22 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/07/2017, 13.10

    LIBANO

    Da tutto il mondo giovani maroniti alla riscoperta delle loro radici



    “Immersione” dei giovani maroniti nati nei Paesi di emigrazione nel loro ambiente culturale e umano di origine e approfondimento della fede cristiana nel suo contesto antiocheo-siriaco sono i due grandi obiettivi che si pongono le Giornate mondali della giovinezza maronita (Lmlm) che si svolgono dal 13 al 23 luglio.

    Beirut (AsiaNews) – “Immersione” dei giovani maroniti nati nei Paesi di emigrazione nel loro ambiente culturale e umano di origine e approfondimento della fede cristiana nel suo contesto antiocheo-siriaco sono i due grandi obiettivi che si pongono le Giornate mondali della giovinezza maronita (Lmlm) che si svolgono dal 13 al 23 luglio.

    Organizzati dall’ufficio per la pastorale giovanile del Patriarcato sul modello della Giornate mondiali della gioventù, questi incontri hanno preso avvio con l’arrivo dei primi viaggiatori. In totale sono almeno 450 i giovani maroniti giunti in Libano dai cinque continenti, in particolare da Europa, Australia e Americhe, ma anche dal Medio Oriente, compresa la Siria.

    I giovani venuti dall’estero incontreranno in Libano un migliaio di loro coetanei e sono divisi tra le diverse diocesi per permettere loro di incontrare i centri maroniti. Domani, al termine di questa fase le Giornate entreranno in un momento nettamente spirituale. Dal 19 al 23 luglio i giovani saranno prima in alcuni conventi nei dintorni di Bkerke e poi in altri al nord. Previsti due momenti forti attorno al Patriarca, il primo il 19 a Bkerke, il secondo, il 22, a Dimane.

    Il programma prevede anche un incontro con i grandi movimenti ecclesiali libanesi, all’università di Kaslik, il 20. Lo stesso giorno ci sarà una processione tra l’eremitaggio di Saint-Charbel e il convento di Annaya. Analogo programma è previsto per il 21. In calendario anche una serie di attività turistiche e sportive.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2005 LIBANO
    Sfeir pensa alla convocazione di un congresso generale cristiano
    Nel giorno del suo ottantacinquesimo compleanno il Patriarca mette in guardia contro chi vuole provare che i libanesi non sono in grado di governarsi da soli. Gli auguri di Chirac.

    08/06/2005 LIBANO
    Divisioni e tensione alla vigilia del voto nel Monte-Libano e nella Bekaa


    24/03/2016 09:12:00 LIBANO
    Tripoli dedica viali e strade a quattro grandi vescovi maroniti del passato

    La decisione è del consiglio municipale, che ha accolto la proposta di mons. Aboujaoudé. Per il prelato i cristiani sono “parte integrante del tessuto sociale”. Un segno della “cordialità” dei rapporti fra cristiani e musulmani nella capitale del nord del Libano. L’impegno per una rappresentatività cristiana alle prossime elezioni. 



    18/03/2016 08:56:00 LIBANO - ONU
    Libano, il patriarca Rai: Anti costituzionale un Paese senza presidente, subito al voto

    Nuovo monito del capo della Chiesa maronita contro lo stallo istituzionale. Il cardinale ha aggiunto che “il patriarcato non ha candidati, non ne indica nessuno e non mette il veto su alcun nome”. Profonda preoccupazione anche da parte del Consiglio di sicurezza Onu. Pericolo di “instabilità” politica, sociale ed economica. 



    20/06/2014 LIBANO
    Sinodo Maronita: "Inammissibile e pericoloso" il vuoto presidenziale. Solidarietà alle Chiese di Siria e Iraq
    Pieno appoggio dei vescovi al patriarca, che esorta Michel Aoun e Samir Geagea a trovare un candidato che riconcili i partiti. Ricordati i due vescovi ortodossi rapiti. Timori per le trasformazioni della carta geografica" del Medio oriente.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®