26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 20/07/2007, 00.00

    CINA – COREA DEL NORD – ONU

    Corea del Nord, niente accordo sul nucleare



    Fumata nera al vertice di Pechino. Gli inviati dei Paesi coinvolti nel negoziato si riuniranno il prossimo settembre per discutere i “dettagli tecnici” dell’accordo. Restano le frizioni fra Washington e Pyongyang.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Fumata nera nei colloqui a sei sulla questione nucleare nord coreana: i rappresentanti dei Paesi coinvolti nel negoziato – Corea del Nord, Stati Uniti, Cina, Russia, Giappone e Corea del Sud – non hanno raggiunto un accordo definitivo sulla chiusura di tutti i siti nucleari dislocati sul territorio nord coreano. Il compito viene così rimandato a settembre, quando gli inviati si incontreranno per discutere innanzitutto i “dettagli tecnici” che porteranno all’eventuale abbandono del programma nucleare da parte di Pyongyang.

    Questa settimana la Corea del Nord ha chiuso tutti e 5 i reattori del principale sito nucleare a Yongbyon e, in base agli accordi stipulati, ha ricevuto un primo carico di 50mila tonnellate di petrolio. Gli aiuti toccheranno quota un milione di tonnellate se la Corea deciderà di completare anche la seconda fase del piano di rinuncia al nucleare e renderà pubbliche le proprie conoscenze in materia.

    Fra i motivi di scontro resta aperta la questione su possibili programmi segreti di arricchimento dell’uranio che, secondo gli Stati Uniti, la Corea del Nord porta avanti di nascosto: secca la replica del governo di Pyongyang, che rigetta ogni accusa.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/10/2006 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    Pyongyang minaccia l'Onu: sanzioni dure significano guerra

    Tokyo e Washington approvano misure unilaterali nei confronti di Pyongyang e premono per inserire l'uso della forza armata nelle sanzioni Onu. Pechino chiede calma, ma si dice d'accordo per una risposta dura. Seoul tentenna.



    04/09/2006 Corea del Nord – Cina
    Pechino "convoca" il leader coreano Kim Jong-il

    Il governo cinese vuole fermare i test missilistici e nucleari che Pyongyang starebbe portando avanti nonostante la risoluzione Onu che glielo vieta. In risposta, la Corea del Nord blocca i visti ai turisti cinesi.



    06/03/2013 COREA DEL NORD – ONU
    Le sanzioni Onu “sono le più dure mai imposte a Pyongyang”
    Nella notte arriva l’accordo al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite su una bozza di testo che cerca di bloccare con la forza le provocazioni militari del regime. Pechino: “Noi siamo d’accordo, ora basta”. Pyongyang minaccia la rottura dell’armistizio se non si fermano le esercitazioni Usa-Corea del Sud e consegna centinaia di decorazioni agli “Eroi della Rivoluzione”.

    15/04/2009 COREA – NAZIONI UNITE
    Corea del Nord, sale la tensione sul programma nucleare
    Pyongyang espelle gli ispettori delle Nazioni Unite e abbandona i colloqui a sei. La comunità internazionale chiede il ritorno al tavolo delle trattative. Analisti giudicano le minacce un tentativo per ottenere nuove concessioni economiche.

    04/09/2009 COREA DEL NORD
    Corea del Nord: abbiamo l’uranio arricchito, possiamo creare la bomba o trattare
    Pyongyang afferma di essere prossima a creare la bomba atomica ma si dice disponibile a trattare e non contraria alla denuclearizzazione della penisola coreana. Esperti: il regime nordcoreano vuole riprendere i colloqui salvando la faccia. Sarà decisivo il ruolo di Pechino.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®