresentanti del governo sono entrati in chiesa e hanno portato via tutti i bambini e i minori di 18 anni per far rispettare il divieto che si sta ormai applicando in tutta la Cina: è vietato garantire educazione religiosa ai minori di 18 anni. Da allora, tutte le domeniche vi sono impiegati del governo che all’entrata delle chiese vigilano sull’attuazione del divieto.

Le ragioni di questa ondata di persecuzione sono varie:

  1. alcuni sacerdoti sostengono che queste violenze e divieti avvengono per l’applicazione in modo sistematico dei nuovi regolamenti sulle attività religiose.
  2. La persecuzione avviene nell’Henan (oltre che in Mongolia interna e nello Xinjiang) perché qui la comunità cattolica è una piccola minoranza. In un certo senso, l’applicazione dei regolamenti avviene in questa provincia come una prova di laboratorio, per vedere se vi sono resistenze, e per studiare come soffocarle. In seguito i regolamenti saranno applicati in tutto il Paese, anche nei luoghi dove i cattolici sono una buona percentuale della popolazione, come nell’Hebei o nello Shanxi.
  3. La Chiesa dell’Henan è quasi completamente una Chiesa sotterranea e su 10 diocesi, eccetto la diocesi di Anyang, non vi sono vescovi riconosciuti dal governo; per le diocesi senza vescovo (ad esempio Luoyang), la Santa Sede tarda a nominare un successore. Il governo sembra accanirsi contro ufficiali e sotterranei, ma soprattutto contro questa Chiesa non ufficiale, tanto più che essa è “senza pastore”.
  4. Un’ultima ragione, espressa da un sacerdote locale, è che mostrando tale violenza, il governo cerca di impaurire non tanto coloro che sono già cattolici, ma le persone che vorrebbero convertirsi al cristianesimo, cercando di fermare la potente rinascita religiosa in atto nel Paese.

Riportiamo qui sotto l’appello ricevuto da AsiaNews.

 

La Chiesa cattolica dell’Henan (Cina centrale) è violentemente perseguitata! Pregate per loro!

 

Diocesi di Zhengzhou

  1. Il primo d’aprile 2018, domenica di Pasqua, mentre si teneva la messa, rappresentanti del governo sono entrati di corsa nell’edificio per trascinare via i bambini dalla chiesa. Da allora, ogni domenica, un’auto della polizia è parcheggiata all’entrata della chiesa e almeno tre rappresentanti della legge stanno di guardia all’entrata per bloccare i fedeli che vogliono portare i figli dentro la chiesa. Perfino a bambini in braccio alla madre viene vietata l’entrata.
  2. In tre parrocchie della diocesi di Zhengzhou, ossia quella di Shuanghuaishu, di Jiayu e di Youfang, sono stati portati via libri di preghiera, libri dei canti e bibbie.

 

Diocesi di Shangqiu

  1. Con mezzi sinistri, rappresentanti del governo minacciano i fedeli dicendo di “non permettere ai bambini cattolici di andare a scuola” e di “non dare più i 60 yuan al mese di sussidio governativo per i cattolici anziani”. Essi sono perfino andati di porta in porta dicendo loro: “Adesso, credere nella religione non è più permesso dal governo e per chiunque crede, ai suoi figli sarà vietato andare a scuola; i sussidi per i vostri anziani saranno stornati; e se continuate a non ascoltare questo consiglio, sarete espulsi dai pubblici uffici e se andate in pensione, vi verrà negata la pensione”.
  2. Rappresentanti del governo hanno rotto le scritte religiose ai lati delle porte delle case dei fedeli [tali scritte vengono poste come segno di augurio per il Capodanno cinese].
  3. Rappresentanti del governo conducono una campagna contro il credo religioso andando di porta in porta.

 

Diocesi di Kaifeng

All’entrata principale della chiesa di Qixian sono esposti striscioni con slogan del tipo: “Avvertimento contro i culti a Qixian – Campagna di educazione nella Chiesa cattolica”; “Nei luoghi di attività religiose non si deve predicare ai minori”.

 

Diocesi di Anyang

  1. Fuori della cattedrale, rappresentanti governativi hanno esposto con la forza un cartello che dice: “I minori non possono entrare in chiesa”. Essi hanno inviato anche rappresentanti della legge per vigilarne l’osservanza ogni domenica all’entrata principale della cattedrale.
  2. La scuola d’infanzia gestito dalla chiesa di Weihui è stato chiuso con la forza. Durante la notte, rappresentanti del governo hanno gettato fuori i banchi dei bambini e sigillato i cancelli d’entrata.
  3. Insegnanti nelle scuole hanno domandato agli studenti di comunicare se i loro genitori credono in qualche religione; essi hanno anche chiesto ai genitori degli studenti di andare a scuola a registrare la loro appartenenza religiosa.
  4. Il 17 aprile, la chiesa di Xincun, ha subito un raid da parte del governo del villaggio e della pubblica sicurezza, sequestrando tutti gli oggetti sacri.
  5. La chiesa di Gaoqiangying, nella contea di Hua, è stata perquisita due volte: sequestrati tutti gli oggetti sacri e cacciati via i due custodi davanti alla chiesa.
  6. Una casa costruita dalla chiesa della contea di Huaxian è stata sigillata con la forza.
  7. La croce sull’apice della chiesa di Xincun è stata demolita.

 

Diocesi di Puyang

  1. Chiese demolite.
  2. I presidenti dei consigli parrocchiali sono stati forzati a comunicare al governo informazioni sui membri delle comunità (nome, carta di identità, unità di lavoro, indirizzo di casa, ecc.).

 

Diocesi di Xinxiang

Il 17 aprile 2018, il governo ha ordinato di demolire la croce della chiesa di Xishang nord, nella nuova area di sviluppo di Jiaozuo; sono stati portati via le bibbie per i bambini e i libri dalla chiesa; sequestrate le finanze della chiesa.

 

Diocesi di Luoyang

  1. Il 19 aprile 2018, la chiesa del villaggio di Hutuo (Xicun, Gongyi) è stata demolita e ora è divenuta una rovina.
  2. Sempre il 19 aprile 2018, la lapide e la tomba del defunto vescovo, mons. Li Hongye di Luoyang, sono state demolite.

Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Jakarta, ordinati quattro nuovi sacerdoti diocesani
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Henan, chiese vietate ai minori di 18 anni: ‘tagliano le gambe alla crescita della comunità cristiana fra i giovani’
17/04/2018 12:39
Xinjiang, croci, cupole, statue distrutte: la nuova Rivoluzione Culturale ‘sinicizzata’
02/03/2018 12:05
Henan, persecuzione continua: demolita una Via Crucis a Tianjiajing (Foto)
09/06/2018 11:01
Nuovi regolamenti sulle religioni: qualche novità, ma tutto è come prima
12/01/2005
P. Liu Jiangdong di Zhengzhou: un ‘martire’ del Sinodo dei giovani
26/10/2018 12:04