23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 04/07/2012
EGITTO
Cresce lo scontro fra al-Azhar e Fratelli musulmani per il controllo dell'islam sunnita
Gli islamisti vogliono limitare il potere della più famosa e autorevole università del mondo islamico e imporre la loro visione radicale del Corano. Ahmed al-Tayeb, grande imam di al-Azhar abbandona in anticipo il primo discorso del neo-presidente Morsi. Lo staff del capo di Stato lo aveva lasciato senza posto riservato.

Il Cairo (AsiaNews) - Il conflitto storico fra al-Azhar, la più importante università islamica sunnita, e i Fratelli musulmani esce allo scoperto e divide l'Egitto.  In questi giorni i media locali hanno dato ampio spazio alla polemica fra Ahmed al-Tayeb, grande imam di al-Azhar e il presidente Morsy. In occasione del suo primo discorso a tutta la nazione, lo staff presidenziale ha lasciato in piedi il leader religioso che ha risposto in modo plateale abbandonando l'evento poco prima dell'intervento del neo presidente.  

P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, spiega che "i Fratelli musulmani stanno facendo di tutto per surclassare al-Azhar e imporre la loro interpretazione radicale dell'islam. Per questa regione il grande imam non ha trovato un posto a sedere degno del suo rango al primo discorso di Morsi presso l'università islamica del Cairo". Il sacerdote dice che tale tensione è palpabile da quasi un mese. Prima della sua dissoluzione ad opera dei militari, il parlamento a maggioranza islamista ha fatto in tempo a proporre e votare una legge che limita il ruolo e i poteri dell'istituzione islamica in tema non solo di politica, ma anche di religione.

"Lo scopo dei Fratelli musulmani - aggiunge p. Greiche - è azzerare la presenza di al-Azhar e soprattutto la sua visione moderata dell'Islam nelle istituzioni e nelle scuole, sostituendola con l'interpretazione letterale e radicale propria del movimento e dei salafiti".

Per evitare uno vero e proprio scontro aperto fra istituzioni, oggi Morsi ha fatto le sue scuse ad al-Tayeb, giustificando l'accaduto come una svista organizzativa. In una nota l'università ha sottolineato il suo disappunto affermando che in passato al grande imam veniva riservato un posto accanto al Primo ministro.

In questi anni al -Azhar si è fatta portavoce di un islam più moderato e in  dialogo con le altre religioni, contrastando in modo netto con le posizioni estremiste e di interpretazione letterale del Corano proposte da Fratelli musulmani e salafiti. Fra gli insegnanti dell'Università vi sono diversi affiliati alla Fratellanza, ma essi non hanno spazio e sono guardati a vista dalle gerarchie accademiche e religiose. (S.C.)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/01/2013 EGITTO - ISLAM
Il doppio gioco di al-Azhar per islamizzare l'Egitto e mantenere il potere
di Samir Khalil Samir
28/11/2013 EGITTO
Egitto, dopo scioperi e proteste al-Azhar caccia oltre 200 studenti
19/09/2013 EGITTO
Gli islamisti alzano il tiro: trovati ordigni esplosivi nella metro del Cairo
17/05/2013 EGITTO - ISLAM
Magistrati islamisti e accuse di blasfemia la nuova arma per colpite i cristiani e laici
25/11/2011 EGITTO
Al Azhar appoggia i giovani di Piazza Tahrir e invita a difendere i cristiani

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate