07/09/2009, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Dhaka: bande armate musulmane contro i cristiani, vittime di rapine e violenze

di William Gomes
Nella parrocchia di Solepur in aumento i casi di violenze contro la comunità cattolica. Bande di musulmani perseguitano i cristiani per costringerli a fuggire e occupare i loro terreni. Nonostante le denunce, le polizia non interviene.
Dhaka (Asia News) – Rapine nelle abitazioni, vendite forzate di terreni, tentati sequestri e furti di motocicli. La comunità cattolica di Solepur, parrocchia di Dhaka con più di 3mila fedeli, è da settimane nel mirino di bande armate musulmane. Esse commettono crimini di ogni genere e la polizia, nonostante le denunce, non è mai intervenuta per fermare le violenze.
 
La storica chiesa di San Giuseppe, costruita nel 1850, è uno dei luoghi di culto più antichi e ricchi di storia del Bangladesh, oltre che il centro della parrocchia di Solepur, a Dhaka. Nel 1997 una folla di estremisti islamici ha preso di mira l’edificio, minacciando di abbatterlo e sradicare la presenza dei cristiani. Oggi sono i fedeli della parrocchia a essere vittima delle violenze delle bande islamiche.
 
Pavel John Gomes, giovane attivista cattolico di Solepur, ammette di “aver paura nel raccontare” tutti i casi di “persecuzioni contro i cristiani” per timore di ritorsioni. Egli racconta però di “vendite forzate di terreni ai musulmani”, abitanti “costretti ad abbandonare i villaggi” e il tentativo di “sequestrare una giovane ragazza cristiana”.
 
Il 30 agosto un musulmano ha rubato il motorino di un giovane cristiano. Raju Augustine Rozario ha denunciato il furto alla polizia, ma gli agenti non hanno cercato di rintracciare il mezzo né hanno preso provvedimenti contro il ladro.
 
Il 15 agosto una banda armata di musulmani ha attaccato la casa di Prokash Rozario, prelevando il denaro e i beni a disposizione della famiglia. “Eravamo in pochi e ci hanno circondato” racconta l’uomo, secondo cui il vero obiettivo dei banditi “sono i terreni, dai quali ci vogliono cacciare”.
 
Philimona Gomes ricorda ancora la notte del 30 aprile, quando una banda di 10 musulmani l’ha derubata, legata, picchiata, umiliata e minacciata di morte. “Ho pregato la Madonna – racconta la donna – perché mi salvasse la vita”. Richard, il figlio, conferma il furto di beni e oggetti preziosi e denuncia “la campagna mirata di persecuzioni contro i cristiani, perché siano costretti ad abbandonare la zona”.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Rami, profugo a Erbil: "Non possiamo fuggire, il futuro dei cristiani è in Iraq"
09/01/2015
Dinajpur: decine di estremisti assaltano un seminario, feriti il rettore e alcuni studenti
07/06/2013
Baghaichhari, esercito contro i cristiani: tre chiese incendiate, migliaia in fuga
25/02/2010
Karnataka, nel ricordo di Gandhi cristiani in marcia contro la persecuzione
01/02/2010
Bangladesh, violenza in campagna elettorale: uccisi tre sostenitori del governo
14/12/2018 11:20