24 Agosto 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/06/2012, 00.00

    SIRIA

    Cristiani siriani nella guerra fra integristi e laicisti, sunniti e sciiti

    Samir Khalil Samir

    Al Qabas, quotidiano del Kuwait, registra l'arrivo in Siria di jihadisti da Arabia saudita, Algeria e Pakistan. Fra loro minori di 18 anni. La Turchia serve come punto di passaggio per armi e persone. Una guerra dell'integralismo sunnita contro gli alawiti sciiti e del fondamentalismo contro il laicismo della dittatura di Assad. La sfiducia dei cristiani. L'occidente ambiguo.

    Beirut (AsiaNews) - Al-Qabas, quotidiano kuwaitiano in lingua araba, ha pubblicato ieri un articolo in cui si afferma che decine di kuwaitiani hanno attraversato la frontiera turco-siriana per combattere il jihad a fianco del Free Syrian Army (Fsa), l'opposizione armata, contro il regime di Bashar el Assad.

    Secondo fonti vicine a questi gruppi entrati in Siria, gli uffici del Fsa accolgono jihadisti e altri militanti provenienti da Arabia saudita, Algeria e Pakistan; forniscono loro documenti d'identità siriani, nel caso in cui fossero presi dall'esercito regolare, e domandano loro di lasciare i loro veri documenti d'identità alla frontiera turca.

    Il Fsa dà loro le armi, dopo aver verificato che essi hanno seguito un addestramento militare nei loro Paesi di origine. Poi, li invia nelle diverse regioni della Siria, secondo i bisogni, a combattere contro le unità dell'esercito regolare. Il Fsa ha anche rimandato indietro nei loro Paesi un certo numero di jihadisti perchè questi avevano meno di 18 anni.

    Da parte sua, la Giordania ha arrestato due militanti salafiti che cercavano di entrare in Siria, anch'essi per combattere accanto agli islamisti.

    Intanto, la Direzione delle Fatwa [in Kuwait], presso il ministero dei Waqfs, ha emesso una fatwa (decisione giuridica islamica) che autorizza di anticipare la zakat (l'elemosina islamica obbliogatoria) prima del termine previsto per venire in iauto ai rifugiati e ai bisognosi della Siria.

     

    Il mio commento

    Vorrei far notare alcuni importanti particolari :

     

    • 1. L'informazione proviene da un quotidiano indipendente del Kuwait, il cui direttore, Mohammad Jassem Al-Sager ha ricevuto il premio dell'International Press Freedom Award, per la sua lotta a favore dei diritti umani. Egli è anche stato membro dell'Assemblea nazionale del Kuwait e presidente del parlamento arabo. Egli è tutto tranne che un alleato del regime siriano.
    • 2. Nel testo arabo, il jihâd significa in modo esclusivo la lotta armata contro il regime siriano. Più volte ritorna il termine qitâl, che significa «guerra», «lotta fino alla morte» (il verbo qatala significa «uccidere»).
    • 3. I combattenti sono addestrati - nei loro Paesi o altrove - prima di essere ingaggiati nel jihâd. Fra di loro vi sono anche dei minori, il Fsa non li accetta, mostrando un certo senso di responsabilità.
    • 4. Non mancano le armi leggere. Esse sono immagazzinate in Turchia, vicino alla frontiera siriana.
    • 5. La Turchia contribuisce alla lotta contro il regime siriano non con combattenti, ma permettendone il passaggio e l'organizzazione.
    • 6. Tutti questi costituiscono un'alleanza di militanti islamisti sunniti. Il regime siriano è retto da alawiti (una ramificazione dello sciismo): lo scontro è dunque divenuto fra sciiti e sunniti. In più, essendo quello siriano un regime laico, l'opposizione raccoglie gli anti-laici, che sono i sunniti wahabiti e salafiti.
    • 7. Questo spiega la diffidenza dei cristiani verso l'opposizione al regime. L'opposizione, che all'inizio era contro la dittatura, la tortura, l'ingiustizia e a favore dei diritti umani, poco a poco ha virato verso la tendenza radicale islamista (Fratelli musulmani e salafiti) per divenire alla fine una lotta fra due tendenze musulmane: sunniti e sciiti. Fra due mali - la dittatura laica baathista e la dittatura religiosa wahhabita) i cristiani preferiscono la prima, che essi conoscono già e con la quale cercano di convivere da tempo.
    • 8. La sola vera soluzione sarebbe la rinuncia ad ogni dittatura( laica o religiosa) e l'edificazione di uno Stato liberale e democratico. Purtroppo, nel mondo arabo, questo sogno si è realizzato in modo modesto solo in Libano, forse per la presenza sostanziosa di cristiani, più preparati a tale evoluzione.
    • 9. Allo stato attuale, non sembra che la Siria sia capace di realizzare tale progetto. D'altra parte, l'occidente, che avrebbe potuto giocare un ruolo positivo, nei conflitti precedenti (Afghanistan, Iraq, Libia) non ha dato l'esempio di imparzialità e democrazia, ma di seguire piuttosto interessi nazionali sotto la copertura della democrazia.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/12/2013 SIRIA-M.ORIENTE
    Gregorio III: Cristiani del Medio Oriente, non emigrate!
    Nella Lettera natalizia del patriarca greco-cattolico di Antiochia e di tutto l'Oriente, un appello ai cristiani a vivere la missione nel mondo arabo nella carità e nell'impegno sociale, senza abbandonare la regione. Personalità musulmane apprezzano il contributo cristiano alla cultura araba. Musulmani e cristiani devono lavorare per un pieno riconoscimento dei diritti dei fedeli cristiani alla pari con gli altri e fermare il fondamentalismo. La grande sfida del conflitto israelo-palestinese. La solidarietà di papa Francesco

