24 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 09/09/2010
INDIA
Deputato estremista indù condannato per le uccisioni nei pogrom anticristiani dell’Orissa
di Santosh Digal
Manoj Pradhan dovrà scontare sei anni di carcere e pagare una multa per l’uccisione di un cristiano durante i pogrom del 2008. In giugno era stato condannato per un altro omicidio, ma l’Alta corte dell’Orissa gli aveva concesso la libertà con la condizionale. Avvocato dei cristiani: “Ora le vittime possono ritornare ad avere un po’ di fiducia nel sistema legale indiano”.

Bhubaneswar (AsiaNews) – La corte del distretto di Kandhamal ha condannato oggi a sei anni di reclusione Manoj Pradhan, deputato dell’Orissa del Bharatiya Janata Party (Bjp), per l’omicidio di Vikram Nayak, cristiano ucciso durante i pogrom del 2008. L’estremista indù – che appartiene anche al gruppo radicale Sangha Parivar - dovrà pagare una multa di 250 euro per le spese processuali.  

La notizia è stata accolta con favore dai cristiani di Kandhamal, che a due anni dai pogrom non hanno ancora ottenuto giustizia. “La condanna di Pradhan - afferma p. Dibakabr Parichha, avvocato e supervisore del processo - dà un raggio di speranza per le vittime dei pogrom di Kandhamal”. Secondo Markose Joseph Kunnumpurath, avvocato che in questi anni ha assistito i cristiani nel processo, “ora le vittime possono ritornare ad avere un po’ di fiducia nel sistema legale indiano”.  

Tra i principali responsabili delle violenze. Pradhan è implicato in 38 casi di omicidio. Di questi solo sei sono stati presi in esame dalla corte. Lo scorso 29 giugno il tribunale lo ha condannato a sette anni per  l’uccisione di un altro cristiano, Parikhita Naik. La condanna non è stata mai scontata grazie all’intervento dell’Alta corte dell’Orissa, che gli ha concesso la libertà con la condizionale.

Tra dicembre 2007 e agosto 2008, gli estremisti indù hanno ucciso 93 persone, bruciato e depredato oltre 6500 case, distrutto oltre 350 chiese e 45 scuole. A causa dei pogrom, oltre 50mila persone sono fuggite nella foresta; molti di loro vivono in capi profughi. Altri, ritornati ai loro villaggi, sono stati costretti a riconvertirsi all’induismo. A tutt’oggi, gran parte degli autori dei crimini sono in libertà e al processo presso il tribunale di Kandhamal i testimoni sono stati messi a tacere, con minacce e discriminazioni.

 

 

 

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/07/2010 INDIA
Orissa, libero su cauzione politico indù condannato per i pogrom anticristiani
04/02/2010 INDIA
Un’altra chiesa saccheggiata in Karnataka
di Nirmala Carvalho
23/08/2010 INDIA
Un tribunale popolare per dare giustizia alle vittime dell’Orissa
di Santosh Digal
02/09/2010 INDIA
Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
di Nirmala Carvalho
29/03/2011 INDIA
Orissa, arrestati 12 tribali convertiti al cristianesimo senza il permesso delle autorità
di Nirmala Carvalho

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate