17 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/12/2006, 00.00

    SRI LANKA

    Circa 3300 civili in fuga dagli scontri nel nord-est



    La denuncia della Croce Rossa dopo due giorni di intensi combattimenti tra ribelli ed esercito: morte 110 persone, tra cui decine di civili.

    Colombo (AsiaNews/Agenzie) – Sono circa 3300 i civili fuggiti ieri agli scontri nel nord-est dello Sri Lanka, in cui sono rimaste uccise 110 persone. La cifra è riferita da fonti interne alle Tigri tamil e all’esercito governativo. Delle vittime di queste ultime violenze, 41 sono civili.

    Ribelli e militari hanno combattuto tutto il giorno ieri a colpi di artiglieria e mortaio lungo i confini dei distretti di Trincomalee e Batticaloa. La Croce Rossa denuncia che al momento, nella zona, più di 3300 persone risultano sfollate e chiede a militari e Tigri di rispettare le convenzioni umanitarie internazionali.

    Intanto i ribelli riferiscono dell’uccisione di 41 civili in seguito a due giorni di bombardamenti dell’esercito nell’area di Vakarai, sotto il loro controllo. Le forze governative negano di avere attaccato civili e di rimando accusano le Tigri di servirsi di scudi umani. Il ministero della Difesa spiega che i guerriglieri hanno dato il via all’offensiva provocando la risposta dei militari, i quali hanno inflitto gravi perdite ai ribelli. Ma come sempre in questo scenario, ormai da aperta guerra civile, le parti in lotta si smentiscono a vicenda in un gioco volto a screditare il rispettivo nemico. Secondo Colombo il bilancio delle vittime di ieri conta 12 militari uccisi, mentre le Tigri parlano di 30 soldati caduti solo nella giornata del 9 dicembre. L’esercito vanta 40 ribelli morti sotto il suo fuco, mentre la controparte ne denuncia solo tre.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/07/2007 SRI LANKA
    Le Tigri confermano la perdita dell’ultima roccaforte nell’est
    Ieri l’esercito governativo ha conquistato Thoppigala, in mano ai ribelli da 13 anni. Portavoce delle Ltte annuncia: ora nell’est passeremo a “tattiche di guerriglia”. Colombo si complimenta con i soldati e promette di riprendersi il nord del Paese.

    27/06/2007 SRI LANKA
    Politico tamil ai ribelli: l’indipendenza è un “sogno”, accettate il federalismo
    V. Anandasangaree, presidente del TULF, scrive al capo delle Tigri, accusandolo di aver instaurato un regno del terrore e di avere fatto precipitare il Paese nel baratro di povertà e dolore: “La situazione è fuori controllo,l’unica soluzione è trattare sul federalismo”.

    07/08/2006 SRI LANKA
    Sri Lanka: giustiziati 15 operatori umanitari tamil

    Le Tigri accusano il governo, che non commenta. Ieri ancora nuovi bombardamenti.



    17/07/2006 SRI LANKA
    Tamil reclutati con la forza per l'"assalto finale" contro il governo

    Fonti di AsiaNews in Sri Lanka raccontano che i ribelli nel nord e nell'est costringono un membro a famiglia all'addestramento militare, giurando che la prossima guerra sarà quella " decisiva"  per ottenere uno Stato indipendente.



    06/06/2008 SRI LANKA
    Mina contro un bus a Colombo, 21 morti
    Ennesimo attacco ad un mezzo pubblico nella capitale; le vittime sono tutte civili, la maggior parte donne. L’esercito indica nei ribelli delle Tigri tamil i responsabili della strage.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®