11/10/2021, 12.22
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka, ministro dell'Interno: abbiamo 8 milioni di tossicodipendenti

di Sumon Corraya

Il Bangladesh Police Welfare Trust ha inaugurato un nuovo centro di riabilitazione per chi fa uso di sostanze stupefacenti. Gli esperti avvertono che durante la pandemia è aumentato il consumo di droghe tra giovani e non. Il direttore di un centro di recupero della Caritas: "Serve più consapevolezza sul tema della salute mentale".

Dhaka (AsiaNews) - In Bangladesh ci sono 8 milioni di tossicodipendenti. A lanciare l’allarme è stato il ministro dell’Interno Asaduzzaman Khan Kamal, dopo che nei giorni scorsi il Bangladesh Police Welfare Trust ha inaugurato un centro di riabilitazione per persone dipendenti dalle droghe. Il centro, che può ospitare fino a 60 persone, si trova nella zona di Bashundhara Riverview, nel Keraniganj meridionale, e sarà aperto 24 ore al giorno.

“Abbiamo avuto successo contro il tabacco", sostiene Kamal. Egli ha sottolineato che per mettere un freno alla tossicodipendenza "dobbiamo eliminare la domanda e l’offerta di droga. È allarmante che ci siano 8 milioni di tossicodipendenti nel nostro Paese”. Anche l’ispettore generale della polizia, Benazir Ahmed, è intervenuto: “C’erano già vari accordi pubblici e privati per il trattamento dei tossicodipendenti, ma non sapevamo quanto tempo ci sarebbe voluto per completare i trattamenti. Così abbiamo deciso di istituire un centro più moderno che offre anche consulenza psicologica”. 

Nella struttura del Bangladesh Police Welfare Trust lavorano medici, psichiatri, terapisti, esperti di yoga e consulenti. Le visite si svolgono al primo piano, mentre il resto dell’edificio è dedicato agli alloggi, che sono di vario tipo (camere singole e doppie, con o senza aria condizionata).

Secondo gli esperti che hanno partecipato all’inaugurazione, i giovani prendono contatti sui social media per ottenere sostanze stupefacenti, che provengono soprattutto dall’India e dal Myanmar. Con la pandemia il consumo di droga è aumentato tra giovani e non anche a causa della pressione psicologica. 

Per Montu Palma, direttore del Bangladesh Rehabilitation and Assistance Center for Addicts (Baraca), un progetto della Caritas Bangladesh, è “necessario che la gente sia più consapevole dei danni che può causare la droga”. Il cattolico ha aggiunto che la maggior parte della gente ignora i problemi di salute mentale: "La consulenza psicologia viene ricercata solo in caso di gravi malattie psichiche, ma se ci fosse più consapevolezza intorno al tema della salute mentale si riuscirebbe a prevenire l’abuso di droga, che nasce quasi sempre da un forte disagio psicologico”.

Dal 1998 Baraca fornisce diversi servizi di assistenza e riabilitazione per i tossicodipendenti. Al momento ospita 31 pazienti. Oltre alle attività di recupero e consulenza, la struttura offre rifugio notturno per i ragazzi che vivono in strada e corrono situazioni di pericolo. Migliaia di persone che negli anni sono passate per il centro sono guarite.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Bangladesh, pena di morte per gli spacciatori: ‘blindare’ il voto di dicembre
12/10/2018 12:01
Internet, droghe, consumismo, relazioni extraconiugali: i problemi delle famiglie cristiane
07/07/2017 12:00
Bangkok liberalizza il kratom: rimosso dalla lista dei narcotici
24/08/2021 12:35
Rosa Wang, la psicologa che si fida di Dio e dei cani
20/12/2016 11:00
Arte-terapia in Corea, per curare il malato e conoscerlo di più
13/09/2005