21 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/10/2017, 09.38

    VATICANO-COREA

    ‘Come in cielo così in terra’: la coraggiosa storia della Chiesa coreana in mostra al Vaticano



    Si tiene al Braccio di Carlo Magno e sarà visitabile fino al 17 novembre. I 230 anni del cristianesimo in Corea un “racconto di martirio e azione” per realizzare la volontà divina in terra. L’inizio “spontaneo”, il secolo di persecuzioni e l’impegno per i diritti umani. Suora responsabile: una storia sconosciuta che commuove e “accende” la Chiesa d’Occidente.

    Città del Vaticano (AsiaNews) – I 230 anni della Chiesa in Corea sono un racconto di martirio e azione, tesi a realizzare “come in cielo così in terra” la volontà divina di un mondo caratterizzato dall’uguaglianza tra i popoli e il rispetto della dignità umana. A raccontare questi anni di incrollabile fede e martirio è la mostra aperta al Braccio di Carlo Magno, alla sinistra della Basilica di San Pietro.

    L’esibizione “Come in cielo così in terra. Seul e i 230 anni della Chiesa Cattolica in Corea” è stata inaugurata il 9 settembre con l’organizzazione della Chiesa cattolica coreana, dell’arcidiocesi di Seoul e del Museo di storia di Seoul, e sarà visitabile gratuitamente fino al prossimo 17 novembre.

    Il percorso ci accompagna sin dalla nascita “spontanea” della Chiesa nel 1784. il Paese si chiama Joseon e la capitale Hanyang. I coreani scoprono la fede cristiana non attraverso i missionari, ma mediante i testi cattolici giunti insieme ad altre opere occidentali dalla Cina. Ben presto, i valori della nuova religione si scontrano con il rigido sistema delle classi sociali che governa la società. Inizia così una persecuzione destinata a durare un secolo e a mietere quasi 10mila vittime. La mostra dà importante risalto alle vite e le esperienze dei martiri che, con estrema semplicità, rifiutano di rinunciare alla fede. La mostra accompagna il visitatore alla fine della persecuzione, toccando le difficili prove dell’occupazione giapponese nel 1910 e la guerra di Corea fra il 1950 e 1953. Il racconto testimonia una Chiesa attiva e partecipe per la riconciliazione del popolo coreano, vicina agli emarginati e sostenitrice della democrazia e dei diritti umani. Un percorso storico che conduce fino ai giorni d’oggi, alla beatificazione dei martiri e alle sfide del futuro per una Chiesa che è diventata anche missionaria, con la presenza di 1.045 missionari in giro per il mondo, quasi la metà nel resto dell’Asia.

    A settembre, la mostra è stata visitata da circa 4870 persone. Fra i visitatori, il 20% era coreano e il restante di altre nazionalità.

    Suor Soo-ran Elizabeth Park, della congregazione delle Suore dei Beati Martiri Coreani, è responsabile dalle mostra. Intervistata da AsiaNews, suor Park racconta che i visitatori  rimangono sorpresi e colpiti in particolare da tre aspetti evidenziati dalla mostra: la nascita spontanea e autonoma della Chiesa, le persecuzioni e la vita attiva della Chiesa nella società coreana. “In molti ci lasciano dei commenti molto commossi”.

    “Questo tipo di mostra è preziosa –  continua la suora –  perché specialmente in Occidente è una storia poco conosciuta. È una Chiesa lontana. Sarebbe una buona cosa fare spesso simili mostre, perché la gente possa conoscere le Chiese di altre parti del mondo, specialmente d’Oriente. Quello che ha sorpreso anche me è osservare il modo con cui questa fiamma della Chiesa coreana accende anche il fuoco della Chiesa d’Occidente”.

    La Chiesa coreana è viva e attiva, e si impegna per la società nella penisola coreana e non solo. “Come ha detto il Santo Padre quando è venuto in visita non ci sono due Coree, ce ne è una. Per questo noi dobbiamo andare avanti promuovendo la pace in Corea. La Chiesa nella società coreana tende sempre a lavorare per i poveri, gli emarginati. E non solo in Corea. Prima venivano i missionari in Corea, ora ci sono missionari coreani”.

    Giovanna Lee (nome coreano Lee Miok), interprete e guida turistica a Roma, ha collaborato  nell’organizzazione: nonostante le difficoltà che un simile lavoro ha compreso, per lei è stato bello osservare i visitatori per cui questa storia “è una scoperta molto toccante perché questa fede nasce dal loro desiderio, senza i missionari”. (MT)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    20/06/2011 COREA
    Una Messa al confine “per riprendere il dialogo”
    Circa 20mila cattolici hanno partecipato alla Messa per la pace fra le due Coree, celebrata nei pressi della zona demilitarizzata. Il vescovo Kim: “Il momento è gravissimo. Dobbiamo tornare a rispettarci a vicenda e far tacere le armi”.

    31/03/2010 COREA DEL SUD
    Cattolici coreani uniti contro il Progetto dei grandi fiumi
    Per la prima volta dal 1987, la comunità dei fedeli sudcoreani si unisce per fermare un progetto del governo che mette a serio rischio lo sviluppo e l’ecologia del Paese. Il via dato dalla Conferenza episcopale, che cita il Papa: “La natura è il dono di Dio all’uomo, e noi ne siamo responsabili”.

    15/09/2010 VATICANO – COREA DEL SUD
    I nuovi orizzonti dei cattolici coreani dopo il Congresso di Seoul
    Commossi dalle testimonianze dei cristiani perseguitati nel continente asiatico, i cattolici coreani riflettono sul loro ruolo missionario in Asia, in particolare verso la Corea del Nord. La proposta di un incontro Nazionale per promuovere la solidarietà fra i movimenti laicali e per non perdere i frutti del Congresso.

    25/10/2005 COREA DEL SUD
    Giovani e difesa della vita: priorità del neo presidente della Conferenza episcopale

    In una conferenza stampa mons. Augustine Cheong Myeng-cho ha spiegato il suo progetto pastorale.



    21/11/2005 COREA DEL SUD
    Corea del Sud: una celebrazione per Charles de Foucauld

    Il vescovo coreano Peter Kang U invita i fedeli a seguire l'esempio di de Foucauld: "la sua esperienza missionaria fra i musulmani ed i poveri del Sahara ha aperto una nuova strada di fratellanza".





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®