19 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 24/06/2016, 15.15

    ORTODOSSI

    Continuano i lavori del Sinodo panortodosso

    NAT da Polis

    Nei prossimi due giorni si discuterà del riconoscimento della Chiesa cattolica come vera Chiesa. Nei giorni scorsi approvati testi sulla missione della Chiesa ortodossa nel mondo contemporaneo, sui digiuni, sugli impedimenti ai matrimoni, sulle dichiarazioni di autonomia delle Chiese. Nascono le conferenze episcopali formate da vescovi dei diversi riti e nazioni.

    Creta (AsiaNews) - A due giorni dalla conclusione, continuano i lavori del Sinodo  panortodosso presso l’ Accademia Ortodossa di Creta,  un posto bellissimo  “che solo i monaci di qualsiasi confessione sanno scegliere”,  come ci è stato dichiarato  da un rappresentante cattolico.

    La diffidenza iniziale – dovuta all’assenza di alcune Chiese - s’ è sciolta  e tutti i delegati  partecipano alle  discussioni guidate con pazienza ed equilibrio dal patriarca ecumenico Bartolomeo .

    La funzione di Bartolomeo

    Con discrezione, quest’ultimo sprona tutti i presenti a partecipare alle discussioni senza mai rispettare i rigidi canoni del regolamento sulla durata degli interventi. E ha sempre una buona parola per tutti. Si percepisce quanto lo stesso Bartolomeo aveva fatto notare nella sua prolusione iniziale, che l’essenza della Chiesa è sinodale.

    Nel ricordare questo tratto, egli ha spiegato, non si ripete “una semplice tradizione canonica che stiamo preservando, ma si afferma una fondamentale verità teologica, applicata dalla Chiesa sin dalla sua origine apostolica”.  Egli ha anche ricordato con amarezza che il IV Sinodo ecumenico aveva giudicato offensivo l’atteggiamento di chi manca di rispetto alla propria firma. L’allusione è alle Chiese assenti, che pure avevano firmato e sottoscritto la loro partecipazione in precedenza.

    Ai primi sinodi ecumenici furono affrontate questioni dogmatiche; questo sinodo panortodosso affronta invece tematiche sull’esercizio della fede, su quale sia la risposta della Chiesa ortodossa ai problemi della società contemporanea. 

    Il Patriarca Bartolomeo ha sempre sottolineato che “il contributo e la risposta che deve dare il pianeta ortodosso deve essere collegiale e non delle singole Chiese”. Per questo egli ha profuso enormi energie per convocazione questo Sinodo.

    “Dobbiamo dimostrare - ha detto Bartolomeo - che siamo una sola Chiesa, pur rispettando le diversità culturali, e non una confederazione di Chiese.  La Chiesa esprime il messaggio salvifico della persona umana, del mondo.

    Il teologo Ioannis Zizioulas, metropolita di Pergamo, ha aggiunto che non dobbiamo dimenticare “il senso escatologico della vita della persona umana”.

    Le decisioni prese

    Fra le tematiche finora discusse vi sono: la missione della Chiesa ortodossa nella società contemporanea; la diaspora; la proclamazione dell’autonomia di una Chiesa; il digiuno; l’impedimento di matrimonio religioso.

    Per quanto riguarda la missione della Chiesa nella società contemporanea, con qualche marginale modifica è stato approvato il testo di Chambesy, firmato dai 14 rappresentanti delle Chiese nel gennaio del 2016.

    Il testo è molto interessante, anche perché è stato concepito con il contributo di vari pensatori ortodossi non di estrazione clericale.

    Anche il testo sulla diaspora, ossia la gestione amministrativa al di fuori dei propri confini nazionali dei fedeli ortodossi sparsi nel mondo a causa della migrazione. Fino ad ora ogni Chiesa nazionale nominava i propri vescovi in ogni singolo Stato estero, per cui in uno Stato estero avviene il paradosso che vi siano diversi vescovi ortodossi di diversa provenienza nazionale. In tal modo la distinzione nazionale viene a prevalere sull’unità confessionale. È il retaggio del cosiddetto filetismo, già condannato dal Sinodo di Costantinopoli del 1872, in cui si produce una confusione tra patriottismo e nazionalismo.

    Per questo motivo si è preferito per il momento di lasciare le cose come stanno, ma procedendo a istituire delle conferenze episcopali in ogni singolo Paese estero, presiedute dal rappresentante di Costantinopoli o da uno altro vescovo, rispettando l’ordine dei canoni gerarchici delle Chiese ortodosse.

