11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/05/2016, 11.40

    IRAQ - STATI UNITI

    Da Baghdad a San Diego: la nomina di mons. Warduni apre "una nuova pagina" con la diocesi "ribelle"



    L’ausiliare di Baghdad subentra a mons. Jammo, che lascia per limiti di età. La diocesi è stata protagonista di un duro scontro col patriarcato, rischiando un mini-scisma. Rivolgendosi a fedeli e sacerdoti Mar Sako chiede di aprire “una nuova pagina” nei rapporti. Rinnovando l’invito all’unità, egli parla alle “coscienze” di sacerdoti e monaci riottosi, perché “pensino alle loro responsabilità”. 

    Baghdad (AsiaNews) - Un richiamo all’unità, alla riconciliazione e alla preghiera, per aprire “una nuova pagina” nei rapporti fra il patriarcato caldeo e la diocesi ribelle di San Diego (California). E ancora, un invito rivolto alla “coscienza” di sacerdoti e monaci che hanno “disobbedito” in passato, perché “pensino alle loro responsabilità” in quanto “consacrati a Cristo”. Così Mar Louis Raphael Sako, in un messaggio “a sacerdoti, monaci, suore, diaconi e fedeli” della chiesa di San Pietro Apostolo, ha commentato il cambio della guida ai vertici della diocesi statunitense. Il 7 maggio scorso papa Francesco ha nominato mons. Shlemon Audish Warduni, a lungo vescovo ausiliare di Baghdad e personalità di primo piano della Chiesa irakena, nuovo amministratore apostolico. Egli subentra al vescovo “dissidente” Sarhad Joseph Jammo, dimissionario per limiti di età.

    Negli ultimi tempi la diocesi statunitense è stata al centro di un braccio di ferro con i vertici del patriarcato caldeo e sua beatitudine Mar Louis Raphael Sako, per aver accolto (e fatto esercitare) sacerdoti e monaci fuggiti dall’Iraq senza il consenso del loro vescovo o superiore. Una controversia che ha segnato a lungo la Chiesa caldea e che solo negli ultimi tempi sembrava essersi ricomposta dopo un difficile lavoro di mediazione. 

    Lo scontro fra patriarcato e diocesi ribelle è iniziato nel 2013, con il neo eletto patriarca Sako (subentrato al card. Delly) che ha richiamato mons. Jammo per aver accolto sacerdoti e monaci fuggiti dall'Iraq senza il permesso dei loro vescovi o superiori. A più riprese il patriarca ha ordinato il rientro di monaci e sacerdoti in Iraq e ricordato il dovere di obbedienza al vescovo riottoso, senza risultati.

    La frattura, che ha coinvolto anche il Vaticano in un difficile lavoro di mediazione, ha fatto temere a lungo il rischio di (mini) scisma all'interno della Chiesa caldea. Lo stesso Mar Sako aveva più volte minacciato le dimissioni nel caso in cui i suoi ordini fossero stati disattesi, perché la carica di patriarca avrebbe significato solo “un titolo onorifico cui non tengo”. 

    Il neo amministratore apostolico della diocesi di San Diego dei caldei è nato a Batnaya, cittadina della piana di Ninive nel nord dell’Iraq, il 24 aprile 1943; egli è stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1968 e vescovo il 16 febbraio 2001. Per anni ha ricoperto il ruolo di ausiliare di Baghdad e di braccio destro del patriarca Delly e del successore Mar Sako.  

    Nel suo messaggio alla diocesi il patriarca caldeo ha ricordato l’importanza della “unità” della Chiesa caldea, caratterizzata da relazioni fra sacerdoti e fedeli improntate “all’amore e alla collaborazione” per affrontare “le crescenti sfide, le minacce, i rischi”. Rinnovando l’invito alla “riconciliazione”, sua beatitudine auspica l’apertura di una “nuova pagina” nei rapporti fra Baghdad e la comunità di San Diego, che sarà chiamata a “mostrare sostegno e solidarietà” verso i fratelli che vivono nella madrepatria e devono affrontare “minacce gravissime”. 

    Mar Sako rivolge inoltre un pensiero particolare diretto alle “coscienze” di monaci e preti che hanno “disobbedito” alla Chiesa e hanno “lasciato” diocesi e monasteri. “Vi invito - scrive il patriarca - a rivolgere l’attenzione verso ciò che è davvero essenziale, pensando alle vostre responsabilità in quanto consacrati a Cristo”, rimuovendo “tutti gli ostacoli” che “vi impediscono di compiere appieno la vostra missione”. Un invito, neanche troppo velato quello del patriarca, affinché monaci e sacerdoti “ribelli” tornino in Iraq a disposizione dei superiori, diventando “veri testimoni di Cristo” non solo “a parole”, ma con “l’esempio”. Rivolgendo parole di ringraziamento per l’opera svolta da mons. Jammo, il patriarca invita infine la comunità a pregare perché “lo Spirito Santo ispiri l’elezione di un nuovo vescovo”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/09/2014 IRAQ
    Patriarca di Baghdad ai musulmani: Condannate l’estremismo, ricostruite l’Iraq coi cristiani
    In occasione dell’Eid al-Adha, la festa islamica del sacrificio, Mar Sako rinnova l’invito alla “riconciliazione” e al “dialogo coraggioso” per una vera pace. Tolleranza, rispetto e giustizia per mantenere “l’identità nazionale” e “la coesistenza”. Il ricordo dei musulmani che si sono sacrificati per salvare i cristiani. E aggiunge: "Vi amiamo perché Cristo insegna ad amare tutti".

    11/04/2016 10:33:00 IRAQ
    Patriarca Sako: La Chiesa irakena ha bisogno dei giovani, coraggiosi testimoni di fede

    Almeno 350 fra ragazzi e ragazze hanno partecipato all’incontro con il leader della Chiesa caldea. Sua beatitudine ha ricordato la scelta della vita consacrata e invitato le nuove generazioni a rispondere ai bisogni di una realtà sofferente. Vertici del patriarcato contro la tratta dei profughi cristiani. Liberare i territori per permettere il rientro degli sfollati.



    05/04/2016 14:26:00 IRAQ
    Patriarcato caldeo: Politici cristiani al governo

    È quanto chiedono i prelati irakeni al termine dell’incontro di oggi a Erbil "per un Iraq plurale e pluralista". Il patriarca Sako e i vescovi plaudono per le recenti vittorie militari contro lo Stato islamico e auspicano il ritorno dei cristiani nelle loro terre. Servono misure urgenti in tema di economia e lavoro, per vincere la povertà. Preoccupazione per la corruzione in ambito politico, finanziario e istituzionale. 



    29/08/2015 IRAQ
    Patriarca di Baghdad: un governo di “emergenza nazionale” per salvare l’Iraq
    In una lettera inviata alle massime autorità irakene mar Sako chiede un esecutivo in grado di rappresentare “tutte le componenti” del Paese. Le riforme in discussione vanno verificate e approvate in modo saggio e i politici devono essere “ad alta integrità e professionalità”. E chiede di integrare le milizie etniche e confessionali nei corpi di polizia e nell’esercito.

    18/02/2015 IRAQ
    Patriarca di Baghdad: In Quaresima preghiere per la pace in Iraq e l’unità dei caldei
    È il messaggio lanciato da Mar Louis Raphael I Sako per l’inizio del periodo di digiuno e preghiera che porta alla Pasqua. Egli invita “fratelli e sorelle musulmani” a condividere il digiuno ed esorta i fedeli a fare penitenza e convertirsi. Infine, chiede di “amare il Paese” come si amano un padre o una madre.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®