11/05/2020, 10.38
INDIA
Invia ad un amico

Coronavirus: un milione gli indiani all'estero vogliono tornare a casa

di Biju Veticad

Il rimpatrio costringe tutti i governi ad attivare meccanismi diversi per far fronte alla minaccia Covid. Il governo centrale ha inoltre stabilito condizioni rigorose che includono la "quarantena obbligatoria" per 14 giorni. La collaborazione della Chiesa cattolica è molto notevole nell’accoglienza dei i rimpatriati per ricoverarli in quarantena

Delhi (AsiaNews) - Era il 22 marzo quando l'ultimo volo è atterrato in India con passeggeri a bordo. Da quando l’operazione "Vandhe Bharat" ha iniziato a riportare indietro gli indiani, si stima che il numero di loro che potrebbero voler tornare in India potrebbe essere di circa 1 milione.

L'operazione Vandhe Bharat è il più grande rimpatrio dopo la massiccia operazione che risale alla guerra del Kuwait del 1990. Quindi il governo aveva effettuato l'evacuazione dei cittadini più grande di sempre, riportando 1.500 indiani lakh in fuga. Si svolse in 59 giorni, dal 13 agosto all'11 ottobre 1990, con quasi cinquecento voli.

Gli indiani bloccati in tutto il mondo hanno iniziato il loro viaggio di ritorno a casa il 7 maggio, quando aerei e navi militari, in un piano coordinato dal governo, hanno iniziato a riportare indietro circa 15mila cittadini da 13 Paesi. La missione potrebbe durare diverse settimane a causa dell'enorme numero di registrazioni nelle ambasciate indiane in tutto il mondo. Sempre più spesso, tra coloro che hanno chiesto di rientrare ci sono professionisti e lavoratori che hanno perso il lavoro a causa dell'impatto economico dei lockdown. Il Ministero degli Interni ha già reso note procedure operative standard in cui si afferma che la priorità verrà assegnata solo a coloro che hanno "validi motivi per tornare" - persone i cui visti stanno per scadere, che rischiano l’espulsione, con emergenze familiari, problemi medici inclusa la gravidanza e studenti che hanno perso il loro alloggio - sarà permesso di ritornare nella prima fase.

I primi voli con rimpatriati sono giunti nello Stato dell'India meridionale nel Kerala il 7 maggio. Quindi un volo speciale Air India dall'Arabia Saudita per Kozhikode in Kerala ha riportato 152 persone di Tamilnadu, Karnataka e Kerala. I funzionari di frontiera hanno riferito che 84 dei passeggeri che sono tornati da Riyadh erano donne incinte che hanno costretto a chiedere l'assistenza di ginecologi e infermieri.  La nave della Marina con 700 indiani è tornata ieri da Malé con un buon numero di donne in gravidanza e bambini.

Il rimpatrio costringe tutti i governi ad attivare meccanismi diversi per far fronte alla minaccia Covid. Il governo centrale ha inoltre stabilito condizioni rigorose che includono la "quarantena istituzionale obbligatoria" per 14 giorni. Il Dipartimento della salute del Kerala ha allertato 207 ospedali in tutto lo Stato. Ha anche preso accordi con 125 ospedali privati ​​per l'eventualità in una fase successiva. Sono pronti fino a 11mila letti di isolamento e 1700 letti di terapia intensiva per i Keraliti rientranti dalle varie parti del mondo. Inoltre, circa 200mila posti letto sono pronti per la quarantena obbligatoria all'arrivo.

Il governo centrale ha iniziato a organizzare la prima ondata di 64 voli di rimpatrio dal 7 maggio per riportare indietro circa 15mila cittadini da 12 Paesi in una settimana. Durante la prima fase, torneranno gli indiani dagli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Oman, Bahrein, Stati Uniti, Regno Unito, Bangladesh, Malesia, Singapore e Filippine, e il programma verrà successivamente esteso ad altri Paesi come Sri Lanka e Afghanistan.

Il ministro degli Affari esteri S Jaishankar e il segretario agli esteri Harsh Shringla stanno supervisionando il processo di coordinamento con i governi stranieri, le missioni indiane e i governi degli Stati. Il ministero degli Esteri metterà tutte le informazioni sulle persone che rientrano su una piattaforma digitale che sarà accessibile agli altri ministeri e ai governi statali. I dati su coloro che hanno perso il lavoro aiuteranno i governi statali a reinserire questi lavoratori includendoli nei programmi di occupazione del governo nazionale o statale o nei lavori del settore privato. Un numero enorme di indiani che lavorano all'estero svolgono lavori umili e sono stati lasciati senza lavoro a causa della pandemia. Il Golfo, ricco di petrolio, fa affidamento sul lavoro a basso costo di milioni di stranieri – principalmente dall'Asia meridionale - molti dei quali vivono in squallidi campi nelle periferie.

La collaborazione della Chiesa cattolica è molto notevole nell’accoglienza dei i rimpatriati per ricoverarli in quarantena. Diversi centri di ritiro spirituale nel sud dell'India sono stati offerti per un soggiorno gratuito. Invece molti Stati dell'India del Nord sono in difficoltà per organizzare la quarantena obbligatoria per i loro rimpatriati. A causa dell'enorme difficoltà nell'organizzare un soggiorno gratuito, il Bengala, il Bihar, l'Odisha ecc. non stanno facilitando i trasferimenti interni.

È iniziato anche il trasporto interno con treni e veicoli privati. A causa delle tensioni e delle proteste dei lavoratori migranti in tutto il Paese, le ferrovie indiane riprenderanno a far viaggiare i treni passeggeri dal 12 maggio.

Ci sono migliaia di indiani, che non entrano in nessun elenco e non sono curate dalle autorità in varie parti del Paese. Di conseguenza, una lunga fila di persone viene vista sulle strade in bicicletta o a piedi e inevitabilmente si provocano incidenti. Queste persone sfortunate, come tutti gli indiani espatriati sognano di tornare alle loro case. Spesso sono vittime di incidenti sulle strade.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
L’India verso la fine della quarantena. A Kolkata chiese aperte per ‘adorare e pregare’
01/06/2020 11:28
Sindacati indiani: le autorità sfruttano il lockdown per togliere diritti ai lavoratori
22/05/2020 13:04
Coronavirus: nel piano economico di Modi non c’è nulla per milioni di poveri
14/05/2020 14:43
Oltre 350mila keralesi attendono di tornare a casa dopo il lockdown
02/05/2020 10:05
I fratelli dell’Holy Cross raccolgono il riso per i contadini in quarantena (Video - Foto)
20/05/2020 11:53