28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/12/2005, 00.00

    CINA - INDIA

    Compagnie indiane e cinesi unite per sfruttare il petrolio siriano



    Primo caso in assoluto di cooperazione sino-indiana in campo energetico. Pechino e New Delhi sfrutteranno i giacimenti di Al Furat, in Siria.

    New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Cina e India acquisiranno insieme dalla compagnia Petro-Canada il 37% delle quote sui giacimenti in Siria per il prezzo di 573 milioni di dollari Usa. E' la prima operazione congiunta dei 2 Paesi affamati di energia.

    L'indiana Oil and Natural Gas Corp (Ongc) e la China National Petroleum Corp (Cnpc), entrambe di proprietà statale, avranno ciascuna il 50% dei giacimenti di Al Furat. La produzione è già in corso, per cui potranno disporre di 60 mila barili di greggio al giorno senza dover prima investire in ricerche.

    Nel passato le 2 compagnie si sono spesso scontrate, ovunque nel mondo, per assicurarsi fonti energetiche: l'India importa il 70% del petrolio che le occorre e la Cina più di un terzo. In Kazakistan ad agosto e in Angola ad ottobre la Cnpc ha prevalso sulla Ongc, ma ha dovuto presentare alte offerte economiche. Secondo gli esperti, la guerra tra i 2 grandi Stati è stato uno dei più importante fattori per l'aumento del costo del petrolio nel 2005.

    La collaborazione tra le 2 Nazioni potrebbe permettere loro di accaparrarsi importanti fonti energetiche e dividerle. Subir Raha, presidente della Ongc, sottolinea che le 2 compagnie già lavorano insieme da 3 anni per lo sfruttamento di giacimenti in Sudan, di cui possiedono quote distinte .

    "Questa - commenta S.C. Tripathi, segretario indiano per il Petrolio - è una pietra miliare. Invece di scontrarci dovunque, lavoreremo insieme". Lo scorso aprile il premier cinese Wen Jiabao, in visita in India, aveva già detto che la "cooperazione energetica" è "parte necessaria" dei rapporti tra le 2 nazioni. Per il 10 gennaio 2006 è prevista la visita a Pechino di Mani Shankar Aiyar, ministro indiano per il Petrolio, per parlare di una maggior collaborazione nel settore dell'energia. Sono allo studio, dicono gli esperti, ricerche congiunte di giacimenti di petrolio e gas naturale, nonché l'elaborazione dei criteri guida per la creazione di joint ventures tra società - anche statali - cinesi ed indiane.

    Molti esperti dubitano però che sia possibile una stabile collaborazione tra i 2 stati, che nel 1962 combatterono una guerra di confine mai risolta in maniera ufficiale ed hanno alle spalle una storia fatta di sospetti e ostilità. Ma, se ciò avvenisse, si aprirebbe "un nuovo scenario mondiale, con un pericoloso concorrente - osserva Praveen Martis, analista e consulente di Wood Mackenzie - anzitutto per le majors petrolifere occidentali". (PB)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    02/11/2006 CINA – INDIA
    Leader nazionalista del Gujarat lancia la cooperazione con la Cina

    Narendra Modi, leader del Gujarat, è arrivato ieri a Pechino per una serie di incontri di tipo economico che mirano a sviluppare le Zone economiche speciali dello Stato.



    09/07/2010 CINA – GIAPPONE – TAIWAN
    Il Giappone accresce il suo spazio aereo a spese di Taiwan
    Da anni c’è contestazione sui rispettivi spazi aerei. Ora Tokyo decide da solo di accrescere la zona del suo controllo. Proteste di Taipei. Esperti: la decisione segue il riavvicinamento di Taiwan a Pechino, con cui Tokyo compete per territori e ricchezze.

    23/10/2013 CINA - RUSSIA
    Mosca e Pechino firmano un accordo energetico da 85 miliardi di dollari
    Medvedev è in visita di Stato a Pechino. I due Paesi, ha detto Xi Jinping, sono "buoni vicini e partner strategici di nome e di fatto". Secondo l'accordo, le due maggiori compagnie energetiche nazionali sfrutteranno insieme i campi petroliferi della Siberia. Aumenta l'influenza cinese nel settore della produzione di combustibile russo.

    25/01/2005 india
    Anche la diplomazia indiana rincorre il petrolio


    13/09/2006 INDIA
    L'India cerca fonti energetiche nell'Asia centrale

    Delhi sviluppa la collaborazione militare e politica con il Tajikistan, per aumentare la sua presenza nella zona. L'India vuole anche contrastare il terrorismo islamico.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®