04/08/2008, 00.00
MYANMAR
Invia ad un amico

Democrazia e diritti umani nell’agenda dell’inviato Onu in Myanmar

Il rappresentante delle Nazioni Unite incontrerà i vertici della giunta militare al potere e una delegazione di monaci buddisti, protagonisti della rivolta del settembre 2007 repressa nel sangue. Nessuna conferma sul possibile faccia a faccia con la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi.

Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Approfondire i rapporti con la giunta militare al potere per discutere la questione dei diritti umani e incontrare i leader del movimento dell’opposizione che si batte per la democrazia. Sono gli obiettivi alla base del viaggio dell’inviato delle Nazioni Unite Tomas Ojea Quintana in Myanmar, iniziato sabato scorso e che si chiuderà giovedì 7 agosto.

In un documento si ribadisce la volontà del funzionario dell’agenzia Onu per i diritti umani di incontrare “membri di governo, esponenti delle varie etnie e partiti politici” dell’opposizione. Poco fa è stato ufficializzato un vertice con alcuni leader dei monaci birmani, mentre non vi sono ancora riferimenti in merito a un possibile colloquio con il capo dell’opposizione birmana e premio Nobel Aung San Suu Kyi. “Spero di instaurare un dialogo costruttivo con le autorità di governo – afferma l’inviato delle Nazioni Unite – al fine di migliorare [il rispetto dei] diritti umani nel Myanmar”.

Quintana lascerà il Paese giovedì, alla vigilia del 20mo anniversario del massacro compiuto dalla giunta militare contro i manifestanti che chiedevano democrazia. Durante i moti del 1988 morirono più di 3mila persone. Proprio in vista della ricorrenza, il governo ha imposto un giro di vite sulla sicurezza, temendo manifestazioni o cortei di protesta per l’8 agosto.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
La giunta birmana impedisce l'aiuto di cristiani e buddisti e aumenta la censura
20/08/2008
Ban Ki-moon in Myanmar, per il rilascio di Aung San Suu Kyi
03/07/2009
Myanmar, Aung San Suu Kyi rifiuta le forniture di generi alimentari
26/08/2008
Gambari parte a mani vuote, ma in Myanmar è nata una “nuova generazione”di attivisti
08/11/2007
Monaco buddista birmano: tutto il popolo del Myanmar vuole Aung San Su Kyi e la democrazia
15/06/2009