18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/02/2018, 09.41

    IRAN - CINA - RUSSIA

    Cina e Russia rilanciano il sostegno all’accordo sul nucleare iraniano



    Il Jcpoa rischia di essere cancellato per gli attacchi e le minacce crescenti del presidente Usa. Teheran e Pechino “lavoreranno assieme per proteggere l’accordo”. Secondo il ministro russo degli Esteri un suo fallimento avrà conseguenze “assai negative” per tutto il mondo. L’Iran non intende rinegoziarne i termini. 

     

    Teheran (AsiaNews) - Cina e Russia rilanciano il loro sostegno incondizionato all’accordo sul nucleare iraniano (il Jcpoa)e ne sottolineano l’importanza, mentre rischia di essere cancellato dagli attacchi crescenti del presidente Usa Donald Trump. Nei giorni scorsi alti funzionari di Teheran hanno incontrato delegati dei governi di Mosca e Pechino, i quali hanno confermato l’impegno a salvaguardare lo storico patto fra Iran e nazioni del 5+1 (Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Russia Cina e Germania). 

    In un vertice che si è tenuto a Pechino lo scorso 6 febbraio, il presidente del Comitato parlamentare iraniano sulla Sicurezza nazionale e la politica estera Alaeddin Boroujerdi, il ministro cinese degli Esteri Wang Yi ha sottolineano che Iran e Cina sono “impegnate a preservare l’accordo nucleare”. Teheran e Pechino, ha aggiunto il capo della diplomazia cinese, “lavoreranno assieme per proteggere l’accordo”. 

    Oltre alla questione nucleare, i due fronti hanno inoltre discusso dei rapporti bilaterali fra Teheran e Pechino, di lotta al terrorismo e della situazione in alcune zone “calde” del Medio oriente, fra cui Iraq, Yemen e Siria dove entrambi i Paesi hanno interessi e investimenti da salvaguardare. 

    Il giorno successivo, 7 febbraio, è stato il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov a ribadire l’impegno per il mantenimento del Jcpoa. 

    “Insisteremo affinché tutte le parti coinvolte - ha dichiarato Lavrov - restino impegnate al rispetto dell’accordo sul programma nucleare iraniano”. Un suo eventuale fallimento, ha aggiunto, avrà conseguenze “assai negative” in un’ottica di contenimento della diffusione dell’atomica e per il mondo interno. 

    Dopo anni di embargo, nel 2015 l’Iran ha ottenuto un parziale alleggerimento delle sanzioni economiche occidentali, in cambio di un accordo sul controverso programma atomico. Un’intesa accolta in maniera positiva dalla maggioranza della comunità internazionale.

    Questo ha permesso di rilanciare l’economia e potenziare gli investimenti, garantendo al contempo un miglioramento dell’arredo urbano e riforme nel comparto energetico. Tuttavia, gli Usa - insieme a Israele fra le voci critiche - hanno mantenuto in vigore una serie di sanzioni per il programma di missili balistici di Teheran e il sostegno [armato] a movimenti sciiti in Medio oriente.

    Il 12 gennaio scorso Trump ha esteso per altri 120 giorni la sospensione di una serie di sanzioni all’Iran. Tuttavia, egli ha aggiunto che questa sarebbe stata “l’ultima volta”. In campagna elettorale e in questo primo anno alla Casa Bianca ha sottolineato a più riprese che intende cancellare l’accordo, “il peggiore di sempre” mai raggiunto. 

    Una eventuale decisione di ripristinare le sanzioni metterebbe di fatto la parola fine al Jcpoa. Teheran ha più volte dichiarato che non intende sottoscrivere ulteriori obblighi rispetto a quelli già siglati e non intende rinegoziare l’accordo stesso.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    04/10/2017 11:51:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran agli Usa: solidarietà per il massacro di Las Vegas

    Il ministero iraniano degli Esteri condanna il crimine “odioso” che ha insanguinato gli Stati Uniti. Ed esprime “vicinanza” al Paese e ai familiari delle vittime. Parole che contrastano con l’attacco di Trump all’Iran dopo il doppio attentato Isis a Teheran a giugno. Il capo del Pentagono invita il presidente mantenere in vita l’accordo nucleare perché di “interesse” nazionale. 

     



    05/10/2017 11:09:00 ISRAELE - IRAN - USA
    Ex braccio destro di Netanyahu: l’accordo sul nucleare iraniano va sostenuto e rafforzato

    Dal 2009 al 2011 Uzi Arad ha ricoperto il ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale del governo israeliano. Oggi difende il patto sull’atomica, perché oltre a questo c’è “il nulla”. Egli non nega la “minaccia” iraniana, ma il tema del nucleare è specifico e va salvaguardato. E attacca l’ambasciatrice Usa all’Onu, che non aiuta in un’ottica di distensione e dialogo.

     



    17/10/2014 IRAN - STATI UNITI
    Cauto ottimismo nei colloqui sul nucleare iraniano, in una “fase critica”
    La capitale austriaca ha ospitato l’ultimo round di incontri dei Paesi del “5 +1”. Teheran e Washington parlano di progressi, anche se resta “molto lavoro da fare" per una firma entro li 24 novembre. Per il capo della diplomazia iraniana i dialoghi sono orientati alla “ricerca di una soluzione”; per gli Stati Uniti basta “un 2%” di differenze sul dossier per far crollare tutto.

    19/05/2010 IRAN – CINA – RUSSIA
    Pechino e Mosca appoggiano gli Usa per nuove sanzioni contro l’Iran. Scettica l’Onda verde
    Cina e Russia apprezzano anche l’accordo fra Brasile, Turchia e Iran sull’uranio arricchito. Questa quarta serie di sanzioni mira al potere economico dei pasdaran. Il movimento di opposizione chiede più sostegno alla comunità internazionale. “La minaccia nucleare si disinnesca col cambiamento del regime”.

    15/04/2010 RUSSIA-IRAN-CINA
    Entro agosto sarà in funzione il reattore nucleare di Bushehr in Iran
    La costruzione da parte dei russi è “in perfetto orario”. Gli Usa dicono che la scelta è “prematura”. Intanto si discute su nuove sanzioni contro Teheran.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®