    04/10/2013 MEDIO ORIENTE - SIRIA
    L'Esercito dell'Islam, il più grande export dell'Arabia Saudita
    Un esperto di politica internazionale e blogger analizza i nuovi passi dell'opposizione siriana sempre più divisa in se stessa e soprattutto sempre più fondamentalista. L'occidente tenta di dare un'immagine "moderata" di essa. Ma il progetto è simile a quello di al Qaeda. Per gentile concessione di Ich (traduzione italiana di AsiaNews).

    29/11/2013 MEDIO ORIENTE
    Medio Oriente, no al radicalismo, sì a un islam "illuminato"
    Il wahhabismo dell'Arabia saudita e il salafismo sono "una bomba a scoppio ritardato" e "un vulcano". E' urgente promuovere un tipo di islam più dialogico con le culture contemporanee. I passi per la pace in Siria e con l'Iran danno speranza anche ai cristiani.

    19/02/2015 MEDIO ORIENTE
    Gregorio III Laham: Per il Medio Oriente una Quaresima nel segno della Via Crucis
    Il Patriarca melchita non ha dubbi: "La guerra totale che ha colpito la nostra regione è la peggiore catastrofe universale dai tempi della II Guerra mondiale. Come pastori rimaniamo con il nostro popolo, ma dobbiamo lavorare con papa Francesco affinché la fiamma della speranza non si spenga nei nostri cuori".

    27/12/2011 MEDIO ORIENTE
    Cristiani e musulmani a un anno dalla primavera araba
    La rivolta araba si è diffusa come un incendio nell’erba secca. Tutti i Paesi ne sono stati affetti. Ma le novità si scontrano con la presa di potere degli islamisti. I timori dei cristiani e la necessità di collaborare anche con l’islam. Il caso della Siria e dei vescovi siriani. L’occidente troppo impacciato; Obama squalificato. Un bilancio di quanto successo quest’anno nel mondo arabo.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Nei dialoghi Cina-Santa Sede c’è silenzio sul destino dei preti sotterranei

    Zhao Nanxiong

    Entro la fine dell’anno, tutti i sacerdoti devono registrarsi per ricevere un certificato che permetta loro di esercitare il ministero. Ma la richiesta deve passare attraverso l’Associazione patriottica, i cui statuti sono “incompatibili” con la dottrina cattolica. Molti sacerdoti, ufficiali e non ufficiali, sono in un grande dilemma.


    IRAQ
    Alqosh, nonostante l'Isis la Chiesa festeggia la prima comunione di cento bambini



    Nella festa dell’Assunta l’intera comunità ha partecipato alla funzione, celebrata da Mar Sako. Vicario patriarcale: momento storico per una cittadina di frontiera a lungo minacciata dai jihadisti. Il primate caldeo invita i bambini a “contribuire alla vita della comunità”. A Kirkuk sua beatitudine ha inaugurato una grotta dedicata alla Madonna. 


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®