22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/11/2014, 00.00

    IRAN-USA

    Chiudono oggi i dialoghi sul nucleare iraniano. Si pensa (e si spera) ad un prolungamento



    Stati Uniti e Iran stanno affrontando gli ultimi scogli. Lo sdoganamento dell'Iran nella comunità internazionale potrebbe cambiare il volto del Medio Oriente, creando occasioni di pace in Siria, nella lotta contro lo Stato islamico, nella politica libanese. I nemici dell'accordo sono israele e Arabia saudita.

    Vienna (AsiaNews/Agenzie) - Iran e Stati Uniti cercano vie per superare le difficoltà nei negoziati sul nucleare iraniano, la cui conclusione è fissata per oggi alle 24.  John Kerry, segretario di Stato Usa, e Mohammed Javad Zarif, ministro iraniano degli esteri, hanno avuto incontri alla vigilia per appianare divergenze.

    Il problema è quello che si dicute da almeno 12 anni: avere la sicurezza che il programma nucleare iraniano abbia scopi pacifici (come afferma Teheran) e non bellici (come affermano i suoi nemici, soprattutto Usa, Israele e Arabia saudita). Per questo la comunità internazionale ha decretato embargo sul commercio con l'Iran e sanzioni finanziarie che hanno messo a dura prova l'economia la sua economia.

    Da un anno, dopo l'arrivo alla presidenza di Hassan Rouhani, si sono riaperti i dialoghi in cui Teheran ha accettato la riduzione dei processi di arricchimento dell'uranio e maggiori controlli dell'Agenzia Onu dell'atomo; in cambio vi è stato un alleggerimento delle sanzioni.

    Secondo voci a Vienna i punti su cui non c'è ancora accordo sono da una parte, il livello di arricchimento che dovrebbe raggiungere l'Iran che, in ogni caso, non vuole rinunciare all'energia nucleare; dall'altra la velocità con cui le sanzioni dovrebbero essere tolte.

    La posta in gioco è grande perché permettendo all'Iran di ritornare a rapporti economici tranquilli con il mondo, potrebbe aprire nuovi spazi per gli investimenti occidentali; cambiare la configurazione del Medio oriente; trasformare la vita degli iraniani segnati da decenni dai problemi prodotti dall'embargo.

    Una possibilità per la scadenza di oggi - suggerita sia da parte iraniana che statunitense - è quella che si definisca un quadro di accordo da precisare poi per un anno, prolungando di fatto i negoziati.

    L'accordo metterebbe fine alle politiche di sospetto e di vendetta reciproche fra Iran e occidente, che hanno caratterizzato gli ultimi 35 anni, dopo l'episodio degli ostaggi all'ambasciata americana a Teheran.

    Lo sdoganamento dell'Iran potrebbe aprire nuove collaborazioni con la comunità internazionale sul conflitto siriano - in cui Teheran è alleato di Bashar Assad - e sulla lotta contro lo Stato islamico, oltre che sulla politica libanese grazie all'influenza di Teheran sugli Hezbollah.

    A questo quadro virtuoso si oppongono Israele e l'Arabia saudita.  Israele - soprattutto Benjamin Netanyahu - ha fatto della paura dell'Iran e della bomba atomica il collante delle sue vittorie elettorali, anche se diplomatici ed esperti Onu assicurano che Teheran è molto lontana dalla produzione di una bomba nucleare.

    L'Arabia saudita teme non solo l'influenza iraniana  nel mondo islamico: lo sciismo di Teheran è culturalmente più elevato ed aperto del sunnismo wahabita e più attento ai problemi sociali. Ma Riyadh teme l'Iran anche come concorrente nella produzione di petrolio: nel caso di uno sblocco dei rapporti economici con la comunità internazionale, Teheran potrebbe aumentare la produzione di greggio riducendo la fetta di export dell'Arabia saudita, in un momento in cui il prezzo del barile di petrolio scende ogni giorno di più.

    Anche in Iran vi sono nemici dell'accordo: sono le Guardie della rivoluzione, abituate al conflitto con l'occidente e a vivere del contrabbando fiorito attorno all'embargo. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2017 12:32:00 IRAN-USA
    Rouhani contro tutti i poteri forti, anche contro gli Stati Uniti

    Il presidente uscente ha reso più distesi i rapporti con la comunità internazionale, migliorato l’economia, ma la disoccupazione è ancora alta. Lo sfidante Ebrahim Raisi, religioso conservatore, è appoggiato da Khamenei e dai pasdaran. I giovani delle città sono per Rouhani. Il viaggio di Trump in Arabia saudita, un appoggio dall’esterno ai conservatori.



    05/08/2013 IRAN
    Giura Hassan Rohani, nuovo presidente iraniano: Dialogo, non sanzioni
    Toni molto moderati e concilianti nel suo discorso di giuramento. Nel suo governo diversi tecnocrati moderati e con lauree negli Usa. La Casa Bianca si definisce "un partner volenteroso". A causa delle sanzioni Onu e di quelle unilaterali di Usa e Ue, la situazione economica dell'Iran è disastrosa. Per Netanyahu a Teheran è cambiato il presidente, ma non è cambiato lo scopo del Paese: distruggere Israele.

    27/09/2013 IRAN-ONU
    Cauto ottimismo nel dialogo sul nucleare iraniano
    Il segretario di Stato Usa e il ministro iraniano degli esteri giudicano positivo l'incontro e chiedono entrambi di passare dalle parole ai fatti. I dialoghi sul programma nucleare riprenderanno il 15 ottobre a Ginevra. L'economia dell'Iran è prostrata: dimezzata la vendita di petrolio; raddoppiata l'inflazione.

    28/09/2013 USA-IRAN
    Obama e Rouhani parlano al telefono: un contatto dopo oltre 30 anni
    "Opportunità unica". Il presidente iraniano desidera risolvere la questione nucleare entro breve tempo, per cancellare le molte sanzioni che stanno facendo precipitare l'economia del Paese.

    25/09/2013 IRAN-ONU
    Rouhani all'Onu: L'Iran non è una minaccia per il mondo
    Toni moderati e rifiuto delle armi nucleari. Impegno per il dialogo. Le sanzioni colpiscono non le elite politiche, ma la gente comune. No all'uso della forza in Siria. L'apprezzamento di Obama. Hollande stringe la mano a Rouhani. Per Israele, il discorso del nuovo presidente iraniano è "pieno di ipocrisia".



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®