21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/08/2012, 00.00

    SIRIA

    Damasco pronta a discutere le dimissioni di Assad



    Lo ha dichiarato il vicepremier siriano Qadri Jamil, a Mosca forse per discutere una strategia per nuove elezioni presidenziali. Gli Usa liquidano le sue parole come “nulla di nuovo”. Jamil invita a non porre precondizioni alle trattative. Ancora scontri nella capitale, almeno 42 i civili morti. Quattro i giornalisti stranieri uccisi durante la guerra.

    Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il governo siriano è pronto a discutere l'uscita di scena di Bashar al-Assad, ma le sue dimissioni non possono essere una pre-condizione per iniziare qualunque trattativa. A parlare è Qadri Jamil (v. foto), vice primo ministro del regime siriano, in visita a Mosca ieri. È la prima volta che un membro del governo Assad parla in modo aperto della possibilità di dimissioni del presidente. Gli Stati Uniti hanno risposto alle dichiarazioni senza grandi entusiasmi: Victoria Nuland, portavoce del Dipartimento di Stato, ha infatti definito le parole di Jamil "nulla di nuovo, né incredibile". Intanto, non si fermano gli scontri a Damasco: attivisti dell'opposizione e abitanti affermano che almeno 42 civili sono stati uccisi dall'esercito, nel sobborgo di Maadamiyat al Sham. Ad Aleppo è stata uccisa una giornalista giapponese Mika Yamamoto, corrispondente per l'agenzia di stampa nazionale Japan Press.

    A Mosca, Jamil ha incontrato una delegazione cinese e il ministro russo degli Esteri, Sergei Lavrov, il quale ha ribadito che solo il Consiglio di sicurezza dell'Onu può autorizzare l'uso della forza contro la Siria, e ha ricordato l'inutilità di "imporre la democrazia con le bombe". Oltre a parlare delle dimissioni del presidente Assad, in conferenza stampa Jamil ha aggiunto che "quanti contemplano la possibilità di intervenire, rischia di allargare il conflitto oltre i confini siriani". Fonti del regime affermano che il vicepremier è stato mandato a Mosca per discutere un possibile piano per nuove elezioni presidenziali, che ammettano tutti i candidati - incluso Assad. In precedenza, il Consiglio nazionale siriano (Cns), gruppo che raccoglie tutta l'opposizione interna ed esterna al presidente, ha riferito di stare elaborando un governo di transizione, ma non ha ancora chiarito se esso includa figure del regime.

    Le parole di Jamil seguono l'avvertimento di due giorni fa del presidente Usa Barack Obama, che ha dichiarato che, in caso di uso di armi chimiche da parte della Siria, gli Stati Uniti potrebbero intervenire. A luglio Damasco ha ammesso di avere armi chimiche e biologiche, ma sottolineando che esse saranno usate "solo in caso di aggressione esterna".

    Con la morte della corrispondente giapponese Mika Yamamoto, 45 anni, sale a quattro il bilancio dei giornalisti stranieri uccisi dall'inizio della crisi siriana. Non è ancora chiaro quando sia morta, ma già due giorni fa circolavano voci sul ferimento di una reporter asiatica in una sparatoria. La Yamamoto era stata inviata di guerra anche in Afghanistan (2001) e Iraq (2003). 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/04/2016 12:32:00 SIRIA
    Vicario di Aleppo: Al Nusra ha trascinato gli altri gruppi combattenti a rompere la tregua

    Mons. Georges Abou Khazen conferma una escalation negli scontri fra le parti e parla di “confusione totale”. Dall’esterno “pressioni e interessi” per la divisione e la rovina del Paese. Almeno 30mila profughi premono al confine turco, ma Ankara li respinge aprendo il fuoco. Nell’anno giubilare opere di misericordia per i più bisognosi. 



    05/03/2015 SIRIA
    Aleppo, ribelli siriani attaccano la sede dell’intelligence di Damasco: decine di morti
    Almeno 20 le vittime fra le forze di sicurezza siriane, altre 14 sul versante dei ribelli. Ma l’esercito di Damasco è riuscito a respingere l’assalto. Obiettivo del raid gli uffici della sicurezza interna dell’aeronautica. Altre sei vittime fra i civili in un secondo attacco. I ribelli non accettano la proposta di tregua dell’inviato Onu.

    21/12/2016 11:23:00 SIRIA
    Aleppo, con canti e balli la popolazione celebra la fine dei combattimenti

    Negli ultimi giorni fuggiti 6mila combattenti con le loro famiglie. In città sono rimasti due milioni di civili, che festeggiano la vittoria dell’esercito governativo. Canti e balli in una piazza del quartiere armeno. La polizia ha intercettato e disinnescato un ordigno. Jihadisti ed estremisti cercano la vendetta. Ma le persone non sembrano intimorite e vogliono ricominciare a vivere. 

     



    21/12/2016 08:52:00 SIRIA
    Damasco autorizza l’ingresso di 20 osservatori Onu ad Aleppo est

    Il governo e diversi partiti hanno accettato la risoluzione del Consiglio di sicurezza, che prevede la presenza di esperti indipendenti. L’obiettivo è favorire l’evacuazione e garantire la distribuzione di aiuti umanitari. Russia, Iran e Turchia lavorano per estendere il più possibile la tregua nei combattimenti. 

     



    20/12/2016 08:57:00 SIRIA - ONU
    Il Consiglio di sicurezza Onu approva all’unanimità l’invio di osservatori ad Aleppo

    Previsto l’invio “immediato” per monitorare le operazioni di evacuazione. Dal 15 dicembre almeno 14mila persone hanno abbandonato il settore orientale. Damasco deve però pronunciarsi ancora sull’ingresso. L’inviato speciale Onu per la Siria annuncia un nuovo incontro a Ginevra per l’8 febbraio. 

     





    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®