31/08/2006, 00.00
COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
Invia ad un amico

Corea: gestiti dalla Croce Rossa, partono gli aiuti per il Nord

di Theresa Kim Hwa-young

Il primo carico è composto da cibo, vestiti e medicinali ed è partito ieri per il porto di Nampo. La Croce Rossa spera che il programma di aiuti "possa riavvicinare le due Coree" allontanate dalla crisi missilistica provocata a luglio da Pyongyang.

Seoul (AsiaNews) – Il governo sudcoreano ha imbarcato ieri  il primo carico di aiuti umanitari per le popolazioni del Nord, colpite da pesanti alluvioni lo scorso mese.

Il carico è stato inviato via mare tramite la Croce Rossa. Esso comprende 300 tonnellate di riso e circa 20 mila capi di vestiario: presenti inoltre medicinali e cibo in scatola. Tali aiuti erano stati interrotti a seguito dei test missilistici effettuati da Pyongyang il 4 luglio scorso.

La nave, la Trade Fortune, è stata caricata al porto occidentale di Inchon: a bordo vi sono quattro rappresentanti della Croce Rossa, che dovrebbero arrivare nel porto nordcoreano di Nampo in serata e rimanere lì per gestire le operazioni di distribuzione dei beni.

Gli aiuti non si fermano a questo carico: entro metà ottobre è pianificato l'invio di 100 mila tonnellate di riso, 80 mila capi di vestiario e 200 veicoli a motore.

Han Wan-sang, presidente della Croce Rossa coreana, ha spiegato prima della partenza della nave che "le alluvioni hanno colpito anche la Corea del Sud, ma abbiamo deciso di mandare aiuti al Nord perché loro ne hanno sofferto molto più di noi. Spero che le due Coree possano trovare un modo per tornare al dialogo, magari proprio attraverso il programma di aiuti umanitari".

Shin Un-sang, vice-ministro dell'Unificazione, ha sottolineato "la grande importanza di questo carico, nato grazie all'accordo fra il governo, l'opposizione e la popolazione".

Le piogge torrenziali hanno colpito la penisola per tutto il mese di agosto, ma è ancora difficile stabilire il numero preciso delle vittime del disastro al Nord: le stime più attendibili parlano di circa 900 morti ed un numero imprecisato di dispersi.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Dopo il test nucleare, la Caritas "continuerà il suo lavoro a favore della popolazione del Nord"
20/10/2006
Corea, le inondazioni al Nord potrebbero aver ucciso 900 persone
28/08/2006
Seoul ripensa l'unificazione, Pyongyang ruba i beni umanitari
25/10/2006
Le alluvioni nel Nord, occasione di pacificazione fra le Coree
09/09/2010
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008