01 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/01/2016, 00.00

    CINA-SIRIA

    Da oggi a Pechino il leader dell’opposizione siriana



    La visita di Khaled Khoja, da un anno presidente della National Coalition for Syrian Revolutionary and Opposition Forces, all’indomani di quella del ministro degli Esteri siriano Walid Muallem, conferma il maggiore interesse di Pechino per il conflitto nella regione.

    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Inizia oggi la visita a Pechino di Khaled Khoja (nella foto), da un anno presidente della National Coalition for Syrian Revolutionary and Opposition Forces, principale gruppo degli oppositori siriani in esilio.

    La visita di Khoja conferma un maggior interesse cinese nei confronti del conflitto siriano, dopo che per lungo tempo Pechino ha  giocato un ruolo secondario, sempre schierata con Mosca. Ancora a dicembre ha bloccato con il veto una proposta che chiedeva alla Corte internazionale di giustizia di indagare sui crimini di guerra commessi in Siria, chiedendo invece, come la Russia, solo una “soluzione politica” della guerra.

    Ora, nell’annunciare la visita del leader dell’opposizione siriana. il portavoce del Ministero degli esteri cinese, Hua Chunying, ha detto che “allo stato attuale della situazione abbiamo bisogno di cercare contemporaneamente un cessate il fuoco e una soluzione politica”.

    La visita, peraltro, giunge a breve distanza da quella che il 24 dicembre ha visto il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ricevere in visita ufficiale il ministro degli Esteri siriano Walid Muallem. In tale occasione, Muallem sostenne la disponibilità di Damasco a partecipare a colloqui di pace con i gruppi di opposizione.

    Ma Khoja nel suo primo discorso da quando è stato eletto ha escluso trattative con “il regime di Assad”, a meno che “portano su transizione politica reale e completa”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/08/2016 08:42:00 CINA-SIRIA
    Pechino addestrerà truppe dell’esercito di Bashar Assad

    L’addestramento avverrà in Cina e tratterà di formazione professionale per medicina e cure. Si profila anche sul campo militare la divisione presente nel Consiglio di sicurezza dell’Onu.



    18/02/2012 SIRIA - CINA
    Inviato cinese a Damasco per "rafforzare la cooperazione"
    Pechino rimane contraria a un violento cambio di regime o all'intervento esterno di una forza militare e spera che siano potenziati il dialogo interno e le riforme. Ieri sarebbero state uccise 40 persone.

    06/06/2012 CINA - RUSSIA
    L'asse Mosca-Pechino per ridurre l'influenza Usa in Asia
    Firmati 12 accordi e varato un fondo di investimento comune di 4 miliardi di dollari Usa. Colloqui con Ahmadinejad. Russia e Cina ribadiscono il sostegno al piano Annan sulla Siria. Intanto Pechino rafforza i rapporti economici con il Tajikistan: ricerche di gas nel sottosuolo; prestiti per strade; miniere di rame ed oro.

    17/01/2014 RUSSIA-SIRIA
    A Mosca si rafforza l'asse Russia-Iran-Siria
    Ne sono convinti alcuni analisti dopo i colloqui tra i ministri degli Esteri. Lavrov nega piano segreto a tre per risolvere la crisi. Per il Cremlino fondamentale avere Teheran a Ginevra-2 per provare a mantenere al potere Assad.

    12/03/2015 SIRIA - ONU
    Onu e comunità internazionale hanno fallito: il 2014 è l'anno peggiore per i civili siriani
    Un rapporto presentato da 21 ong accusa il regime siriano e i ribelli di colpire abitazioni civili, ospedali, scuole. I membri del Consiglio di sicurezza e gli Stati hanno frenato l'attuazione delle risoluzioni Onu a favore dei civili. Nel 2014 sono state uccise 76mila persone, su 210 mila in quattro anni. Quest'anno i finanziamenti delle operazioni a favore della popolazione hanno raggiunto solo il 57% del fabbisogno.



    In evidenza

    EGITTO - ISLAM
    In fuga dal Sinai: famiglie cristiane raccontano il terrore

    Loula Lahham

    Uccisioni a bruciapelo, ruberie, incendi: le testimonianze dei cristiani copti fuggiti da Al Arish. Alcuni di loro avevano combattuto la guerra del Sinai nel 1973 e ora sono bollati da Daesh come “crociati”. Sulle case le scritte “Partite!”, o minacce di morte.  Famiglie suddivise in diverse vetture per evitare che in un attacco tutti muoiano contemporaneamente. Segni di amicizia da musulmani di Ismailya.


    EGITTO - ISLAM
    Cristiani del Nord-Sinai in fuga dalle violenze dello Stato islamico

    Loula Lahham

    In soli 10 giorni vi sono stati sette morti. Alcuni uccisi con armi da fuoco, altri decapitati, altri bruciati vivi. I fuggitivi sono stati accolti a Ismailya, a Suez, al Cairo. I cristiani sono la nuova preda di Daesh.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®