27 Settembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/10/2015, 00.00

    CINA

    Cina, il Partito pronto ad abolire la legge sul figlio unico



    Dopo 36 anni, il Plenum annuncia la rimozione del decreto voluto da Deng Xiaoping per contenere la popolazione. Ha causato circa 400 milioni di aborti, spesso imposti con la violenza dalle autorità. Il primo “rilassamento” era del 2013, ma non ha portato la crescita sperata. La società cinese è oramai troppo sbilanciata, e il sistema pensionistico e quello del welfare rischiano il collasso.

    Pechino (AsiaNews) – Dopo 36 anni di violenze, costate circa 400 milioni di aborti, il Partito comunista cinese avrebbe deciso di abolire la legge sul figlio unico. Lo annuncia una nota del Plenum, riunito in questi giorni a Pechino. Le autorità avevano già rilassato il testo nel 2013, ma ora aprono alla possibilità di avere due figli per tutte le coppie del Paese.

    Dal 1979 in poi la Cina ha attuato – spesso con violenza – la politica di un solo figlio per famiglia, per concentrare la nazione sullo sviluppo economico. In seguito si è permesso a gruppi etnici di avere due figli e ai contadini di averne due se il primo figlio era una bambina. L'attuazione della legge è stata spesso violenta, con multe esose contro i violatori e perfino sterilizzazione forzati e aborto fino a nove mesi di gravidanza.

    Fra il 2013 e il 2014 il governo ha “alleggerito” la legge e ha consentito ad alcune coppie (quelle in cui almeno uno dei coniugi è “figlio unico per legge”) di avere un secondo bambino. Tuttavia su 11 milioni di coppie che rientrano in questa casistica soltanto 1,45 milioni hanno chiesto di poter accedere al privilegio concesso. E dei 20 milioni di neonati attesi da Pechino per il 2014 ne sono nati soltanto 16,9 milioni.

    Questo squilibrio, spiegano gli esperti, nasce da decenni di influenza politica contraria alla natalità, dall’aumento del costo della vita e dalla difficoltà di trovare lavori dignitosi con stipendi in grado di sostenere una famiglia numerosa. Al punto che il tasso di natalità della Cina è oramai fermo a 1,18 figli per coppia contro la media mondiale di 2,5.  

    Il calo demografico non incide soltanto sulla società, già in sofferenza per la difficoltà di formare giovani coppie data la predilezione dei genitori per i figli maschi e quindi l’enorme numero di aborti contro le bambine. Il picco peggiore è quello che incide sull’economia nazionale: il calo della forza-lavoro e il collasso del sistema pensionistico, sostiene un analista anonimo, “sono ormai realtà con cui il governo deve fare i conti”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/09/2016 10:38:00 CINA
    Cina, il Partito striglia la “roccaforte del figlio unico”: Ora procreate

    Yichang, nella provincia centrale dell’Hubei, è stata lodata per decenni grazie alla sua stretta osservanza della “one child policy”, la legge sul figlio unico. Oggi le autorità comuniste ritrattano tutto e chiedono ai giovani compagni di “lavorare su loro stessi” per avere almeno un secondo bambino. I compagni anziani devono “guidarli sulla strada dell’educazione socialista dei giovani”.



    21/01/2015 CINA
    Cina, crolla la forza lavoro: in un anno, quattro milioni in meno
    L'Ufficio nazionale di statistica pubblica i dati relativi al 2014. La popolazione totale cresce, ma non abbastanza per coprire l'aumento dei pensionati e per garantire la sostenibilità del welfare, del sistema sanitario e di quello pensionistico. A rischio anche la competitività dell'export nazionale, vero motore dell'espansione economica degli ultimi 30 anni.

    16/11/2013 CINA
    Figlio unico e laojiao, speranze e timori nell'attesa del documento finale del Plenum
    Pur fra i proclami della stampa nazionale, manca ancora il sigillo ufficiale alle riforme che dovrebbero essere messe in pratica dalla leadership di Xi Jinping. Analisti ed esperti divisi fra scetticismo e ottimismo, mentre il numero 3 del Partito si appella affinché "tutti cooperino" per portare avanti il piano varato dal Plenum. Che comunque dovrà attendere il 2020 per essere attuato.

    21/10/2015 CINA
    Cina, l’allarme degli esperti: Basta legge sul figlio unico o crolla il sistema
    Fra pochi giorni l’esecutivo nazionale si riunisce per stilare il prossimo piano quinquennale, economico e sociale. Le maggiori istituzioni scientifiche del Paese inviano un rapporto segreto al governo: se la legge che limita la natalità non verrà abolita subito, si rischia il collasso della forza-lavoro e del sistema pensionistico. Un accademico: “Potrebbe già essere troppo tardi”.

    18/11/2013 CINA
    Passo indietro sul figlio unico. Le contraddittorie riforme del Terzo Plenum
    Il vicedirettore del family planning afferma che non c'è "rilassamento" del controllo sulle nascite. Nelle riforme proposte si esaltano gli investimenti privati, ma si difende l'industria di Stato; si dà potere ai contadini di vedere terreni, ma non si dà loro la proprietà delle terre; si dice di voler cancellare il laojiao, ma non si cancella la detenzione senza processo. Le resistenze vengono dall'interno del Partito.



    In evidenza

    SIMPOSIO ASIANEWS
    Madre Teresa, la Misericordia per l’Asia e per il mondo (VIDEO)



    Pubblichiamo le registrazioni video degli interventi che si sono susseguiti durante il Simposio internazionale organizzato da AsiaNews il 2 settembre scorso. In ordine intervengono: P. Ferruccio Brambillasca, Superiore Generale del PIME; Card. Fernando Filoni, Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide; Sr. Mary Prema, Superiora Generale delle Missionarie della Carità; P. Brian Kolodiejchuk, postulatore della Causa della Madre; Card. Oswald Gracias, arcivescovo di Mumbai; P. John A. Worthley, sull'influenza di Madre Teresa in Cina; una testimonianza sull'influenza di Madre Teresa nel mondo islamico; mons. Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia meridionale.


    CINA - VATICANO
    Pechino diffonde la nuova bozza di regolamenti sulle attività religiose. Più dura

    Bernardo Cervellera

    Multe fino a 200mila yuan (27mila euro) per “attività religiose illegali” da parte di cattolici o altri membri di comunità sotterranee. Fra le “attività illegali” vi è la “dipendenza dall’estero” (ad esempio il rapporto col Vaticano). Si predica la non discriminazione, ma ai membri del partito è proibito praticare la religione anche in privato. Precisi controlli su edifici, statue, croci. Controlli serrati anche su internet. Forse è la fine delle comunità sotterranee.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®