17 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/10/2017, 14.37

    UE - ISRAELE - PALESTINA

    Demolizioni in Cisgiordania: dal 2009, perduti più di un milione di euro di fondi europei



    Nel 2017 sono state abbattute 330 strutture, 72 delle quali finanziate dall’Unione europea. Il 60% a Gerusalemme est. Sfollati più di 500 palestinesi, di cui 290 bambini. Solo l’1% dei permessi di costruzione richiesti sono accordati.

    Gerusalemme (AsiaNews) – Fra il 2009 e il 2017, l’Unione Europea ha perso 1,2 milioni di euro stanziati in edifici in Cisgiordania, demoliti o sequestrati da Israele. Ad affermarlo è un rapporto dell’ufficio rappresentativo dell’Unione Europea in Cisgiordania e a Gaza.

    In esso, si afferma che fra marzo ed agosto del 2017, 150 proprietà palestinesi sono state demolite, confiscate, sigillate o sgomberate; il 60% a Gerusalemme est. Il numero totale delle strutture colpite nel 2017 sale quindi a 330, risultando nello sfollamento di più di 500 palestinesi, 290 dei quali bambini.

    Degli edifici presi di mira 72 erano stati finanziati dalla UE e dagli Stati membri, con una perdita materiale valutabile a 240mila euro. Per il periodo di riferimento si parla di 19 proprietà per un valore totale di circa 127mila euro. Al presente, altri 100 istituti finanziati con fondi europei sono a rischio di abbattimento.

    Le demolizioni ed espropri sono eseguiti dalle autorità israeliane in base all’assenza di autorizzazioni ufficiali. Come già denunciato dall’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha) a luglio, questi permessi sono quasi impossibili da ottenere: negli scorsi anni sono stati approvati solo circa l’1% delle richieste avanzate dai palestinesi nell’area C (sotto il controllo israeliano, nei pressi di colonie e avamposti militari); ovvero 16 risposte positive su un totale di 1.253.

    Ad agosto, la delegazione aveva espresso preoccupazione per l’abbattimento di edifici scolastici, fra cui uno a Jubbet al-Dibh nei pressi di Betlemme, ricostruita “in modo illegale” dagli attivisti. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    12/11/2015 ISRAELE-PALESTINA-UE
    Obbligatoria l’etichetta sui prodotti israeliani dalle colonie nei Territori occupati. Netanyahu: E’ nazismo
    D’ora in poi le etichette di frutta, olio, cosmetici dal Mar Morto, prodotti industriali dovranno specificare se sono “Made in Israel” o nei Territori occupati della West Bank, del Golan, di Gerusalemme est. Israele teme un boicottaggio. Per l’Olp la decisione Ue è buona, ma insufficiente. Anche se ci fosse un boicottaggio, esso varrebbe circa 50 milioni di dollari Usa, una goccia nel commercio fra Ue e Israele.

    04/11/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Gerusalemme est: coloni israeliani espropriano a forza case palestinesi
    Sempre più sentenze di tribunali israeliani per sgomberare famiglie palestinesi dalle loro case. Anche il governo di Tel Aviv contribuisce all’operazione abbattendo abitazioni che definisce abusive: dal 1967 ad oggi le demolizioni sono state circa 2mila, ma nel mirino delle autorità ci sono 15mila costruzioni da abbattere.

    25/07/2017 08:21:00 ISRAELE-PALESTINA
    Israele toglie i metal detector dalla Spianata delle moschee

    Lo smantellamento avvenuto stamane prima dell’alba. Al loro posto Netanyahu propone nuove “tecnologie avanzate” di controllo. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu aveva chiesto di trovare una soluzione entro venerdì. Inviato Onu per il Medio oriente: questi eventi possono creare catastrofi ben oltre il Medio oriente.



    06/07/2016 11:28:00 ISRAELE - PALESTINA
    Attivisti e comunità internazionale contro gli 800 nuovi insediamenti di Israele

    Il piano del governo prevede la costruzione di centinaia di nuovi edifici in Cisgiordania e a Gerusalemme est. Dipartimento Usa: “Ultimo atto di di un processo sistematico di confisca dei terreni”. Peace Now: "Ulteriore pietra sulle possibilità di pace: rafforzerà l’estremismo su entrambi i fronti”. 



    20/11/2014 ISRAELE-PALESTINA
    Soldati israeliani pronti a demolire le case dei palestinesi autori degli attacchi
    Distrutta ieri la casa di Abd al-Rahman al-Shaludi, a Silwan. Consegnato l'ordine di demolizione per le case delle famiglie di Ibrahim al-Akkari, Muhammad Jaabis e Mutaz Hijazi. "la violenza genera violenza". B'Tselem: Errato punire persone innocenti solo perché parenti degli autori di violenze. Haaretz: Le case dei terroristi israeliani rimangono intatte. La giustizia selettiva non è giustizia, ma vendetta.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®