21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 30/08/2017, 12.38

    CINA-VATICANO

    Continuano le veglie attorno alla chiesa di Changzhi a rischio di esproprio e demolizioni (video)



    Il vescovo, mons. Ding denuncia il voltafaccia del governo locale e i pestaggi di ieri. Teppisti, poliziotti e soldati hanno preso d’assalto fedeli. “Uccidete i preti per primi!”. Distrutte diverse auto dei cattolici. Il triste legame con i dialoghi Cina- Vaticano. Il tradimento delle parole di Xi Jinping.

    Changzhi (AsiaNews) - Non si placa la tensione attorno alla chiesa di Wangcun (Changzhi), a rischio di requisizione del terreno e di demolizione, dopo gli scontri di ieri e il blocco (temporaneo) dei bulldozer.

    Per tutta la notte centinaia di fedeli della diocesi sono rimasti in veglia all’aperto, pregando e cantando il rosario per prevenire qualche colpo di mano notturno. Con i fedeli vi erano anche cinque o sei preti. Gli altri, che avevano partecipato al sit-in di ieri - alcuni di loro sono rimasti feriti - sono stati ospitati nel centro diocesano in città. Molti di loro hanno parrocchie lontane e hanno deciso di fermarsi a Changzhi per esigere il rispetto dei loro diritti.

    Questa mattina, celebrando la messa, nell’omelia il vescovo di Changzhi, mons. Pietro Ding Lingbin ha chiesto giustizia e ha denunciato il voltafaccia del governo locale, che 10 anni fa aveva riconsegnato alla diocesi la chiesa e il terreno attorno e ora lo vuole requisire per “fare una piazza”. Egli ha anche ricordato le violenze di cui ieri sono state vittime alcuni sacerdoti e fedeli.

    La storia della chiesa di Wangcun, un monumento di quasi 100 anni, e del terreno intorno data da lungo tempo. L’edificio sacro e i terreni erano stati sequestrati al tempo di Mao. Secondo una legge approvata da Deng Xiaoping negli anni ‘80, essi sarebbero dovuti tornare ai legittimi proprietari. Ma non si è fatto nulla fino al 2012, quando il governo locale ha firmato un documento per il ritorno delle proprietà.

    Pochi mesi fa, lo stesso governo, ha decretato che i terreni attorno alla chiesa venissero requisiti per costruire una piazza (v. foto 2). In tal modo - spiegano i fedeli - la chiesa non avrà alcun spazio per sviluppare attività e vi è il rischio che prima o poi anche l’edificio sacro venga requisito e distrutto.

    Ieri il governo locale voleva iniziare la demolizione, distruggendo il muro di cinta attorno alla chiesa. Per questo esso aveva radunato diversi bulldozer. Assieme agli operai, aveva chiamato a raccolta quadri del Partito, teppisti, poliziotti e soldati: in tutto quasi 400 persone.

    Sul luogo erano anche arrivati un migliaio di fedeli [i media locali hanno detto che erano solo “una diecina”] e decine di sacerdoti con indosso il camice e la stola.

    All’ordine delle autorità i teppisti hanno cominciato a picchiare i fedeli e i sacerdoti (v. video). Alcuni malviventi gridavano: “Uccidete i preti per primi!”. Il pestaggio è andato avanti per ore e i teppisti hanno distrutto diverse vetture dei fedeli. Intanto, per evitare che altri cattolici arrivassero sul sito, sono state sbarrate tutte le strade di accesso all’area.

    “Alcuni dei criminali e alcuni fedeli sanguinanti - dice uno dei testimoni - sono ancora nell’ufficio di polizia”

    Durante gli scontri mons. Ding era in frenetici colloqui con il comitato del Partito e le autorità del governo locale, chiedendo loro di fermare le violenze e risolvere la questione. Per il vescovo il fatto non è solo una questione economica, ma di repressione religiosa e di discriminazione verso i cattolici e di abuso per i diritti umani. Egli ha anche richiesto alle autorità di ricompensare sacerdoti e fedeli vittime dei pestaggi, ripagare il valore delle auto sfasciate, punire i criminali autori delle violenze.

    Un sacerdote commenta: “Questo episodio di repressione e discriminazione avviene proprio mentre si dice che la Cina e il Vaticano stanno dialogando!”.

    Un altro sottolinea che quanto avviene è un tradimento delle parole del presidente Xi Jinping, che vede le religioni come strumento per edificare la nazione: “Se il popolo ha fede, la nazione ha speranza, il Paese ha forza”

    Secondo alcuni, il nuovo disegno urbanistico nasconde un progetto per utilizzare il terreno per edificare. L’area è a pochi chilometri dall’aeroporto di Changzhi e se venisse messa in vendita, porterebbe a guadagni di centinaia di milioni di yuan.

    Per la Chiesa si tratta di difendere gli spazi dove creare attività caritative e di evangelizzazione.

    “I bulldozer sono fermi - racconta un sacerdote - ma sono ancora sul sito. E per ora vi è solo la parola del capo villaggio che ha dato lo stop alla demolizione. Ma non c’è la parola delle autorità più in alto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/08/2017 13:02:00 CINA-VATICANO
    Ancora veglie dei fedeli per la chiesa di Changzhi. Blackout sui social e sul sito della diocesi

    Il vescovo in dialogo con il capo dell’Ufficio affari religiosi. Ancora nessuna soluzione soddisfacente per la comunità cristiana. I fedeli hanno programmato turni notturni di vigilanza e preghiera.



    29/08/2017 13:30:00 CINA
    Shanxi: Cattolici cinesi cercano di fermare la demolizione della loro chiesa a Changzhi (Video)

    La chiesa è un monumento che ha circa 100 anni. Dieci anni fa il governo aveva dato il permesso di restaurarla. Ora la fa demolire per farne una piazza. I fedeli pregano che il governo “rispetti la legge dello Stato che garantisce la libertà religiosa”. Alla fine del braccio di ferro, il governo locale ha fermato la demolizione.



    03/05/2016 14:26:00 CINA
    Cina: dopo aver sepolto viva una donna, il governo rende la terra alla sua chiesa

    Ding Cuimei è morta lo scorso 14 aprile mentre cercava di difendere il terreno della congregazione Beitou dall’esproprio. Le autorità riconoscono che la battaglia legale non sussiste: il pastore Li Jiangong, marito della defunta, è il legittimo proprietario. Cristiani locali chiedono giustizia.



    19/04/2016 13:21:00 CINA
    Henan, donna muore sepolta viva sotto la chiesa demolita dal governo

    Ding Cuimei, sposata con il pastore non ufficiale Li Jiangong, ha cercato di impedire con il suo corpo l’avvicinarsi dei bulldozer. Uno degli agenti del governo incita gli operai: “Seppelliteli per me, mi assumo io la responsabilità”. Il marito riesce a scavarsi una via di fuga, Ding muore nel tentativo. La polizia locale arresta due membri della squadra di demolizione ma non rivela nessun dettaglio.



    10/06/2010 CINA
    Mongolia Interna, demolita l’unica chiesa cattolica di Ordos per costruire una nuova strada
    Per ordine del governo, 100 persone hanno distrutto la Dongsheng church nel cuore della notte. Il sacerdote e la guida dei laici sono stati imprigionati per 20 ore. I cattolici sono accampati tra le macerie per impedire l’avvio della nuova costruzione.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®