4 Luglio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
SIRIA
Damasco pronta a discutere le dimissioni di Assad
Lo ha dichiarato il vicepremier siriano Qadri Jamil, a Mosca forse per discutere una strategia per nuove elezioni presidenziali. Gli Usa liquidano le sue parole come “nulla di nuovo”. Jamil invita a non porre precondizioni alle trattative. Ancora scontri nella capitale, almeno 42 i civili morti. Quattro i giornalisti stranieri uccisi durante la guerra.

Damasco (AsiaNews/Agenzie) - Il governo siriano è pronto a discutere l'uscita di scena di Bashar al-Assad, ma le sue dimissioni non possono essere una pre-condizione per iniziare qualunque trattativa. A parlare è Qadri Jamil (v. foto), vice primo ministro del regime siriano, in visita a Mosca ieri. È la prima volta che un membro del governo Assad parla in modo aperto della possibilità di dimissioni del presidente. Gli Stati Uniti hanno risposto alle dichiarazioni senza grandi entusiasmi: Victoria Nuland, portavoce del Dipartimento di Stato, ha infatti definito le parole di Jamil "nulla di nuovo, né incredibile". Intanto, non si fermano gli scontri a Damasco: attivisti dell'opposizione e abitanti affermano che almeno 42 civili sono stati uccisi dall'esercito, nel sobborgo di Maadamiyat al Sham. Ad Aleppo è stata uccisa una giornalista giapponese Mika Yamamoto, corrispondente per l'agenzia di stampa nazionale Japan Press.

A Mosca, Jamil ha incontrato una delegazione cinese e il ministro russo degli Esteri, Sergei Lavrov, il quale ha ribadito che solo il Consiglio di sicurezza dell'Onu può autorizzare l'uso della forza contro la Siria, e ha ricordato l'inutilità di "imporre la democrazia con le bombe". Oltre a parlare delle dimissioni del presidente Assad, in conferenza stampa Jamil ha aggiunto che "quanti contemplano la possibilità di intervenire, rischia di allargare il conflitto oltre i confini siriani". Fonti del regime affermano che il vicepremier è stato mandato a Mosca per discutere un possibile piano per nuove elezioni presidenziali, che ammettano tutti i candidati - incluso Assad. In precedenza, il Consiglio nazionale siriano (Cns), gruppo che raccoglie tutta l'opposizione interna ed esterna al presidente, ha riferito di stare elaborando un governo di transizione, ma non ha ancora chiarito se esso includa figure del regime.

Le parole di Jamil seguono l'avvertimento di due giorni fa del presidente Usa Barack Obama, che ha dichiarato che, in caso di uso di armi chimiche da parte della Siria, gli Stati Uniti potrebbero intervenire. A luglio Damasco ha ammesso di avere armi chimiche e biologiche, ma sottolineando che esse saranno usate "solo in caso di aggressione esterna".

Con la morte della corrispondente giapponese Mika Yamamoto, 45 anni, sale a quattro il bilancio dei giornalisti stranieri uccisi dall'inizio della crisi siriana. Non è ancora chiaro quando sia morta, ma già due giorni fa circolavano voci sul ferimento di una reporter asiatica in una sparatoria. La Yamamoto era stata inviata di guerra anche in Afghanistan (2001) e Iraq (2003). 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
06/03/2015 SIRIA
Capo militare di al Nusra ucciso in un raid dell’aviazione siriana
08/01/2014 SIRIA - ONU
Siria, parte da Latakia la prima nave carica di armi chimiche
04/05/2012 SIRIA
Vicario Apostolico di Aleppo: massacro degli studenti provocato da infiltrati libici e turchi
03/07/2015 SIRIA
Aleppo, gli islamisti all'attacco per cacciare le truppe di Assad e introdurre la sharia
16/06/2015 SIRIA
Vicario di Aleppo: Poche speranze e diffuso scetticismo sulla missione Onu in Siria

In evidenza
ISLAM – M.ORIENTE
Al Azhar e il Vaticano sul terrorismo. Le ambiguità della comunità internazionale
di Bernardo CervelleraL’autorevole università sunnita denuncia le violenze “odiose” dello Stato islamico e domanda al mondo di sconfiggere questo gruppo “attraverso ogni modo possibile”. Vaticano: il terrorismo è una minaccia per l’umanità intera. La Francia dice di combattere il terrorismo, ma poi vende armi, aerei, elicotteri da guerra all’Arabia saudita, che sostiene il fondamentalismo islamico. Il Kuwait lascia vivere i salafiti che appoggiano al Nusra e lo Stato islamico. La Turchia contro i kurdi; gli Stati Uniti contro Iran, Russia e Cina.
TUNISIA - ISLAM
Tunisi, fermare il terrorismo chiudendo le moschee fondamentalistePer il presidente Essebsi, la sfida del terrore può essere affrontata solo con una strategia unitaria e globale. L’attentato a Sousse quasi in contemporanea con quelli in Francia, in Kuwait, in Somalia. Le rivendicazioni dello Stato islamico.
VATICANO – ITALIA
Torino, Papa ai giovani: Siate casti nell’amore e andate controcorrente. Non andate in pensione a 20 anni!L’ultimo incontro della prima giornata di Francesco a Torino è con i giovani, riuniti a piazza Vittorio. Francesco risponde a braccio a tre domande sull’amore, l’amicizia e la sfiducia nei confronti della vita: “Vi capisco, quanti sono ipocriti e parlano di pace vendendo armi. Come si può avere fiducia? Seguendo Cristo, il cui gesto di amore estremo, cioè la Croce, ha salvato l’umanità”. Una disamina degli orrori del Novecento come prova di sfiducia nei confronti delle potenze mondiali. E il ripetuto invito ai ragazzi: “Non andate in pensione a 20 anni, vivete e non vivacchiate!”. Il testo completo della risposta del papa (a cura di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate