17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/03/2006, 00.00

    Cina

    Cina: 20 milioni di bambini migranti discriminati dalla scuola pubblica



    Per loro è difficile avere un posto nelle scuole delle grandi città perché non sono riconosciuti come residenti. Spesso possono andare solo nelle scuole private condotte da volontari.

    Pechino (AsiaNews/Scmp) – La tragedia dei migranti cinesi ha molte facce: i 130 milioni di lavoratori che devono spostarsi dalle campagne per andare a lavorare nelle grandi città della costa orientale, infatti, portano con loro almeno 20 milioni di bambini sotto i 18 anni per i quali è difficile se non impossibile trovare posto in una scuola.

    Nella sola Pechino vi sono circa 300 mila bambini migranti: il governo municipale riconosce che l'80% non frequenta la scuola secondaria superiore (per chi ha tra 13 e 18 anni) e 70 mila non vanno a scuola.

    Ogni cittadino deve avere un certificato di residenza (c.d. hukou) che è "urbano" o "rurale". Chi ha residenza "urbana" accede a servizi come la scuola o la sanità, forniti dall'autorità municipale. Ma perde i diritti sulla terra e la casa lasciata in campagna. Per cui molti preferiscono non registrarsi.

    Nel 2003 – riferisce Han Jialing, prof. dell'Accademia delle Scienze sociali di Pechino – uno studio su 31 mila famiglie di migranti abitanti a Pechino ha mostrato che il 20% viveva con 500 yuan al mese e il 43% con un reddito tra 500 e 1.000 yuan. Le tasse scolastiche annue erano di 1.200 yuan per la scuola primaria e di 2 mila yuan per la media inferiore (da 13 a 16 anni), maggiori di quelle pagate dai residenti.

    Sempre nel 2003 il governo centrale ha ritenuto che la città deve provvedere all'istruzione anche dei bambini migranti che ci abitano e ha ordinato di eliminare simili discriminazioni. Dal 2004, per disposizione della Commissione municipale di Pechino per l'Educazione, i bambini migranti pagano quanto i residenti: fino a un massimo di 267 yuan al semestre per la scuola primaria e fino a 355 yuan per la scuola media inferiore.

    Ma nella capitale permangono altre discriminazioni. Così, gli amministratori scolastici del centrale distretto di Doncheng temono che accettare i migranti significa far diminuire il rendimento scolastico medio, con perdita di finanziamenti.

    Di fatto, a Pechino tra 80 e 90 mila bambini ancora frequentano 350-400 scuole private condotte da volontari o da migranti. Queste scuole, che chiedono tasse di circa 500 yuan l'anno, hanno strutture carenti e minimi mezzi e molte non sono autorizzate e rischiano la chiusura. Gli insegnanti sono sottopagati. Ma solo grazie a loro molti bambini riescono ad avere un'istruzione. (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/11/2008 CINA
    Sono 58 milioni i figli di migranti cinesi che crescono senza genitori
    Recenti studi dimostrano l’ampiezza del fenomeno, finora sottostimato. I genitori cercano una vita migliore, ma spesso i figli lasciati a casa stentano negli studi, sono vittime di abusi, cadono nella delinquenza. Esperti: occorre concedere ai migranti il diritto di residenza dove lavorano.

    22/01/2008 CINA
    Contadina migrante nominata al parlamento nazionale
    Il governo del Guangdong nomina all’Assembea nazionale del popolo una giovane migrante del Sichuan e i media statali celebrano l’opera del governo per migliorare la condizione dei migranti. Ma intanto a Shanghai si annuncia la chiusura di 240 scuole per bambini migranti. Esperti: occorre riconoscere loro i diritti dei residenti.

    12/01/2018 11:25:00 CINA
    Il ‘bambino di ghiaccio’, il volto della povertà

    Un bambino di otto anni percorre ogni mattina quasi 5 km per andare a scuola nel freddo dello Yunnan. È uno degli oltre 60 milioni di “bambini lasciati indietro” dai genitori migrati in città per trovare lavoro. La storia di Wang ha commosso la Cina.



    09/02/2010 CINA
    Scuole “per migranti” demolite, bambini costretti a lasciare Pechino
    Pechino e altre grandi città vogliono demolire interi quartieri, per ricostruirli moderni. Ma così demoliscono anche le economiche scuole per i figli dei migranti, esclusi dall’istruzione pubblica gratuita. Molti bambini rischiano di non poter tornare coi genitori nelle grandi città.

    30/05/2007 CINA
    Giocattoli che costano poco, ma portano malattie
    Il mito del successo economico e gli interessi dei bambini. Fabbriche dell’Hebei imbottiscono i giocattoli di materiali di scarto portatori di germi e di malattie. Vanno a ruba perché sono economici. Intanto Pechino denuncia la difficile situazione dei figli di migranti, abbandonati nel paese d’origine.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®