24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/12/2014, 00.00

    SIRIA - IRAQ - ONU

    Conflitto siriano: mancano fondi, interrotto il programma alimentare Onu per rifugiati



    I vertici del Wfp hanno bloccato la distribuzione di voucher per l’acquisto di cibo e generi di prima necessità. Nel solo mese di dicembre servirebbero 64 milioni di dollari per far fronte al fabbisogno. Dal programma un gettito complessivo di 800 milioni che serviva ad alimentare le economie dei Paesi che hanno accolto i rifugiati.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il Programma alimentare mondiale (Wfp) ha interrotto il programma di distribuzione di cibo per 1,6 milioni di rifugiati siriani, in fuga dalla guerra fra l'esercito di Damasco e le milizie ribelli e filo-islamiste, per "mancanza di fondi". L'agenzia delle Nazioni Unite con sede a Roma spiega che il piano di aiuti prevedeva la distribuzione di voucher per l'acquisto di alimenti; i buoni erano destinati ai rifugiati fuggiti in Giordania, Libano, Turchia, Iraq ed Egitto. Senza assistenza, avvertono gli esperti, quest'inverno molte famiglie rischiano di patire la fame. Ertharin Cousin, direttore esecutivo Wfp, conferma la situazione di criticità, sottolineando che per il solo mese di dicembre servirebbero almeno 64 milioni di dollari per rispondere al fabbisogno. 

    Dall'inizio della rivolta contro il presidente siriano Bashar al Assad, nel 2011, oltre 3,2 milioni di persone hanno abbandonato la Siria e altri 7,6 milioni sono sfollati interni. Almeno 200mila le vittime del conflitto, molte delle quali civili. 

    I voucher distribuiti dall'Onu erano importanti non solo a garantire cibo alla popolazione, ma anche perché servivano ad alimentare le economie delle nazioni ospitanti, con un gettito complessivo sinora di 800 milioni di dollari. Per gli esperti il blocco degli aiuti, in particolare nei campi profughi di Libano e Giordania, potrebbe avere un impatto "devastante", perché rischia di alimentare la tensione nella regione, oltre che l'instabilità e l'insicurezza. 

    I vertici del Wfp, come già avevano fatto le Nazioni Unite nell'ottobre scorso, lanciano un appello per la raccolta fondi; crisi economia mondiale e tensioni internazionali hanno determinato un calo nelle donazioni, che colpisce agenzie Onu e organizzazioni non governative costrette da tempo a limitare le operazioni. 

    La fine della distribuzione di aiuti rischia di ripercuotersi soprattutto sui bambini in Libano e Giordania, senza vestiti adeguati per affrontare l'inverno e costretti a sopravvivere all'interno di tende di fortuna, nel fango e condizioni igieniche precarie. Prima del conflitto la Siria vantava un prodotto interno lordo (Pil) superiore alle altre nazioni della zona, fra cui Tunisia e Giordania, e aveva indicatori positivi nei settori della sanità e dell'istruzione. Ma la violenza brutale che ha seguito la rivolta contro il presidente - secondo i critici dittatore - e la repressione dell'esercito di Damasco hanno messo in ginocchio il Paese. 

    Intanto anche in Iraq continuano attacchi e violenze ad opera dello Stato islamico, attivo anche in Siria nella lotta contro le milizie governative; i militanti jihadisti hanno ucciso almeno 15 guardie di confine irakene, di stanza ad un check-point lungo il confine con la Siria. L'attacco è avvenuto nei pressi della cittadina di Walid. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    24/10/2014 IRAQ - NAZIONI UNITE
    L'Onu lancia una raccolta fondi: 2,2 miliardi di dollari per gli sfollati da Iraq e Siria
    Le Nazioni Unite: "Dobbiamo rispondere ai bisogni di oltre 5 milioni di persone". Gli sfollati interni sono 1,8 milioni; altri 1,7 vivono in zone teatro del conflitto. Con l’inverno situazione destinata a peggiorare. Una precedente campagna non ha centrato gli obiettivi di raccolta fissati.

    14/11/2017 09:17:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: per cristiani di Mosul va peggio di quando arrivò l’Isis

    Gli scontri arabo-curdi e sunniti-sciiti ostacolano il rientro dei profughi. Alto il pericolo di nuove violenze, le famiglie trascorrono la notte in macchina e i bambini sono traumatizzati. P. Samir: gravi problemi economici, mancano cibo e kerosene, mentre governi e Ong hanno sospeso gli aiuti. Serve “un miracolo”.

     



    29/08/2014 SIRIA - NAZIONI UNITE
    Onu: in Siria oltre 3 milioni di rifugiati, "la più grande emergenza umanitaria”
    Quasi la metà degli abitanti costretti a lasciare le proprie case dall’inizio del conflitto, nel marzo 2011. Il Libano è il Paese che ha accolto il maggior numero di profughi, oltre 1,1 milioni; altri 6,5 milioni sono sfollati interni. Lo Stato islamico ha portato le violenze contro i civili “a un nuovo livello” e ostacola la distribuzione di aiuti.

    27/03/2015 ONU - MEDIO ORIENTE
    Patriarca di Baghdad all’Onu: Nuove leggi contro Stati o singoli che sostengono i terroristi
    Al Consiglio di sicurezza è in programma - su iniziativa della Francia - una sessione dedicata a cristiani e minoranze perseguitate in Medio oriente. Il Patriarca caldeo Louis Sako auspica pieno sostegno della comunità internazionale al governo di Baghdad e alle autorità curde. Egli chiede leggi severe contro il terrorismo, riforma dell’educazione e un’esegesi dei testi sacri che contrasti l’estremismo.

    25/09/2014 ONU - SIRIA - IRAQ
    Onu, il Consiglio di Sicurezza condanna lo Stato islamico. Nuova decapitazione in Algeria
    Adottata all’unanimità, la risoluzione vincolante obbliga gli Stati a bloccare i reclutamenti fra i miliziani e i finanziamenti in denaro. Nella notte raid Usa e arabi in Siria contro raffinerie petrolifere, morti 14 terroristi e cinque civili. Parigi condanna la decapitazione di un turista francese in Algeria, per mano di un gruppo separatista affiliato allo SI.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®