30 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 09/09/2010, 00.00

    INDIA

    Deputato estremista indù condannato per le uccisioni nei pogrom anticristiani dell’Orissa

    Santosh Digal

    Manoj Pradhan dovrà scontare sei anni di carcere e pagare una multa per l’uccisione di un cristiano durante i pogrom del 2008. In giugno era stato condannato per un altro omicidio, ma l’Alta corte dell’Orissa gli aveva concesso la libertà con la condizionale. Avvocato dei cristiani: “Ora le vittime possono ritornare ad avere un po’ di fiducia nel sistema legale indiano”.

    Bhubaneswar (AsiaNews) – La corte del distretto di Kandhamal ha condannato oggi a sei anni di reclusione Manoj Pradhan, deputato dell’Orissa del Bharatiya Janata Party (Bjp), per l’omicidio di Vikram Nayak, cristiano ucciso durante i pogrom del 2008. L’estremista indù – che appartiene anche al gruppo radicale Sangha Parivar - dovrà pagare una multa di 250 euro per le spese processuali.  

    La notizia è stata accolta con favore dai cristiani di Kandhamal, che a due anni dai pogrom non hanno ancora ottenuto giustizia. “La condanna di Pradhan - afferma p. Dibakabr Parichha, avvocato e supervisore del processo - dà un raggio di speranza per le vittime dei pogrom di Kandhamal”. Secondo Markose Joseph Kunnumpurath, avvocato che in questi anni ha assistito i cristiani nel processo, “ora le vittime possono ritornare ad avere un po’ di fiducia nel sistema legale indiano”.  

    Tra i principali responsabili delle violenze. Pradhan è implicato in 38 casi di omicidio. Di questi solo sei sono stati presi in esame dalla corte. Lo scorso 29 giugno il tribunale lo ha condannato a sette anni per  l’uccisione di un altro cristiano, Parikhita Naik. La condanna non è stata mai scontata grazie all’intervento dell’Alta corte dell’Orissa, che gli ha concesso la libertà con la condizionale.

    Tra dicembre 2007 e agosto 2008, gli estremisti indù hanno ucciso 93 persone, bruciato e depredato oltre 6500 case, distrutto oltre 350 chiese e 45 scuole. A causa dei pogrom, oltre 50mila persone sono fuggite nella foresta; molti di loro vivono in capi profughi. Altri, ritornati ai loro villaggi, sono stati costretti a riconvertirsi all’induismo. A tutt’oggi, gran parte degli autori dei crimini sono in libertà e al processo presso il tribunale di Kandhamal i testimoni sono stati messi a tacere, con minacce e discriminazioni.

     

     

     

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/07/2010 INDIA
    Orissa, libero su cauzione politico indù condannato per i pogrom anticristiani
    Manoj Pradhan, accusato di diversi omicidi e atti vandalici, è in libertà grazie all’intervento dell’Alta corte dell’Orissa che ha accettato il ricorso in appello. Lo scorso 29 giugno il tribunale locale lo aveva condannato a sette anni di carcere con l’accusa di omicidio. Portavoce e avvocato della diocesi di Cuttack-Bunaneshwar: “Questo fatto farà deragliare la costruzione del processo di pace a Kandhamal”.

    04/02/2010 INDIA
    Un’altra chiesa saccheggiata in Karnataka
    Alle due di questa mattina un gruppo di vandali ha saccheggiato la chiesa di San Mattia a Malavalli nel distretto di Mandya. Dall’inizio dell’anno questo è il sesto attacco nello stato del Karnataka. Gli aggressori hanno profanato il crocifisso, distrutto le statue e rubato le ostie custodite nel tabernacolo. Ancora una volta si teme la mano degli estremisti indù. Il parroco della chiesa invita i fedeli a perdonare i vandali.

    23/08/2010 INDIA
    Un tribunale popolare per dare giustizia alle vittime dell’Orissa
    La prima sessione del Tribunale nazionale del popolo (National People’s Tribunal) è iniziata ieri a New Delhi e durerà fino al 24 agosto. Tra i partecipanti ex giudici, attivisti, giornalisti e analisti politici. Essi ascoltano le testimonianze dei sopravissuti ai massacri, per far luce sui pogrom anticristiani scoppiati il 23 agosto 2008 e sollecitare l’arresto degli estremisti indù autori dei massacri a tutt’oggi impuniti.

    02/09/2010 INDIA
    Leader cristiani: il governo dell’Orissa ha ignorato le vittime del pogrom
    Mons. Cheenath e il presidente dell’Orissa Minority Forum chiedono condanne per gli autori delle violenze, compensi alle vittime e iniziative di pace. Il movimento ha creato un’ala giovanile per far fronte ai bisogni della comunità. A oggi restano ancora 3500 alloggi da ricostruire.

    29/03/2011 INDIA
    Orissa, arrestati 12 tribali convertiti al cristianesimo senza il permesso delle autorità
    Essi hanno violato l’Orissa Freedom of Religion act. La polizia ha lanciato un mandato di cattura contro i due pastori protestanti responsabili della conversione. Sajan K. George presidente del Consiglio dei cristiani indiani: “Quanto commesso è scandaloso ed è una parodia della visione nobile alla base degli ideali sanciti nella Costituzione indiana”.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®