    Per la concessione dell’autonomia ad un Chiesa all’interno di in Paese di tradizione ortodossa, la concessione spetterà d’ ora in poi alla Chiesa di quel Paese, rispettando però i canoni già stabiliti nella tradizione ortodossa.

    Sul digiuno si è creata una contrapposizione tra conservatori e progressisti. I primi di estrazione monastica, i secondi con esperienze più pastorali. Alla fine, senza molto ritoccare i testi, è prevalso il tradizionale spirito ortodosso dell’economia ecclesiastica, per cui - senza sfuggire alle regole stabilite – si permette al vescovo di valutare le singolarità congiunturali e concedere delle deroghe.

    Lo stesso criterio è stato applicato sulla questione degli impedimenti ai matrimoni. In particolare la questione che riguarda i preti sposati e rimasti vedovi. In linea di principio anche qui rimangono i canoni già esistenti – che vietano il risposarsi - ma anche qui si permetterà al vescovo di valutare, grazie alla sua esperienza pastorale, i singoli casi e concedere delle deroghe.

    I rapporti con la Chiesa cattolica

    Il tema cruciale dei due prossimi giorni sarà il testo sui rapporti tra mondo ortodosso e Chiesa cattolica.

    All‘interno delle Chiese ortodosse vi sono vescovi di varie estrazioni, i quali pensano di essere i successori del vescovo Marco Eugenico di Efeso (1392-1444), il quale era contrario all’ unità tra Roma e Costantinopoli. È probabile che questi creeranno ostacoli al riconoscimento della Chiesa di Roma come vera Chiesa, malgando che le rispettive Chiese partecipino al dialogo ecumenico.

    Pur con l’influenza di personaggi di questo tipo, autoreferenziali e timorosi verso le aperture universali della  fede cristiana, c’è comunque la diffusa  sensazione che questo Sinodo panortodosso è l’inizio di una serie di sinodi successivi che verranno programmati e convocati perché vi è la radicata convinzione che solo il dialogo diretto potrà aiutare a superare le posizioni arroccate su considerazioni anacronistiche. Il ghiaccio millenario si è  sciolto.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/01/2016 10:46:00 ORTODOSSI
    Chambésy: pur con qualche lentezza, procede il cammino verso il Sinodo panortodosso del 2016

    L’incontro doveva svolgersi a Istanbul, ma la situazione politica della Turchia e le tensioni con la Russia hanno fatto spostare la riunione in Svizzera. Il Sinodo è fissato per la Pentecoste di quest’anno. Stilata l’agenda di 8 punti. Due punti non sono stati accettati: la diaspora ortodossa e la gerarchia fra le Chiese. L’invito a rappresentanti delle altre Chiese cristiane.



    28/01/2016 08:31:00 ORTODOSSI - RUSSIA
    Patriarca di Mosca: il Sinodo panortodosso si terrà a Creta

    La decisione dopo l’incontro dei capi delle Chiese autocefale ortodosse a Chambésy. Il Sinodo doveva tenersi a Istanbul, diventata ‘scomoda’ per i russi dopo lo scoppio delle tensioni con la Turchia per via del jet abbattuto al confine con la Siria.



    08/06/2016 11:37:00 LIBANO - ORTODOSSI
    Divisioni e contrasti fra le Chiese mettono a rischio il Sinodo panortodosso di Creta

    Antiochia ha chiesto di rinviare l’incontro per contrasti con la sede di Gerusalemme. Le Chiese bulgare e georgiana pensano al boicottaggio. Fra i punti controversi il matrimonio, le relazioni fra Chiesa ortodossa e il mondo contemporaneo e le relazioni con le altre confessioni cristiane. Lo sforzo di Bartolomeo I in direzione dell’unità.



    30/07/2016 12:13:00 UCRAINA-RUSSIA-ORTODOSSI
    Poroshenko: solo il Patriarca Bartolomeo può aiutare la Chiesa ucraina a unirsi

    Nell’anniversario del Battesimo della Rus’, il leader di Kiev ribadisce l’appello del Parlamento per l’autocefalia della Chiesa ucraina. Le comunità cristiane ricarcano le divisioni politiche.



    08/06/2016 08:14:00 RUSSIA-ORTODOSSI
    Concilio panortodosso, riunione d’urgenza del Sinodo patriarcale di Mosca per decidere la loro partecipazione

    Metropolita Hilarion: “sconvolti” dal rifiuto di Costantinopoli a un incontro straordinario preconciliare per risolvere le questioni sollevate dalle Chiese locali. “Le decisioni del Concilio devono essere prese con consenso unanime e questo non si può avere, se mancano alcune Chiese”.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®