12 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/02/2017, 11.19

    PAKISTAN

    Commissione Giustizia e pace: Dura condanna per l’attentato di Lahore

    Shafique Khokhar

    I vertici della Commissione hanno firmato una dichiarazione congiunta. L’attacco suicida è costato la vita a 13 persone, tra cui due poliziotti. Veglia di preghiera e fiaccolata nella cattedrale. Il governo applichi il National Action Plan contro il terrorismo e fornisca alle forze di sicurezza un equipaggiamento adeguato.

    Lahore (AsiaNews) – La Commissione nazionale Giustizia e pace (Ncjp) della Conferenza episcopale pakistana esprime una netta condanna dell’attentato di Lahore del 13 febbraio scorso, costato la vita a 13 persone, tra cui due poliziotti, e provocato il ferimento di altri 85. In una dichiarazione congiunta, mons. Joseph Arshad, presidente della Ncjp, p. Emmanuel Yousaf, direttore nazionale, e Cecil S. Chaudhry, direttore esecutivo, affermano che “l’uccisione di manifestanti innocenti e del personale di polizia è inaccettabile”. “Mentre porgiamo le condoglianze per le vittime – aggiungono – e manifestiamo grande rispetto per i funzionari assassinati, preghiamo per le loro famiglie e per i feriti”.

    I vertici della Chiesa cattolica denunciano che “ancora una volta la capitale provinciale del Punjab è stata attaccata con brutalità dagli estremisti”. L’attacco suicida di fronte alla Punjab Assembly, dove era in corso una manifestazione di circa 400 farmacisti, è stato rivendicato dal gruppo islamico Jamat-ul-Ahrar, una fazione del Tehreek-i-Taliban Pakistan (Ttp), bandito in Pakistan. I radicali hanno avvertito che continueranno a colpire gli uffici statali come forma di ritorsione dei confronti del giro di vite contro il terrorismo avviata da Islamabad.

    La Ncjp e la diocesi di Faisalabad hanno organizzato una fiaccolata e una veglia di preghiera presso la cattedrale di Lahore, per manifestare solidarietà ai martiri e vicinanza ai loro familiari. All’evento hanno partecipato sacerdoti, suore, studenti, insegnanti e molti esponenti civili e politici. I presenti hanno chiesto al governo di adottare azioni decise contro i terroristi e di assicurare che nel Paese venga rispettato lo stato di diritto.

    La Commissione ha invitato il governo ad “assicurare alla giustizia gli autori del gesto, indagare l’origine dell’intolleranza degli elementi estremisti e rafforzare le misure a protezione di tutti i cittadini”. Nonostante l’allerta di possibili attentati, aggiungono i cattolici, “le autorità hanno fallito. Come Commissione, chiediamo che vengano attuate le iniziative previste nel National Action Plan [la politica di contrasto al terrorismo approvata nel 2015 da Islamabad in seguito all’attentato dei talebani contro la scuola militare di Peshawarndr]. Esso deve essere la priorità, se il governo vuole sradicare il terrorismo e l’estremismo dal Paese”.

    Inoltre, conclude la dichiarazione della Commissione, i leader di Islamabad “devono fornire un equipaggiamento adeguato al personale della sicurezza, impegnato nel rischioso e coraggioso compito di disinnescare ordigni esplosivi in tutto il Paese”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2016 15:32:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace: Il governo affronti il fondamentalismo una volta per tutte

    La Commissione episcopale: “Uccidere in nome della religione è inaccettabile, tanto più se a morire sono degli innocenti. Le risposte militari però non bastano: serve una campagna ad ampio raggio che individui e sradichi le radici del fondamentalismo violento”.



    26/07/2017 08:59:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace condanna l’attentato di Lahore: salvare i giovani dal demone del terrorismo

    L’attentatore affiliato ai talebani aveva tra i 16 e i 18 anni. I gruppi estremisti usano “i nostri giovani per portare distruzione”. Educatore: “Non basta uccidere qualche sospettato. Il terrorismo è un’ideologia sbagliata che si insinua nel profondo della nostra società”.



    24/08/2017 12:46:00 PAKISTAN
    Giustizia e pace: Indrias Masih ‘lasciato morire’ dai carcerieri perché cristiano

    Il detenuto è morto per “la negligenza e l’insensibilità” della polizia e delle autorità nella prigione di Lahore. Era agli arresti per il presunto linciaggio di due sospetti terroristi. Poteva aver salva la vita abiurando, ma non ha rinnegato il cristianesimo.



    13/09/2017 12:15:00 PAKISTAN
    Il padre dello studente cristiano ucciso: L’uniforme della scuola è diventata il suo sudario

    Sharoon Masih è stato ucciso il terzo giorno di lezione dai suoi compagni di scuola. Giustizia e pace sostiene che il suo omicidio è colpa delle autorità della scuola. La morte “non una disputa tra adolescenti, ma causata da intolleranza, discriminazione e comportamento disumano”.



    22/08/2017 11:23:00 PAKISTAN
    L'esempio di suor Ruth Pfau nei libri di testo pakistani

    La suora di origini tedesche ha speso la sua vita per curare i lebbrosi del Pakistan. I funerali di Stato celebrati il 19 agosto a Karachi. Far conoscere agli studenti l’esempio della religiosa per allontanare le sirene del terrorismo.





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®