24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/03/2017, 08.49

    COREA DEL SUD

    Corea del Sud, rivisti gli orari di lavoro dei dipendenti pubblici: 9 ore di riposo garantite



    Il Ministero delle risorse umane detta una nuova linea. I lunghi turni di lavoro sono un problema sociale. La settimana lavorativa è fissata a 40 ore. Vietate le comunicazioni con i dipendenti al di fuori degli orari di lavoro. Le linee guida del governo intendono migliorare anche le relazioni familiari.

    Seoul (AsiaNews) – Vengano garantite, a tutti gli impiegati degli uffici governativi, almeno 9 ore di riposo. E’ l’iniziativa presa dalle autorità della Corea del sud, anche per migliorare la salute dei dipendenti del settore pubblico.

    Sono inoltre sconsigliate le interazioni per mezzo dei social media e le comunicazioni telefoniche con i dipendenti del governo al di fuori delle ore di servizio. Le nuove direttive sono contenute nel documento “2017 – Linee guida per il rinnovamento degli uffici pubblici”, redatto dal Ministero delle risorse umane.

    La linea guida del ministero raccomanda una settimana lavorativa di 40 ore e la regolazione flessibile dell'orario di lavoro all'interno di un intervallo tra 4 e 12 ore. Il documento spiega che a un dipendente che torna a casa all’una di notte a causa degli straordinari, per esempio, può essere consentito di presentarsi sul luogo di lavoro alle 10 dello stesso giorno.

    In Corea del Sud, i lunghi turni di lavoro nel settore pubblico e privato sono ritenuti responsabili di vari problemi sociali. È per questo che la nuova normativa intende promuovere anche le relazioni familiari più strette. I dipendenti pubblici con bambini di età inferiore ai 14 anni riceveranno due giorni l'anno in più di vacanza per partecipare ad eventi scolastici con i propri figli.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/05/2012 COREA DEL SUD
    La faccia oscura della crescita coreana: lavorare alla Samsung uccide
    Lee Yun-jeong, 32 anni e 2 figli, è morta di tumore al cervello dopo 7 anni al settore semiconduttori del gigante delle telecomunicazioni. Che nega ogni coinvolgimento ma cerca di tenere la famiglia lontana da avvocati e gruppi civili. Il marito: “Continuerò a combattere per ottenere giustizia”.

    22/10/2014 COREA DEL SUD
    Arcivescovo di Gwangju: La famiglia coreana va verso la rovina, dal Sinodo servono risposte
    Secondo mons. Igino Kim Hee-jong il nucleo familiare "è la base della pace sociale e di conseguenza della pace mondiale. L'economia de-umanizzante e la corsa al successo stanno distruggendo tutto". A causa di questa situazione, anche i rapporti fra le due Coree vanno peggiorando: "Seoul e Pyongyang tradiscono gli ideali di pace e di riconciliazione della nostra popolazione".

    10/01/2007 COREA SUD - NORD
    Pyongyang: aumentano le spese per deificare Kim Jong-il
    In un periodo di fame e carestia, circa il 40% del budget del paese è stato devoluto per costruire migliaia di statue raffiguranti Kim padre e Kim figlio. Lo stanziamento è raddoppiato rispetto al 1990, per contrastare la disaffezione del popolo, prodotta dalla “globalizzazione morbida”.

    28/02/2013 COREA DEL SUD
    Il 20% dei neonati coreani non si sposerà mai
    Natalità azzerata e competizione economica devastano la struttura sociale della Corea del Sud, che presenta oggi le proiezioni statistiche sulla famiglia: un bambino su 5 non avrà mai una famiglia propria. Con conseguenze terribili per lo sviluppo del Paese. L’allarme della Chiesa e il sostegno cattolico pro-life cercano di invertire la tendenza.

    17/05/2006 COREA del SUD
    E' nata la dodicesima figlia in una famiglia della Corea della denatalità record

    La piccola è figlia di un pastore protestante. "Ogni figlio è un dono di Dio", dice, malgrado i problemi concreti che vanno dal mantenere la famiglia a trovare un tavolo per tutti.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®