23 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/02/2016, 12.59

    COREA

    Corea, altissima tensione fra Seoul e Pyongyang: torna lo spettro della Guerra fredda



    Il regime di Kim Jong-un lancia un razzo e scatena la reazione della Corea del Sud. Tagliata la “linea rossa” di comunicazione diretta fra i due governi e interrotta ogni operazione nel complesso industriale intercoreano di Kaesong. Una fonte di AsiaNews: “La situazione stavolta sembra davvero grave”.

    Seoul (AsiaNews) – Il governo della Corea del Sud ha confermato di aver tagliato l’elettricità e la fornitura d’acqua al complesso industriale intercoreano di Kaesong, ultimo punto di contatto fra i governi di Seoul e Pyongyang, dopo aver ordinato la sospensione delle operazioni commerciali. La decisione è stata presa dopo la comunicazione da parte del regime guidato da Kim Jong-un di voler espellere tutti i lavoratori sudcoreani dall’area. Pyongyang ha anche ordinato all’esercito di prendere possesso del complesso, a pochi chilometri dal confine.

    L’aggravarsi della situazione nella penisola, divisa sin dal 1953, sembra per il momento inevitabile. Lo scorso 7 febbraio il Nord ha lanciato un razzo, definito un satellite con scopi scientifici; il Sud ha risposto condannando l’operazione, vista come “un test missilistico bellico”, e ha chiesto alla comunità internazionale di applicare nuove sanzioni nei confronti del regime. In risposta, Pyongyang ha tagliato la “linea rossa” di comunicazione diretta con Seoul e ha congelato i conti correnti sudcoreani che transitano in una banca del Nord per il pagamento degli stipendi degli operai di Kaesong.

    I circa 280 lavoratori sudcoreani nel complesso intercoreano, fino a oggi considerato un “porto franco” per le comunicazioni bilaterali, sono tornati a casa. A loro è stato impedito di portare ogni oggetto che non fosse di necessità medica. La Commissione per la pacifica riunificazione della Corea – emanazione del governo del Nord – ha diramato un comunicato in cui definisce la chiusura di Kaesong da parte di Seoul “una pericolosa dichiarazione di guerra” e una “chiara volontà di tagliare ogni forma di relazione fra Nord e Sud”.

    Kaesong è stato inaugurato nel 2004 grazie alle politiche di distensione messe in campo dal presidente sudcoreano Kim Dae-jung (decaduto dalla carica nel 2003). Da allora ha fruttato al governo del Nord circa 616 miliardi di won (circa 560 milioni di dollari) in rimesse e tasse. In sostanza, l’area combina il capitale e la tecnologia sudcoreana con la manodopera nordcoreana: le 124 aziende del Sud che vi operano hanno assunto lo scorso anno 54mila operai del Nord. Questi hanno prodotto nel solo 2015 beni per un valore pari a circa 550 milioni di dollari.

    Insieme ai tour sul monte Kumgang, alla “linea rossa” diretta e al “villaggio della pace” di Panmunjon, il complesso industriale è stato per anni uno dei pochi ponti fra le due nazioni. Nonostante le relazioni siano state sempre altalenanti, non è mai successo che tutti i punti di contatto venissero interrotti. Una fonte cattolica del Sud spiega ad AsiaNews che la situazione “questa volta è davvero grave. Sembra di essere tornati ai tempi della Guerra Fredda: da una parte la Corea del Nord con Cina e Russia, dall’altra la Corea del Sud con Stati Uniti e Giappone”.

    Diversi analisti fanno notare oggi come in effetti i rapporti fra Pechino e Pyongyang sembrano essersi normalizzati, dopo un lungo periodo di freddezza diplomatica; allo stesso tempo, il governo conservatore di Seoul guidato da Park Geun-hye si è più volte rivolto a Tokyo e Washington per sostegno militare e diplomatico in seno alla comunità internazionale contro il regime dei Kim. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/04/2013 COREA
    Pyongyang blocca sette manager del Sud per “motivi amministrativi”
    Nella notte è finito il ritiro degli operai sudcoreano dal complesso industriale di Kaesong, chiuso in maniera unilaterale dal Nord a inizio aprile. Restano nell’area alcuni supervisori che dovrebbero pagare stipendi e bollette relative ad aprile: ma i nordcoreani bloccano al confine il camion che porta i contanti.

    16/09/2013 COREA
    Disgelo in Corea: riparte Kaesong e a Pyongyang si suona l'inno del Sud
    Come da accordi, questa mattina sono riprese le operazioni nel complesso industriale intercoreano chiuso di imperio dal regime nel corso dell'ultima crisi nella penisola. E nella capitale del Nord, durante i Campionati asiatici di sollevamento pesi, viene issata la bandiera di Seoul per festeggiare due atleti sudcoreani.

    11/09/2013 COREA
    Corea, Seoul e Pyongyang trovano l'accordo per riaprire Kaesong
    Il prossimo 16 settembre ripartiranno i lavori nel complesso industriale intercoreano, che l'arcivescovo di Seoul ha spesso indicato come "segno di pace e di speranza" per la penisola. Il Sud godrà di un'esenzione fiscale per l'anno in corso. Attesa anche per le riunificazioni familiari, ferme da anni, che dovrebbero ripartire in occasione della Festa del Ringraziamento coreana.

    12/07/2016 13:35:00 COREA
    Seoul, imprenditori contro il governo: Riaprite Kaesong

    Chiuso cinque mesi fa a causa dell’altissima tensione fra Nord e Sud della penisola, il complesso industriale inter-coreano è sotto il controllo dell’esercito di Pyongyang. L’esecutivo del Sud nega agli investitori la possibilità di controllare gli stabilimenti, e le 124 aziende coinvolte nel progetto rischiano il fallimento.



    08/08/2013 COREA
    Kaesong, Seoul e Pyongyang trattano per la riapertura
    Fissato per il 14 agosto “l’incontro definitivo” per decidere le sorti del complesso intercoreano, dove 123 fabbriche del Sud danno lavoro a circa 50mila operai del Nord.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Lettera per i 100 anni della Maximum Illud sull’attività svolta dai missionari nel mondo



    Per l’ottobre 2019, papa Francesco lancia un Mese Missionario Straordinario per risvegliare l’impegno della missione ad gentes e per trasformare in modo missionario la pastorale ordinaria, sfuggendo alla stanchezza, al formalismo e all’autopreservazione. Il “compito imprescindibile della missione ad gentes da Benedetto XV al Concilio Vaticano II, a papa Giovanni Paolo II, fino all’Evangelii Gaudium.


    CINA-VATICANO
    Wang Zuoan: Papa Francesco è sincero, ma deve sottostare a due condizioni

    Li Yuan

    In un’intervista alla Commercial Radio, il direttore dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi ribadisce l’urgenza di tagliare i rapporti con Taiwan e di non interferire negli affari interni della Cina, nemmeno quelli religiosi. Grandi elogi al discorso di Xi Jinping da parte dei due vescovi ospiti del Congresso del Partito, Fang Xinyao e Ma Yinglin. “Falsi pastori, ma reali schiavi”. I timori di un cattolico sotterraneo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®