19/05/2010, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka, riposerà in un cimitero cristiano la donna vittima di un omicidio

di William Gomes
L’identità della vittima, il cui cadavere è stato trovato il 30 aprile ai margini di una strada, è ignota. Le autorità hanno affidato alla Chiesa cattolica il compito di seppellirla perché indossava una medaglietta con l’immagine della Vergine Maria. Il corpo presentava segni di violenze.
Dhaka (AsiaNews) – L’identità resta ancora sconosciuta, ma potrà almeno riposare in pace – sepolta in un cimitero cristiano di Dhaka – la donna bangladeshi vittima il 30 aprile scorso di un probabile caso di omicidio. Per più di due settimane il corpo è rimasto custodito in un obitorio. Il 16 maggio scorso il giudice ne ha ordinato la sepoltura con rito cristiano; la decisione è stata presa perché la donna, quando è stata uccisa, indossava una collana con l’immagine della Vergine Maria.
 
Sahjahan Hossain vice-ispettore di polizia a Badda – un sotto-distretto di Dhaka – riferisce che “il 30 aprile scorso abbiamo trovato in un tombino a margine della strada, un cadavere di donna avvolto nelle coperte”. Il corpo presentava segni di torture e abusi, in particolare sul collo e sulla testa. Ma ad attirare maggiormente l’attenzione degli agenti è stata la medaglia con l’immagine della Madonna, che la donna indossava al momento dell’omicidio, e dalla quale hanno dedotto la “probabile” fede cristiana.
 
Il cadavere della donna è rimasto chiuso all’obitorio per 19 giorni, senza che alcuno procedesse all’identificazione. Giornali e tv ne hanno diffuso l’immagine, ma ciò non è servito a dare un nome alla vittima. Il 16 maggio scorso il giudice capo di Dhaka ne ha disposto la sepoltura nel cimitero cristiano della capitale; la polizia, intanto, ha aperto un’inchiesta per omicidio a carico di ignoti.
 
In un primo momento le autorità hanno chiesto l’intervento di Anjuman Mopfidul, che si occupa della sepoltura di corpi non identificati. Egli si è opposto, spiegando che la donna indossava una medaglia cristiana e non andava sepolta con i musulmani.
 
Quando la polizia ha rilasciato il nulla osta, p. Joyti Costa, della cattedrale di St. Mary, ha celebrato le esequie e provveduto a dare una degna sepoltura al cadavere. Una decisione accolta con favore da attivisti per i diritti umani, che plaudono alla scelta della Chiesa cattolica di “guardare prima di tutto all’amore verso la persona, piuttosto che alla fede religiosa di appartenenza”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Pechino: nuovi regolamenti sanitari per fermare il traffico di organi umani
18/07/2006
Arcivescovo di Semarang: preghiere e digiuno, per vivere la Quaresima del Signore
11/03/2011
Finisce in tribunale il caso dell'indù che vogliono seppellire come musulmano
26/06/2008
Vietnam, montagnard cristiano "deve rimanere in carcere" anche dopo morto
19/07/2006
"Lite religiosa" per la salma dell'eroe dell'Everest
22/12/2005